• 2008,  ABRUZZO,  BIANCHI,  DOC,  Trebbiano d’Abruzzo,  Valentini

    2008 Trebbiano d’Abruzzo, Valentini

    Già da subito, dalla sua uscita nel 2011, il Trebbiano 2008 aveva mostrato un profilo aromatico più timido, meno esplosivo rispetto ad altre annate. Un riserbo non da leggersi come un limite, anzi, ma come un vero e proprio tratto distintivo che oggi, a distanza di 10 anni, appare più amplificato che mai. Al di là di ogni possibile riferimento olfattivo (la timbrica è quella valentiniana più classica: camomilla ed erba bagnata dalla pioggia, terra fluviale con un tocco di limone) è assaggio che fa della discrezione un vero e prorio leitmotiv, e per il quale si può forse scomodare un termine birrario piuttosto inusuale nel vino, watery. Così è:…

  • 2008,  Alto Adige,  BIANCHI,  DOC,  St. Michael Eppan,  TRENTINO-ALTO ADIGE

    2008 Weissburgunder Sanct Valentin The Wine Collection, St. Michael Eppan

    Nata nel 1907 la Cantina di St. Michael Eppan occupa un posto di rilievo nell’enologia altoatesina, con i suoi 340 soci conferitori e i suoi 380 ettari di terreni vitati. Pur vantando varie etichette di innegabile valore non credo di allontanarmi troppo dalla verità affemando che il successo di questa cantina sia legato tutt’oggi alla sua linea di riserve targate Sanct Valentin. Questa linea è nata alla fine degli anni ’80 dalla mente dell’enologo Hans Terzer che, dal primo giorno del suo insediamento (1978), non aveva mai rinunciato all’idea di elevare qualitativamente la produzione vitivinicola da lui diretta.Oggi Terzer, al motto di “la qualità non conosce compromessi”, sposta ancora più…

  • 2008,  CHAMPAGNE,  FRANCIA,  MÉTHODE CHAMPENOISE,  Pascal Mazet

    2006 Champagne Brut Premier Cru Cuvée Millésimé, Pascal Mazet

    L’attesa in casa Mazet non fa paura e lo stesso vale per chi ama i vini di Pascal e Olivier. Lunghe, a volte lunghissime le soste sui lieviti, da un minimo di 4 fino a 11 anni, e prodotti che una volta in commercio, sanno esprimersi al meglio e lasciano trasparire il loro ottimo potenziale di invecchiamento. Succede così che più e più bottiglie vengano consumate nel primo anno di vita ed altre vengano serenamente dimenticate in cantina, confermando ancora una volta (se mai ce ne fosse bisogno) che di fronte a grandi vini, prima ancora che grandi bollicine, il tempo non è antagonista. I tre vitigni classici da appezzamenti…

  • 2008,  Cavalleri,  DOCG,  Franciacorta,  LOMBARDIA,  METODO CLASSICO

    2008 Franciacorta Riserva Collezione Esclusiva Giovanni Cavalleri, Cavalleri

    Azienda storica nel panorama vitivinicolo del Franciacorta, che da sempre esprime grande carattere, classicità e raffinatezza e senza smentirsi, ecco che ripropone il proprio stile anche in questa riserva esclusiva Giovanni Cavalleri. Bolla fine e di buona persistenza. Al naso esprime una carica di frutti gialli, molto intensa, con una spiccata sensazione di agrume, cedro e bergamotto. Meno svelte ma presenti note di mandorle e pasticceria secca. Leggera la nota di lievito che si percepisce al naso ma che rimane certamente più marcata al palato, quando si fanno strada strutture morbide e cremose che accompagnano l’intensità dei frutti che si ripresentano generosi. L’intero sorso è sostenuto da una buona acidità…

  • 2008,  BIANCHI,  Colli Orientali del Friuli,  DOC,  FRIULI VENEZIA GIULIA,  Petrussa Gianni e Paolo

    2008 Friuli Colli Orientali Pinot Bianco, Petrussa

    È credenza comune di definire il pinot bianco il vino elegante per eccellenza. Beh in questo caso mai definizione fu più azzeccata. Avete presente quel maglioncino di cachemire a 2 fili, leggero, impalpabile ma tanto caldo, che ti accarezza la pelle dandoti quella sensazione di leggera avvolgenza fino a farti sentire bella, magra, amata e al settimo cielo? Ecco, questo è quello che mi ha trasmesso questo Pinot Bianco 2008 di Petrussa. Vino vecchio? Manco per niente. Ora, dopo 12 anni, è al culmine della sua piacevolezza. Elegantissimo anche il colore di un oro tenue, appena accennato. Naso ampio che mi porta in un terreno marnoso, la ponka, con alberi…

