• 'A Vita,  2008,  CALABRIA,  Cirò,  DOC,  ROSSI

    2008 Cirò Rosso Classico Superiore Riserva, ‘A Vita

    Calabria che soffri, patisci, subisci, ti offri, non chiedi, ti accasci e rialzi, blandisci e respingi, innamori e allontani, ispiri nei tuoi figli alti pensieri e desideri di fuga, maledizioni e benedizioni. Calabria sconosciuta ai più e ammirata a dismisura da pochi; sorprendente, suadente, tagliente, ammorbante, ammaliante e respingente. Hai il bello assoluto e il brutto devastante. Calabria che avresti tutto, ma ti hanno tolto tutto, che vivresti da regina, ma sei costretta a mendicare. Calabria che sai donarci meraviglie al gusto come questo vino che è frutto del lavoro abile, meticoloso e attento di un tuo figlio che è tornato a te e ha saputo tirar fuori quello che…

  • 2019,  CALABRIA,  ROSSI,  Vini Jerax,  VINO

    2019 Vùolu Russu, Vini Jerax

    Pazzano. Sapete dov’è? No? Prendete in mano un atlante della Calabria, percorrete la spina dorsale della Regione dal Pollino verso Sud e quando avete adocchiato l’altopiano delle Serre aguzzate la vista cercando tra le località del versante che scivola verso lo Ionio. Trovato? Bene, tracciate una x sul nome di questo minuscolo paese un tempo centro minerario incastonato su un versante della Vallata dello Stilaro, che rientra nei comuni del disciplinare del Bivongi DOC. Qui Tommaso Gerecitano insieme alla sua famiglia ha inseguito caparbiamente il sogno di fare vino, buono e naturale, in una zona vocatissima. Partendo da un vigneto in quota (670 m slm), dove hanno trovato casa piante…

  • 2019,  BIANCHI,  CALABRIA,  Oinos Palizzi,  VINO

    2019 Ebe, Oinos Palizzi

    Chiariamolo subito: per quanto le più grandi espressioni enologiche da zibibbo (moscato d’Alessandria per i più precisini) provengano dalla Sicilia, fare vino con quest’uva non è prerogativa esclusiva degli isolani. Stiamo parlando di una delle varietà a bacca bianca più mediterranee per antonomasia, assieme alle varie malvasie, e anche in quella ridente e fertile plaga dello Stivale che va sotto il nome di Calabria se ne coltiva parecchio. Soprattutto nella parte meridionale della regione, nelle province di Vibo Valentia, Catanzaro e Reggio Calabria. Ed è dalla provincia di Reggio, precisamente da Palizzi, che arriva Ebe. Zibibbo secco vinificato in purezza da Oinos Palizzi Vineria Artigianale, giovane realtà che fa capo…

  • 2013,  CALABRIA,  Cirò,  DOC,  ROSSI,  Tenuta del Conte

    2013 Cirò Riserva Dalla Terra, Tenuta del Conte

    Finalmente cominciano ad emergere le prove che il Cirò Rosso ha la sua arma segreta negli anni che passano. Fino ad oggi, cioè prima della nuova energia produttiva incarnata da donne e uomini della rivoluzione cirotana, avevamo poche possibilità di testarlo. Ovviamente il presupposto è una buona materia prima e un mano capace e sapiente.Qui un esemplare con quasi otto anni sulle spalle. È il Cirò Rosso Riserva della cirò-girl Mariangela Parrilla, dell’azienda Tenuta del Conte.Il vino invia alle narici una piacevole e fresca carrellata di frutti selvatici a bacca rossa e nera: more di rovo, ribes, lampone; e ancora, ciliegie in soluzione alcolica accanto ad una spruzzata di pepe…

  • 2013,  CALABRIA,  Cataldo Calabretta,  Cirò,  DOC,  ROSSI

    2013 Cirò Rosso Classico Superiore, Cataldo Calabretta

    Non sono mai stato da Cataldo Calabretta anche se avrei tanto voluto, ci sono arrivato proprio vicino qualche anno fa ma poi non c’è stata l’occasione. Quando sono sceso in cantina per scegliere il vino per il pranzo della domenica, questa bottiglia sembrava chiamarmi. Un 2013 di gaglioppo che rende onore al lavoro di questi viticoltori di nuova generazione, ma non troppo. Una sorta di elegante rivoluzione la loro, o forse un ritorno alle origini con una presa di coscienza della grande potenzialità di queste terre e di questi vitigni. Da qualche anno a questa parte la Calabria crede nel suo vino e l’Italia intera risponde con entusiasmo. Il Cirò…

