• 2018,  BIANCHI,  Cantine Pellegrino,  DOC,  SICILIA,  Sicilia

    2018 Sicilia DOC Gazzerotta Grillo Superiore, Pellegrino

    Dalla tenuta omonima di 90 ettari nell’entroterra di Mazara del Vallo, tutto biologico con clone proprietario allevato a alberello marsalese appoggiato che protegge bene dal sole e calore i grappoli. Suolo argilla e ricco di carbonato di calcio che aggiungono struttura. Note di miele datteri e fico maturo inizialmente molto presente e marcante, canditi e zagara, speziatura e ricco di note speziate e fumé, lieve gioco ossidativo nei fatti ma in realtà è lo spessore del grillo di intensità a sfumare e rendere sfaccettato il vitigno. La sensazione in bocca è tannica, grintosa sapida con tracce calorie ben misurate e un finale di acidità pimpante e rocciosa che conquista e…

  • 2020,  BIANCHI,  DOC,  Frescobaldi,  Pomino,  TOSCANA

    2020 Pomino Bianco, Frescobaldi

    2020 – Pomino Bianco DOC – Toscana – Bianchi – Frescobaldi 1932, San Francisco, Kezar Pavilion. Partita di high school basketball. Non ci interessano le squadre ma solo un giocatore: il quindicenne Angelo Luisetti, detto Hank. Il basket del 1932 era ancora agli albori: una sorta di corteggiamento delle api che durava dei minuti, finché non si passava la palla al lungo sotto canestro che tirava. In quel pomeriggio di gennaio, ad un certo punto della partita, Hank palleggiò verso il canestro avversario, si arrestò e, per la prima volta nella storia di quel giovane e meraviglioso sport, staccò entrambi i piedi da terra per tirare ad una sola mano.…

  • 2018,  ARGENTINA,  BIANCHI,  Catena Zapata,  ROSSI

    2018 Chardonnay White Bones, Catena Zapata

    La storia della cantina Catena Zapata comincia nel 1898 quando il patriarca Nicola Catena lasciò l’Italia per trasferirsi in Argentina, una nazione che all’epoca offriva interessanti possibilità di sviluppo ai volenterosi che, dalle zone più povere ed arretrate d’Europa, principalmente in Italia e in Spagna, vi emigravano. Dal primo vigneto, piantato nel 1902, la famiglia Catena continuò a prosperare, tanto che il figlio di Nicola, Domingo, era già diventato, negli anni ’50, uno dei viticoltori più famosi di Mendoza. Il vero punto di svolta però arriverà soltanto con il figlio di Domingo:  Nicolás Catena Zapata (il cognome materno, un giovane e brillante economista, si era trasferito in California per insegnare…

  • 2019,  BIANCHI,  Cantina Réva,  DOC,  Langhe,  PIEMONTE

    2019 Langhe Bianco Grey, Réva

    Continuiamo il viaggio nell’emisfero Rèva alla scoperta delle potenzialità dei vini del cieco Miroslav Lekes; a La Morra, dove ha sede l’Azienda, ormai è di casa assieme al suo staff enotecnico come i ciabot tra i vigneti di Langa. E’ la volta dell’unico bianco prodotto dalla Cantina, il Grey 2019, un blend di sauvignon gris (70%) e sauvignon blanc (30%) allevati in località San Sebastiano a La Morra, 3 ettari di vigneto che circondano il Resort e il ristorante Fre, entrambi di proprietà. Il terreno da queste parti è composto prevalentemente da suoli franco-limosi-argillosi che ben si prestano al carattere delle due uve sopracitate, un’intuizione che a distanza di anni…

  • 2016,  DOC,  Roberto Cipresso,  ROSSI,  Rosso di Montalcino,  TOSCANA

    2016 Rosso di Montalcino Doc, Roberto Cipresso

    Da una vigna nei pressi dell’Abbazia di S.Antimo, il Rosso di Montalcino 2016 di Roberto Cipresso è un torrente di drupe fresche appena colte; amarena, ciliegia, susina che si staccano vivide come rinfrescate da un velo di rugiada, su di un sottofondo di spezie e macchia mediterranea. Al sorso è pieno, succoso e vellutato; scorre energico e saporito, sapientemente contrastato fra la dolcezza del frutto e la grana del tannino che innerva un liquido sapido ed avvolgente. Bevuto da magnum.

