• 2018,  EMILIA ROMAGNA,  IGT,  Lambrusco,  Podere Magia,  RIFERMENTATI

    2018 Lambrusco dell’Emilia, Podere Magia

    Oltre a quella da lievito madre, piante d’appartamento e dirette Instagram, durante la quarantena io ho sviluppato anche una dipendenza da Lambrusco. Chiusa in casa a pensare, infatti, me ne sono goduta diversi litri, come fossero una versione alcolica della schiuma di Giorgio Gaber. Altrettanto buoni, altrettanto materni. Fra i vari assaggi, ricordo ancora con particolare affetto, e con l’acquolina in bocca, quello del Lambrusco di Podere Magia. L’azienda si trova sulle colline emiliane ed è una creatura di Stefano Pescarmona, che la conduce secondo i principi del metodo biodinamico, di cui è un grande esperto. Il suo è un Lambrusco rustico, nel senso più nobile del termine, polposo e…

  • BIANCHI,  LAZIO,  RIFERMENTATI,  Sete,  VINO

    2018 Vino Bianco Frizzante, Sete

    Nato appena nel 2013, il progetto Sete è un’interessante realtà laziale, che ha intrapreso fin da subito la strada naturale e biodinamica.Questo Bianco rifermentato è il primo tentativo di bollicina della cantina, ottenuto da uve ottonese in purezza da viti ultra-cinquantenarie site in località Gliò Lago, a Priverno.Il vino, giallo paglierino, si presenta nel bicchiere decisamente poco consistente, con una bolla sottile ma persistente.Al naso il sentore principe è il pompelmo, contornato da bergamotto, erba fresca tocchi di rosmarino e fieno.In bocca è davvero fresco, dissetante e di beva compulsiva, anche grazie al tenore alcolico molto contenuto (10%). Chiude su toni citrini e lievemente ammandorlati.

  • 2018,  IGT,  RIFERMENTATI,  ROSATI,  Sass de Mura di Bonifacio Edda,  VENETO,  Veneto

    2018 Sass de Mura, Bonifacio Edda

    Vino prodotto a San Gregorio nelle Alpi nel bellunese. Area che, per effetto dell’innalzamento medio delle temperature, diventa quanto mai attuale. Sass de Mura Rosa di Edda Bonifacio è un vino frizzante a base pinot nero dal colore rosa buccia di cipolla. Il naso è fresco con note di fiori rossi, lamponi, ribes, rosa canina. Sentori delicati, sommessi che giocano su una linea sottile molto elegante e che restituiscono le sensazioni sassose da dove nasce il vino. Al palato la bollicina è gentile, cremosa, il vino è dotato di bella freschezza e tensione tornano le note fruttate ma anche sensazioni di menta piperita e timo. Il palato reattivo scattatante, diretto,…

  • BIANCHI,  Mattia Filippi,  RIFERMENTATI,  TRENTINO-ALTO ADIGE,  Vigneti delle Dolomiti

    Nugoloso Vigneti delle Dolomiti Frizzante, Mattia Filippi

    Se c’è una cosa che ci piace poco, e dalla quale cerchiamo di stare alla larga, è l’omologazione. I vini fatti tutti uguali, che si somigliano dalle Alpi alle Piramidi – quella è omologazione. Uso il “noi” non per senso di maestà, ma perché nel gruppo ci metto tanta gente, sia enofili che produttori di vino. Però come si fa a non essere omologati? Alla fine fare vino è un fatto tecnico, in un certo senso scientifico, e l’esecuzione della ricetta è quella, il rischio c’è. Poi però c’è l’elemento umano, il posto in cui vien su la vigna, cioè l’elemento non scientifico del fare vino, quello che i francesi…

  • 2019,  Emilia,  EMILIA ROMAGNA,  Faragosa,  IGT,  RIFERMENTATI

    2019 Lambrusco Ugolino, Faragosa

    Il nome di Andrea Bezzecchi non dovrebbe suonare nuovo a chiunque abbia un qualche tipo di interesse verso l’Emilia del “buono”. Già deus ex-machina di Acetaia San Giacomo negli anni è stato tra i motori propulsivi di una certa tensione verso tutto ciò che è di qualità nel reggiano e non solo. Faragosa è solo una delle sue attività, dal nome del bel casale che ospita l’acetaia, a Novellara. Lambrusco saporito e diretto, scuro ma non scurissimo, inconfondibile per provenienza – una questione anche di leggerezza del tratto olfattivo. C’è frutto, anche con note di mora, e un bel grip, una leggera trama tannica che graffia e ben contrasta la…

