• 2014,  BIANCHI,  CAMPANIA,  Ciro Picariello,  DOCG,  Fiano di Avellino

    2014 Fiano di Avellino, Ciro Picariello

    La longevità del Fiano di Avellino è argomento ormai assodato e fuori discussione. Un grande vitigno a bacca bianca capace – nelle sue migliori espressioni – di sfidare il trascorrere del tempo ben oltre il decennio, perdendo forse in esuberanza ma guadagnando in profondità, complessità ed eleganza. Tra le etichette della denominazione che meglio incarnano il concetto sopra espresso c’è quella di Ciro Picariello, vignaiolo che anno dopo anno, vendemmia dopo vendemmia, esprime vini autentici, territoriali e piacevolissimi. Uve provenienti dalla selezione dei vigneti di proprietà di Summonte e Montefredane, fermentazione di 60 giorni a temperatura controllata ed affinamento in acciaio per circa dieci mesi con frequenti bâtonnages. Paglierino/dorato, mediamente…

  • 2016,  BIANCHI,  CAMPANIA,  DOCG,  Fiano di Avellino,  Vigne Guadagno

    2016 Fiano di Avellino, Vigne Guadagno

    Per quanto reputi assurda la ricerca del momento di beva ottimale, per alcuni vini vado in deroga; è il caso dei bianchi irpini, che non bevo mai prima dei 3 / 4 anni dalla vendemmia, seguendo il consiglio di un contadino che nel 1999 vendendomi una dama da 5 litri di fiano color miele, mi disse “è meglio se lo bevete un po’ in là nel tempo”. Il Fiano 2016 di Vigne Guadagno inizia ora a spiccare il volo: il profumo elegantissimo di buccia interna di mandarino, pietra focaia, erbe selvatiche fresche e nocciola trasfigura in un sorso disegnato dall’acidità. La sua potenza (nel senso proprio, ossia capacità di liberare…

  • 2015,  BIANCHI,  CAMPANIA,  DOCG,  Fiano di Avellino,  Vigne Guadagno

    2015 Fiano di Avellino Sant’Aniello, Vigne Guadagno

    Sulle prime appare severo, a tratti grave, cupo; ma qualche minuto d’aria lo apre a richiami agrumati di scorza candita e olii essenziali, fiori di acacia ed erbe fresche che irradiano sostenuti da un tono minerale deciso, ma non invadente, di ardesia spaccata o pietra focaia. E’ un respiro cangiante, mai ripetitivo. E il sorso non tradisce: il liquido incede risoluto ma misurato, infiltrante e sapido; fruttato e vibrante. E la deglutizione dà ristoro e appaga lo spirito. Aiuto Vigne Guadagno su alcuni mercati esteri.

  • 2019,  BIANCHI,  CAMPANIA,  DOCG,  Fiano di Avellino,  Tenuta Cavalier Pepe

    2019 Fiano di Avellino Refiano, Tenuta Cavalier Pepe

    Assaggiato alla cieca in una batteria ben nutrita, mi sembra un buon vino, dai profumi espressivi. Frutta tropicale e pera croccante, sale e tensione. Manca quel guizzo che ci si aspetta dal Fiano, questo è un po’ crudo ma la resa finale è piacevole; forse il tempo lo sistemerà ingentilendolo, anche se è bene ricordare che da questi vini non ci si deve aspettare gracilità e timidezza.

  • 2019,  BIANCHI,  CAMPANIA,  DOCG,  Fiano di Avellino,  I Capitani

    2019 Fiano di Avellino Gaudium, I Capitani

    In mezzo a tanti profumi tenui, esili di vini “che si devono fare”, questo colpisce e si smarca subito per l’aroma pieno e la beva pronta. Dà subito l’impressione di avere nel calice un vino che può essere goduto sin da subito. Si intuisce una complessità in divenire che si fonde con una struttura già definita. Buono, fatto di tanti agrumi bucciosi ed erbe primaverili, chiusura leggermente amarognola, intenso e con una gradevole sensazione di calore che si accomoda in bocca lasciando una persistenza discreta e definita.

  • 2019,  BIANCHI,  CAMPANIA,  DOCG,  Fiano di Avellino,  Terre d'Aione

    2019 Fiano di Avellino, Terre d’Aione

    Uno schiaffone al naso ben assestato: bei profumi da grande fiano, energico ma con un senso, si esprime su sfumature vegetali e fruttate accompagnate da miele di castagno in sottofondo, vino pieno e profondo nonostante l’età, il cui sorso appaga facendo venir voglia di essere bevuto fino in fondo. Promette molto bene, speriamo non si perda con il tempo

  • 2018,  BIANCHI,  CAMPANIA,  DOCG,  Fiano di Avellino,  Rocca del Principe

    2018 Fiano di Avellino, Rocca del Principe

    Bella stoffa. Ingresso morbido, ma subito si scatena l’inferno: profumi di cantina, acidità spigolosa e scariche di pietra focaia; sottile e dai soffi salmastri, frutta a polpa bianca croccante in bilico tra tropici – mangostino e zenzero- o più rassicuranti pere cotogne e pescanoce; frutta matura che non perde il guizzo acidulo. Affilato, il sorso è ritmato e incalzante. Buono.

  • 2018,  BIANCHI,  CAMPANIA,  DOCG,  Fiano di Avellino,  Villa Raiano

    2018 Fiano di Avellino Bosco Satrano, Villa Raiano

    L’annata 2018 ha quella polpa che manca alla successiva; proprio vero che per ogni anno che passa, il Fiano d’Avellino mette su il fisico restituendo un calice pieno e sempre più armonioso. Al primo sorso si avverte un’ acidità più controllata, un’indole meno bizzosa, che sorregge profumi di mele ed erba officinale. L’ingresso è dolce, non eccessivamente morbido, e il vino esprime una potenza in divenire che fa presagire che il meglio deve venire.

  • 2017,  BIANCHI,  CAMPANIA,  DOCG,  Fiano di Avellino,  Rocca del Principe

    2017 Fiano di Avellino Tognano, Rocca del Principe

    La pietra focaia scoppietta appena si avvicina il calice al naso. Vino minerale, se ha senso definire minerale un vino ma signori, qui c’è tutto un mondo capace di fare la gioia di uno studioso di geologia. Vivido, spigoloso e teso, ricco di profumi tropicali ed erbacei, insomma buono e ben fatto. Nessun esercizio di stile, nessun indugio sul voler svolgere un compito di maniera; è un fiano fiero e prepotente, ha profumi schietti e riconoscibili e nonostante la batteria di assaggio impegnativa, se ne beve un po’ anche per godimento.