• 2008,  AOC,  BOURGOGNE,  Domaine Chantal Lescure,  FRANCIA,  ROSSI,  VOLNAY

    2008 Volnay, Domaine Chantal Lescure

    Per i patiti delle annate, la 2008 in Borgogna non rientra tra quelle mitologiche. Pioggia, vento e convento non avrebbero reso, dicono, un gran servizio al pinot nero. Io, che patito non sono, di norma mi affido più alla cantina che al millesimo. Anche sbagliando.Tra le cantine di Borgogna che mi posso permettere Chantal Lescure è di provato affidamento. I prezzi delle bottiglie consentono di bere bene senza perdere troppo sangue. Tuttavia, e qui vengo al punto, il millesimo di questo village, che pure si lascia bere, non sembra tra le loro prove meglio riuscite. Colpa della pioggia?Colore granato, color di nostalgia. Al naso fragoline di bosco, arance rosse, spezie…

  • 2008,  ALSACE,  AOC,  BIANCHI,  DOLCI,  Domaine Pierre Frick,  FRANCIA

    2008 Pinot Gris Selection de Grains Nobles, Pierre Frick

    Pierre Frick si distingue per personalità e coraggio con vini liberi e una viticoltura rispettosa della terra. Questa è una selezione di acini attaccati dalla muffa nobile, botrytis cinerea, sul pinot grigio. Con questo vino dolce mantiene la sua personalità e distacco rispetto a quanto visto in Alsazia. Vino che si presenta color giallo oro con riflessi ramati. Denso e suadente nei movimenti nel bicchiere. Il naso inizialmente richiama le note dell’albicocca disidrata e miele messi in evidenza da un’elegante acidità volatile che risulta essere il volano migliore per un vino di tale stoffa. Bastano pochi minuti e il vino si apre su sentori più balsamici della menta secca, eucalipto, cardamomo, poi…

  • 2008,  AOC,  CHAMPAGNE,  FRANCIA,  Louis Roederer,  MÉTHODE CHAMPENOISE

    2008 Cristal, Louis Roederer

    L’incisiva mineralità calcareo-gessosa è proverbiale in questo Cristal prodotto con uve da una vendemmia eccezionale come la 2008 (alcol 9,80°, acidità 8,64). Certo, la tenacia e l’energia del millesimo si fanno sentire e meriterebbe ancora qualche anno in bottiglia prima di essere vissuto, raccontato, ma il potenziale che già si avverte è quello di uno champagne che con il tempo saprà rifinirsi e strutturarsi in maniera straordinaria. Un bouquet ricco di analogie: bergamotto, nocciola, burro e guscio di conchiglia si intonano alla perfezione a un sorso ampio, perentorio e infinitamente salino, sollevato e mosso da una carbonica finissima. Guadagna a bottiglia aperta dove insiste sul sale in persistenza, è acqua di…

  • 'A Vita,  2008,  CALABRIA,  Cirò,  DOC,  ROSSI

    2008 Cirò Rosso Classico Superiore Riserva, ‘A Vita

    Calabria che soffri, patisci, subisci, ti offri, non chiedi, ti accasci e rialzi, blandisci e respingi, innamori e allontani, ispiri nei tuoi figli alti pensieri e desideri di fuga, maledizioni e benedizioni. Calabria sconosciuta ai più e ammirata a dismisura da pochi; sorprendente, suadente, tagliente, ammorbante, ammaliante e respingente. Hai il bello assoluto e il brutto devastante. Calabria che avresti tutto, ma ti hanno tolto tutto, che vivresti da regina, ma sei costretta a mendicare. Calabria che sai donarci meraviglie al gusto come questo vino che è frutto del lavoro abile, meticoloso e attento di un tuo figlio che è tornato a te e ha saputo tirar fuori quello che…

  • 2008,  AOC,  CHAMPAGNE,  FRANCIA,  MÉTHODE CHAMPENOISE,  Taittinger

    2008 Champagne Blanc de Blancs Comtes de Champagne, Taittinger

    Cuvée prodotta con chardonnay proveniente dai cinque grand crus della Côte des Blancs: Avize, Chouilly, Cramant, Mesnil sur Oger, Oger. Champagne di grande raffinatezza, capace di allineare chiunque. Questo millesimo del Comtes de Champagne di Taittinger è tanto altezzoso quanto credibile. Colore giallo paglierino con riflessi oro, e un perlage finissimo. Le bollicine si muovono nel bicchiere con fare sensuale, in modo diffuso, quasi vaporizzato. Il naso è elegante, finemente disegnato su tratti minerali e agrumati. Uno spazio molto piccolo in cui si intrecciano molte note  e tutte di grande eleganza. Sentori freschi, puliti, quasi eterei di fiori bianchi, scorza di limone, pepe bianco, nocciola, eucalipto. Il palato traduce la gessosità della Côte…

