• 2018,  BIANCHI,  I Castagnucoli,  IGT,  VENETO,  Veneto

    2018 Moscato Giallo, I Castagnucoli

    “A.A.A. Cercasi un vino che sia buono per una passeggiata in un prato, per una lettura sotto a un ulivo secolare al tramonto”.Mi sono innamorata subito del moscato giallo de “I Castagnucoli” . L’azienda agricola di Nicola del Santo è parte della resistenza naturale condotta assieme ad altri amici sulla parte meridionale dei Colli Eugenei. Nicola è un vigneron (per dirla alla francese) che io definisco dei “no”: NO solfiti aggiunti, NO lieviti selezionati, NO filtrazioni, NO chiarifiche. Nessuno (o pochi) interventi in vigna per mantenere la vitalità del terreno, partendo dal non calpestarlo con mezzi pesanti, e tagliare poco l’erba e i fiori che ci sono intorno. L’agricoltura naturale…

  • 2018,  BIANCHI,  Daniele Portinari,  IGT,  VENETO,  Veneto

    2018 Pietrobianco, Daniele Portinari

    Sempre incrociato alle fiere ed apprezzato i vini di Daniele Portinari. Uno che ha mano ferma, idee chiare e locazione ad Alonte, gioiellino sottovalutato del vicentino, dove un giro dovreste andare a farlo per gustarvi la campagna incontaminata, i vecchi mulini e magari mangiare due piatti a La Peca a Lonigo, finanze permettendo. Non divaghiamo: Pietrobianco è il suo blend di pinot bianco e tai bianco, ha naso sottile di fiori, agrumi ed erbe spontanee, qualche sbuffo fienile e un pizzico di volatile che ritorna anche in bocca, ma non nuoce allo spettro espressivo del vino. Che scende vigoroso e non fa prigionieri. La bocca è, infatti, energica e salata,…

  • 2017,  BIANCHI,  Calalta,  IGT,  VENETO,  Veneto

    2017 Mentelibera, Calalta

    Bronner, chi era costui? Non Brynner, l’indimenticato Yul, bensì bronner, vitigno che fa parte della famiglia dei cosiddetti Piwi. Piwi è quasi un vezzeggiativo, abbreviazione di una parola tedesca parecchio più lunga e che non so né scrivere né pronunciare, e indica varietà ibride particolarmente resistenti alle malattie fungine. Per molti viticoltori i Piwi rappresentano il futuro dell’agricoltura consapevole e rispettosa dell’ambiente. Richiedendo pochi trattamenti in vigna sembrano adatti in particolare a chi voglia produrre quei vini che alcuni si ostinano a chiamare naturali. Potrei aprire una parentesi ragionando sull’opportunità di definire “naturale” un vino da vitigno creato in laboratorio dall’uomo. Ma conosco modi decisamente più eccitanti di perdere tempo.…

  • 2017,  BIANCHI,  Calalta,  IGT,  VENETO,  Veneto

    2017 Davvero, Calalta

    Primo pranzo nella nuova casa. Cosa stappi per gli amici e parenti che sono venuti a condividere con te la tua nuova vita? Il tuo nuovo quartiere? Il pranzo della domenica cucinato dalla più brava chef che conosci: tua sorella. Il contesto richiede una scelta ardua. Ma sul vino hai poche chance alla volta e molte possibilità di sbagliare. Della religione degli abbinamenti non ce ne facciamo un bel niente, la lasciamo ai sommelier “ciao-come-sto” e “dimmi che mangi e ti ordinerò cosa bere”. Preferiamo le decisioni di pancia, quelle ardue, che portano in tavola vini che alzano il tiro, che tirano fuori le parole, che facciano parlare di loro.…

  • 2018,  IGT,  ROSSI,  Santa Sofia,  Veneto

    2018 El Maturlan, Santa Sofia

    Oltre l’Amarone c’è vita e modernità di beva. Rosso con un naso energico di frutto di bosco poi cumino, pepe e ciliegie duroni, lavanda e timo, acqua di colonia inglese. Sorprende soprattutto il sorso agile, succoso, fine e di bella ricchezza senza perdere equilibrio. La dolcezza fruttata torna con mirtillo e prugna sul finale, quando tannino e sapidità sfilano rendendolo elegante e stuzzicante. Corvina 100% in parte passita ma soprattutto a fronte di 14% Vol. ci sono 6 gr/l di acidità e 3,4 di zuccheri residui; un mix da tenere bene a mente (con il giusto tannino come in questo caso) per capire come si può dare futuro ad una tipologia…

  • 2016,  IGT,  RIFERMENTATI,  ROSSI,  Tenuta dalle Ore,  VENETO,  Veneto

    2016 Klos, Tenuta Dalle Ore

    Una nota pubblicità di prodotti da forno terminava con un piccolo slogan musicale che diceva: “Stuzzica l’appetito e la fantasia!” Ecco, sostanzialmente è quello che fa questo divertente pét-nat, a base cabernet sauvignon. Prodotto in una piccola azienda a conduzione biologica, nella zona di Trissino (Lessinia, in provincia di Vicenza), questo spumante sur lie con tappo a corona, risulta senza dubbio un vino facile, brioso e di pronta beva. Colore rosa molto intenso, torbido con bolla fine e di buona persistenza. Al naso spiccano fin da subito le note di piccoli frutti rossi, fragola, amarena, lampone, prugna, seguite da una marcata nota vegetale fresca, gomma americana, caramella e un piccolo…

  • 2013,  BIANCHI,  IGT,  La Biancara,  MACERATI,  VENETO,  Veneto

    2013 Pico, La Biancara

    Non sono mai stato un appassionato di macerati ma il Pico mi innamorò fin dal primo incontro. Credo fosse annata 2009. La volatile c’è, inutile negarlo, però non t’ammazza. Potrebbe essere persino funzionale, se capite cosa intendo, alla bevibilità del vino stesso. Che se ne va sereno tra lingua e palato, fischiettando, fiero e minerale, dopo avermi offerto una trama di profumi che danzavano saltabeccando dal dolce all’amaro e viceversa. Miele di castagno, caldarroste, arancia amara e una robusta manciata di zolfo. La Biancara società agricola di Maule Angiolino e Alessandro Località Monte Sorio, 8 36054 Montebello vicentino VI – Italia Tel +39 348 937 7826 biancaravini@virgilio.it