  • 2008,  DOC,  METODO CLASSICO,  Monfort,  TRENTINO-ALTO ADIGE,  Trento

    2008 Trento Extra Brut Rare Vintage, Monfort

    Scrive Andreina Contessa, direttrice del Castello di Miramare : “mi piace l’espressione prendersi CURA. Mai come quest’anno la parola cura ha avuto un significato centrale, vitale e chiarissimo. Abbiamo il privilegio e il dovere di prenderci cura della bellezza e dell’armonia che infondono benessere”. Ecco, aver ricevuto questo regalo, mi sono sentita di essere stata presa in CURA. Solamente 150 esemplari per questo Trento Doc del 2008. E uno è arrivato a me. Nel 2008 usciva la prima annata di Monfort Riserva con 80% chardonnay e 20% pinot nero. Uve provenienti da Pergine Valsugana e Meano e Cortesano, le parti più soleggiate. Annata fresca e minimo dosaggio. 1800 bottiglie, 150…

  • 2008,  BIANCHI,  FRIULI VENEZIA GIULIA,  IGT,  Venezia Giulia,  Zidarich

    2008 Prulke, Zidarich

    Vi sfido, vi sfido tutti. Si vi sfido tutti a trovare anche uno solo dei luogo comuni sui vini macerati in questo  Prulke 2008 di Beniamino Zidarich.I vini da uve bianche devono essere bevuti giovani. Falso. Questo è un 2008 ed è integro, complesso, perfetto con un carattere deciso e nello stesso tempo “coccoloso”.I vini da uve bianche che hanno subito macerazione sono “puzzoni”. Falso. Non un’ombra di ossidazione né di volatile. Tutto è in armonia, tutto è pulito.I vini da uve bianche macerate non rappresentano il vitigno. Falso. Questo Prulke racconta storie di Vitovska con la sua sapidità e corpo, di Sauvignon con la sua aromaticità e di Malvasia…

  • 2008,  AOC,  BÂTARD-MONTRACHET,  BIANCHI,  BOURGOGNE,  FRANCIA,  Olivier Leflaive

    2008 Bâtard-Montrachet Grand cru, Olivier Leflaive

    Una magnum rara preziosa e decisamente sfolgorante questa di Olivier Leflaive. Un vino dorato con un tocco lunare, naso di pera cotogna, lampone di bosco poi sbuffo balsamico timo e canfora, panax e pepe bianco e foglie di olivo e man mano che i minuti passano, svela un agrumato multicolore. In bocca ha gioventù e freschezza molto maggiore rispetto alla sua età grazie anche al formato magnum, l’acidità è ritmata e gli spiragli mielati e burrosi si esaltano sul picio alla Chianina le cui note agrumate e pepate fanno da contrappeso alla delicata grassezza della preparazione . OLIVIER LEFLAIVEPlace du Monument21190 PULIGNY-MONTRACHET(FRANCE) +33 3 80 21 37 65contact@olivier-leflaive.com

  • 2008,  Cantina La Spina,  IGT,  ROSSI,  UMBRIA,  Umbria

    2008 Rosso Spina, Cantina La Spina

    Moreno Peccia è il decano dei vignaioli che negli ultimi anni hanno ridisegnato la geografia del vino intorno alla città di Perugia. È infatti il 2003 quando decide di affiancare alla sua attività lavorativa quella di produttore, iniziando così un impiego parallelo che lo accompagnerà per molti anni e fino ad oggi. Il piccolo borgo è quello di Spina, pochi chilometri a sud della città e nel cuore della misconosciuta DOC Colli Perugini: qui Cantina La Spina interpreta con personalità varietà tipiche della zona e non solo con risultati sempre rassicuranti. Il Rosso Spina nasce da un blend la cui parte del leone è fatta da montepulciano, con una piccola…

  • 2008,  ALSACE,  ALSACE,  AOC,  BIANCHI,  Domaine Trimbach,  FRANCIA

    2008 Riesling Cuvée Frédéric Emile, Domaine Trimbach

    Alsazia, terra di vini meravigliosi mai abbastanza conosciuti e compresi. Il mio cuore sta anche là e quando stappo vini di questa zona difficilmente non esce un sorriso grazie al bicchiere. In questo caso già il colore comunica freschezza; drittissimo al naso, quasi un punteruolo nella narice destra, pian pianino si allarga passando dalle note citrine polpose iniziali a litchi maturo, salvia, anice, zest di arancia, mandorla e un tratto speziato da andare via di testa. La bocca parte minerale, ma proprio a schegge di roccia nel cavo orale, molto indietro, affilato, secco al punto che servirebbe scrivere “indice zero” sulla retro perfetta. Di una gioventù che mi fa imprecare…