  • 2016,  CALABRIA,  Cataldo Calabretta,  Cirò,  DOC,  ROSSI

    2016 Cirò Rosso Classico Superiore, Cataldo Calabretta

    L’arciglione, antico strumento di potatura dei viticoltori cirotani, che ha scelto come simbolo da apporre sulle etichette dei suoi vini dice già molto di Cataldo Calabretta. Simbolo che rivendica il valore della mano dell’uomo, la produzione artigianale, il legame ancestrale con la vigna che per millenni ha determinato lo spirito viticolo di questo territorio, l’arciglione è la sintesi della Weltanschauung vinicola di Cataldo: onorare e osservare le antiche pratiche in vigna, per preservare l’impronta del terroir, escludendo l’utilizzo di qualsiasi sostanza chimica e di sintesi e mantenendo rese estremamente contenute, mentre in cantina si procede con fermentazioni alcoliche spontanee e affinamento del liquido in vasche di cemento per 10 mesi…

  • 'A Vita,  2018,  CALABRIA,  Cirò,  DOC,  ROSATI

    2018 Cirò Rosato, ‘A Vita

    Un rosato per chi cerca esperienze di impegno e per chi vuole conoscere la Calabria più schietta, che non scimmiotta stili o modelli altrui: vino senza eccessi, ma austero, meditativo, assolato, speziato, salmastro, tannico, quintessenziale nei suoi profumi fruttati al mandarino e arancia amara; al naso anche essenze di garofano, viola appassita, rosmarino e tanta macchia mediterranea. Dicevo del tannino: in bocca recita una parte importante, senza disturbare, in equilibrio funambolico con la sostanza fruttata appena accennata e tanta vena erbacea, fresca e amaricante. Leggera alcolicità in punta di lingua. Un vino a vocazione prettamente gastronomica e non da aperitivo sbarazzino o caciarone.Pleonastico parlare dell’azienda ‘A Vita di Francesco Maria…

  • 2018,  BIANCHI,  CALABRIA,  Calabria,  IGT,  Maradei

    2018 Aglò, Maradei

    C’è sostanza, una materia che ben coniuga calore e una certa freschezza acida. Il frutto è maturo e tropicale, papaja e ananas, anche limone (o forse pompelmo?). Poi liquirizia? Rosmarino? Pino marittimo? In generale un tratto molto mediterrano per un sorso che scalda, che riempie il palato grazie a una tessitura tutt’altro che esile, quasi grassa nonostante una certa leggerezza alcolica e una sicura agilità gustativa. Soprattutto c’è beva, sorso più che mai gastronomico che fa della semplicità uno dei suoi tratti distintivi. Ad averne, specie a questo prezzo.

  • 2018,  Az. Ag. Menat,  CALABRIA,  Calabria,  IGT,  ROSATI

    2018 Ji Jian, Menat

    Dei ragazzi di Menat, dell’entroterra cirotano, nella pre-Sila, ho già recensito qui su Intralcio il loro rosato base. Questo è un altro vino rosato concepito per l’invecchiamento, da uve gaglioppo provenienti da viti ad alberello coltivate a 450 m. s.l.m. Come l’altro rosato, anche il Ji-Jian è vinificato e affinato in anfore di terracotta interrate, alla maniera georgiana. Non saprei valutarne il potenziale di invecchiamento, c’è poca casistica al riguardo sulla tipologia dei rosati da gaglioppo, ma è evidente il tratto più austero rispetto all’altro rosato di casa Menat. Naso e colore lo allontanano dai rosati in stile provenzale: è un vino che ha il Mediterraneo vicino, ma ancor più…

  • 2018,  Az. Ag. Menat,  CALABRIA,  Calabria,  IGT,  ROSATI

    2018 Menate-Ø, Menat

    A San Nicola Dell’Alto (Kr), entroterra cirotano, alle pendici della Sila, luogo tra i più sperduti, tre ragazzi matti vinificano il gaglioppo dentro anfore georgiane interrate (kvevri). Rido leggendo quanto scritto nel retro etichetta del loro rosato “Menate – Ø” (leggasi “zero”): “ da bere con amici di spirito e nemici antipatici con cui fare pace. Ottimo coi grissini. Da bere fresco, non ghiacciato”. “Menate – Ø” è infatti un vino da assaporare con il sorriso e con animo disposto alla spensieratezza. L’annata 2018 sa di bassa montagna, di vento, di erbe officinali, di frescura e di bosco. È amaricante, corroborante, conviviale, piacevolissimo, allegro.Non è filtrato e non ha solforosa…