  • 2015,  AOC,  BEAUJOLAIS,  FLEURIE,  FRANCIA,  Jules Desjourneys,  ROSSI

    2015 Fleurie Sacré Graal, Jules Desjourneys

    Da ormai più di qualche anno i vini della regione del Beaujolas hanno cominciato ad attirare i palati più esigenti della critica francese ed internazionale trasformandosi, progressivamente, da billanti promesse a solide certezze. Tra i viticoltori che riescono a produrre all’interno di questa appellation i vini più celebri e ambiti dal mercato, Fabien Duperry costituisce un caso a se stante. In effetti Fabien è una persona che ha deciso di devolversi alla produzione enologica soltanto nel 2007, a 43 anni, essendo stato fino a quel momento uno dei maggiori mercanti di vino di Borgogna che poteva contare su allocazioni vertiginose da parte dei principali Domaine della zona, tra cui Romanée-Conti,…

  • IGT,  ROSATI,  SICILIA,  Sicilia,  Valle dell'Acate

    2020 Frappato Rosato Bellifolli, Valle dell’Acate

    I mascheroni di Palazzo Bordone campeggiano sulle etichette della linea “per millennial” di Valle dell’Acate, qui con il leone del Palazzo Borbone, aggressivo e impattante. Anche il vino lo è tra melograno e susine, tamarindo e arancio rosso, saporito e lungo con note intriganti da chiaretto quasi , salino iodato e con chiusura con lieve nota tannica che lo rende un vino pensato da insalata veloce e avocado, tartare ma che può avere un uso molto ampio.

  • 2019,  Cantina Vignaioli,  DOC,  Nebbiolo d'Alba,  PIEMONTE,  ROSSI

    2019 Nebbiolo d’Alba, Cantina Vignaioli

    Cantina Vignaioli è una storica realtà di Treiso creata nel 1973 da un’idea di Mario Barbero. Nata dall’impegno e dalla tenacia di tredici soci che devono tutto alla propria determinazione e al territorio, indubbiamente uno tra i più vocati del nostro belpaese in tema di viticoltura. Per dovere di cronaca il suddetto comune rientra a pieno titolo nel disciplinare del celebre Barbaresco Docg. Da queste parti altimetrie non indifferenti e vigneti spettacolari sono all’ordine del giorno, sentieri scoscesi ed impervi dove allevare la vite non è un gioco da ragazzi, basta far due passi tra i filari per rendersene conto. E’ il nebbiolo il cavallo di razza su cui si…

  • 2019,  BIANCHI,  Deperi,  DOC,  LIGURIA,  Riviera Ligure di Ponente

    2019 Riviera Ligure di Ponente Pigato Superiore Cremen, Deperi

    Sulle prime una nube sulfurea offusca il panorama olfattivo, ma il bevitore rilassato, poco incline ai giudizi affrettati e alle puntualizzazioni, saprà aspettare qualche minuto e godrà di  rimandi vagamente erbacei, di un soffio tenue di grano maturo, di zenzero e fiori di tiglio. Senza perdere troppo tempo ad annusare, lo porterà alle labbra e troverà un vino gustoso, sapido, energico, con un piacevole guizzo amarognolo che ricorda la scorza di mandarino a illuminare la deglutizione.

  • 2019,  BIANCHI,  Carussin,  PIEMONTE,  VINO D'ANNATA

    2019 Vino Bianco Tra l’Altro, Carussin

    Vinificare vitigni aromatici per farne vini secchi, da pasto e non da dessert, non è impresa facile perché l’aromaticità, se non domata, è lì pronta a rovinare la festa con il suo portato dolce-morbido. Non è il caso del bianco di Carussin, Tra l’Altro, da uva moscato con un 20% di uva cortese. Entrambi i vitigni fermentano in legno, piccolo per il cortese, tonneau per il moscato dove in seguito prosegue la stabilizzazione naturale, l’affinamento e la maturazione del vino.Profumi delicati, discretamente aromatici, con note di fiori di camomilla e fieno. Il palato coglie subito sostanza, ma è sostanza scorrevole, leggiadra, sbarazzina, dall’equilibrio quasi perfetto tra fragranti note fruttate e…