  • 2008,  ABRUZZO,  BIANCHI,  DOC,  Trebbiano d’Abruzzo,  Valentini

    2008 Trebbiano d’Abruzzo, Valentini

    Già da subito, dalla sua uscita nel 2011, il Trebbiano 2008 aveva mostrato un profilo aromatico più timido, meno esplosivo rispetto ad altre annate. Un riserbo non da leggersi come un limite, anzi, ma come un vero e proprio tratto distintivo che oggi, a distanza di 10 anni, appare più amplificato che mai. Al di là di ogni possibile riferimento olfattivo (la timbrica è quella valentiniana più classica: camomilla ed erba bagnata dalla pioggia, terra fluviale con un tocco di limone) è assaggio che fa della discrezione un vero e prorio leitmotiv, e per il quale si può forse scomodare un termine birrario piuttosto inusuale nel vino, watery. Così è:…

  • 2008,  Alto Adige,  BIANCHI,  DOC,  St. Michael Eppan,  TRENTINO-ALTO ADIGE

    2008 Weissburgunder Sanct Valentin The Wine Collection, St. Michael Eppan

    Nata nel 1907 la Cantina di St. Michael Eppan occupa un posto di rilievo nell’enologia altoatesina, con i suoi 340 soci conferitori e i suoi 380 ettari di terreni vitati. Pur vantando varie etichette di innegabile valore non credo di allontanarmi troppo dalla verità affemando che il successo di questa cantina sia legato tutt’oggi alla sua linea di riserve targate Sanct Valentin. Questa linea è nata alla fine degli anni ’80 dalla mente dell’enologo Hans Terzer che, dal primo giorno del suo insediamento (1978), non aveva mai rinunciato all’idea di elevare qualitativamente la produzione vitivinicola da lui diretta.Oggi Terzer, al motto di “la qualità non conosce compromessi”, sposta ancora più…

  • 2008,  CHAMPAGNE,  FRANCIA,  MÉTHODE CHAMPENOISE,  Pascal Mazet

    2006 Champagne Brut Premier Cru Cuvée Millésimé, Pascal Mazet

    L’attesa in casa Mazet non fa paura e lo stesso vale per chi ama i vini di Pascal e Olivier. Lunghe, a volte lunghissime le soste sui lieviti, da un minimo di 4 fino a 11 anni, e prodotti che una volta in commercio, sanno esprimersi al meglio e lasciano trasparire il loro ottimo potenziale di invecchiamento. Succede così che più e più bottiglie vengano consumate nel primo anno di vita ed altre vengano serenamente dimenticate in cantina, confermando ancora una volta (se mai ce ne fosse bisogno) che di fronte a grandi vini, prima ancora che grandi bollicine, il tempo non è antagonista. I tre vitigni classici da appezzamenti…

  • 2008,  Cavalleri,  DOCG,  Franciacorta,  LOMBARDIA,  METODO CLASSICO

    2008 Franciacorta Riserva Collezione Esclusiva Giovanni Cavalleri, Cavalleri

    Azienda storica nel panorama vitivinicolo del Franciacorta, che da sempre esprime grande carattere, classicità e raffinatezza e senza smentirsi, ecco che ripropone il proprio stile anche in questa riserva esclusiva Giovanni Cavalleri. Bolla fine e di buona persistenza. Al naso esprime una carica di frutti gialli, molto intensa, con una spiccata sensazione di agrume, cedro e bergamotto. Meno svelte ma presenti note di mandorle e pasticceria secca. Leggera la nota di lievito che si percepisce al naso ma che rimane certamente più marcata al palato, quando si fanno strada strutture morbide e cremose che accompagnano l’intensità dei frutti che si ripresentano generosi. L’intero sorso è sostenuto da una buona acidità…

  • 2008,  BIANCHI,  Colli Orientali del Friuli,  DOC,  FRIULI VENEZIA GIULIA,  Petrussa Gianni e Paolo

    2008 Friuli Colli Orientali Pinot Bianco, Petrussa

    È credenza comune di definire il pinot bianco il vino elegante per eccellenza. Beh in questo caso mai definizione fu più azzeccata. Avete presente quel maglioncino di cachemire a 2 fili, leggero, impalpabile ma tanto caldo, che ti accarezza la pelle dandoti quella sensazione di leggera avvolgenza fino a farti sentire bella, magra, amata e al settimo cielo? Ecco, questo è quello che mi ha trasmesso questo Pinot Bianco 2008 di Petrussa. Vino vecchio? Manco per niente. Ora, dopo 12 anni, è al culmine della sua piacevolezza. Elegantissimo anche il colore di un oro tenue, appena accennato. Naso ampio che mi porta in un terreno marnoso, la ponka, con alberi…