  • 2018,  IGT,  Marca Trevigiana,  Moret,  RIFERMENTATI,  ROSATI,  VENETO

    2018 Incrocio Manzoni, 13.0.25, Moret

    E’ un incrocio tra moscato d’Amburgo e raboso del Piave. Un vino che coniuga forza e acidità con l’aromaticità del moscato. Marco Moret lo produce a San Pietro di Feletto in località Santa Maria su terreno argilloso ferroso. Sono vigne piantante dal nonno sessant’anni fa e viene proposto rifermentato in bottiglia per cui a zuccheri zero. Il naso è molto accattivante con note di petali di rosa, frutti rossi maturi e sentori balsamici, poi le note del moscato più giocate sulla parte agrumata di clementina, pompelmo rosa e zest di cedro. Al palato è godurioso, giocoso, bollicina gentile, saporito, si poggia su una base sapida che rende tutto piacevole. Bello…

  • Alex Della Vecchia,  BIANCHI,  RIFERMENTATI,  VENETO,  VINO

    Ombretta Agricola, Alex Della Vecchia

    Questo vino di Alex Della Vecchia l’ho bevuto la prima volta per caso, con lui, che  ancora non conoscevo. Ci siamo incontrati per caso andando a “ombre” tra le colline trevigiane. L’ “ombra” in Veneto è il bicchiere di vino, il gotto, ma in realtà è molto di più, porta con se un rito e un’idea contadina del vino. L’ombretta agricola è così, è un vino contadino, semplice, piacevole, fin troppo forse, perché la chiamata al secondo calice è veloce velocissima.Vino prodotto con verduzzo trevigiano senza aggiunta di solfiti, nessuna filtrazione o stabilizzazione e rifermentato naturalmente. Godereccio senza se e senza ma. Al naso sentori di agrumi, floreale un po’…

  • 2018,  Partida Creus,  RIFERMENTATI,  SPAGNA

    2018 AA, Partida Creus

    Partida Creus è un’azienda nel Penedès a basso impatto ambientale. In vigna gli accorgimenti, eseguiti seguendo le fasi lunari, sono ridotti all’osso ed effettuati con l’aiuto di un asino e un cavallo per non appesantire troppo la terra (come farebbe un trattore).In cantina si vinifica grazie all’utilizzo dei soli lieviti indigeni, senza controllo di temperature chiarifiche o filtrazioni.Un frutto gustoso di queste pratiche è l’Anonimo Ancestral, un rifermentato in bottiglia ottenuto con un blend di Xarello, Parellada, Moscatel e Ull de Llebre.Alla vista si presenta rosso aranciato scarico con una bolla appena accennata dal perlage appena percettibile.Emergono al naso note di pompelmo rosa, melograno e bitter crodino, conquest’ultimo che diventa…

  • Pojer e Sandri,  RIFERMENTATI,  TRENTINO-ALTO ADIGE,  VINO

    2018 Zero Infinito, Pojer e Sandri

    Qui dentro c’è molto di quasi tutto: c’è la ricerca e l’invenzione, c’è la tradizione e l’innovazione (che vanno spesso assieme, se notate, ultimamente). C’è l’impatto zero, c’è la conduzione bio della vigna quindi quella certa idea di naturalità che tanto piace – e poi c’è il vitigno piwi, cioè un tipo di vitigno oggetto di ricerca per ottenere uve che non necessitano di trattamenti chimici. Insomma la scienza che lavora per evitare il ricorso alla scienza. Che se ci pensate, è bizzarro. Ma questa cantina sembra distante mille miglia da qualsiasi idea di normalità incasellabile, Mario Pojer è una specie di contadino creativo, vulcanico e in perenne ebollizione di…

  • 2018,  BIANCHI,  Nebraie,  PIEMONTE,  RIFERMENTATI

    2018 Bolle in valle, Nebraie

    In Val Borbera siamo in Piemonte ma lo spirito che si respira è ligure. Ha quell’anarchia dei territori di passaggio, poco interessanti per l’industrializzazione e per questo rimasti incontaminati. Le aziende vitivinicole del posto fanno Timorasso e sono sulla strada del vino Terre di Derthona, ma sembrano percorrerla più ai margini rispetto ai nomi affermati – vedi Massa, Mariotto, Vietti, Roagna. Si prendono il loro tempo per crescere ed affermarsi. Come Andrea Tacchella che ha solo quest’uva, oltre a cereali come il gentil rosso, il mais ottofile e le fagiolane di Figino. Tutto biologico, anzi, naturale. E poi ha queste Bolle in valle, un rifermentato che segue il metodo classico,…