• 2018,  BIANCHI,  Miotto,  VENETO,  VINO

    2018 Origine, Miotto

    Il sottotitolo è “essenza di terra ed uva” ad evocare da un lato l’attenzione ed il rispetto per il proprio territorio e dall’altro la vera e propria essenzialità di un vino che è la “base” del più noto Profondo, il rifermentato di casa Miotto. Origine è quindi, semplificando, un prosecco cosiddetto tranquillo, un bianco fermo a bassissima gradazione (10,5%) ottenuto dalla fermentazione in acciaio di uva glera. Questa tipologia di vino è il vero segreto nascosto dei migliori produttori di Prosecco, la cartina di tornasole che meglio di ogni altra cosa permette di comprenderne il lavoro ed i terreni. E qui andiamo alla grande: il sale, che affiora clamorosamente dai…

  • ALSACE,  ALSACE,  AOC,  BIANCHI,  Domaine Zind-Humbrecht,  FRANCIA

    2012 Alsace Riesling Herrenweg de Turckheim, Domaine Zind-Humbrecht

    Per la serie “non tutti i gusti sono al sapore di menta”, ecco un riesling alsaziano sul quale avevo letto recensioni critiche molto buone e che a casa mia ha impiegato 36 ore per raggiungere una forma accettabile. Stappato sabato a pranzo, subito i profumi (fiore di camomilla, mandorla amara, mandarino candito, alchechengi, miele di castagno, cera depilatoria) si sono accompagnati a un’ipotesi di ossidazione, nonostante un tappo perfetto. Ohibò, mi sono detto, stiamo a vedere. Bocca slegata ma di struttura, amaricante e con acidità piatta. Il poco nerbo era conferito da una sapidità pietrosa.Lo ho finito la sera successiva. Le note amarognole si erano affievolite sia al naso che…

  • 2015,  AOC,  BIANCHI,  BOURGOGNE,  BOURGOGNE ALIGOTÉ,  Coche-Dury,  FRANCIA

    2015 Bourgogne Aligoté, Coche-Dury

    Riguardo Coche-Dury potremmo dilungarci o essere sintetici ed in ogni caso non sbaglieremmo approccio alla descrizione. Infatti, se da un lato sembrano troppe le cose da dire sui vini, vere e proprie icone liquide della Côte de Beaune, dall’altro non è difficile ritrovarsi ad essere stringati nel riferire in merito ad un’azienda commercialmente fra le più esclusive della regione, circondata da un rigoroso riserbo. All’interno di una gamma composta da etichette stratosferiche, il Bourgogne Aligoté ricopre il ruolo dell’ apripista. Si tratta di una referenza da considerare come pret-a-porter, pensando ai pezzi pregiati della collezione aziendale, anche se non è difficile vederla collocata dal mercato ad un livello di costo…

  • 2007,  AOC,  BIANCHI,  BORDEAUX,  Chateau Pape Clément,  FRANCIA,  PESSAC-LÉOGNAN

    2007 Pessac-Léognan, Chateau Pape Clément

    Il grado alcolico (14,5%) e il colore oro caldo farebbero pensare a pesantezze e ossidazioni che fortunatamente non trovo nel bicchiere. Si presenta con note di fiori di acacia, buccia di mandarino, chicco di grano maturo, grasso di prosciutto, mela grattugiata, frutta esotica, cenere e idrocarburi. Il sorso, nonostante l’alcol, è suadente e  reattivo, mentre il tocco è “dolce” e in deglutizione rilascia sbuffi minerali di pietra focaia e cenere. 48,5% sémillon, 44,5% sauvignon blanc, 5,5% sauvignon gris, 1,5% muscadelle.

  • 2018,  BIANCHI,  I Castagnucoli,  IGT,  VENETO,  Veneto

    2018 Moscato Giallo, I Castagnucoli

    “A.A.A. Cercasi un vino che sia buono per una passeggiata in un prato, per una lettura sotto a un ulivo secolare al tramonto”.Mi sono innamorata subito del moscato giallo de “I Castagnucoli” . L’azienda agricola di Nicola del Santo è parte della resistenza naturale condotta assieme ad altri amici sulla parte meridionale dei Colli Eugenei. Nicola è un vigneron (per dirla alla francese) che io definisco dei “no”: NO solfiti aggiunti, NO lieviti selezionati, NO filtrazioni, NO chiarifiche. Nessuno (o pochi) interventi in vigna per mantenere la vitalità del terreno, partendo dal non calpestarlo con mezzi pesanti, e tagliare poco l’erba e i fiori che ci sono intorno. L’agricoltura naturale…

  • 2010,  ABRUZZO,  BIANCHI,  DOC,  Emidio Pepe,  Trebbiano d’Abruzzo

    2010 Trebbiano d’Abruzzo, Emidio Pepe

    Aspettative alte per una di quelle annate che sulla carta non dovrebbero mai tradire, o quasi. Non solo nel Centro Italia, non solo quando riferite ai bianchi della Costa Adriatica. E invece. Il tratto è inconfondibile, piacevolmente sulfureo quando non addirittura marino, affiancato da quella possenza di frutto che tratteggia il Trebbiano di Pepe. E poi note (leggere) di idrocarburi, di fieno, di erbe officinali. C’è da perdersi. È però in bocca che paga qualcosa in termini di presa, di tessitura, di profondità. Sorprende non solo per una leggerezza forse inaspettata ma anche per una certa esilità, come fosse vino che sta vivendo una particolare fase di evoluzione verso “altro”.…

  • 2019,  BIANCHI,  Chiesina di Lacona,  DOC,  Elba,  TOSCANA

    2019 Ansonica dell’Elba, Chiesina di Lacona

    Nuova azienda elbana che finora vendeva le uve, ma che ha deciso di investire nella valorizzazione di queste bellissime ed esperte vigne nell’entroterra di Lacona, all’Isola d’Elba. Colore dorato delicato con bella trasparenza, erbe aromatiche, ginestra, cumino e lieve note di arancio che emergono via via che la temperatura sale nel bicchiere. Vino sottile come spesso l’ansonica permette di fare, al limite dell’evanescente, ma se si ha la pazienza di lasciarlo ambientare e abbinarlo con grazia, si mostra fine, iodato, salino, con tracce di tannino che organizzano il traffico al palato in maniera sinuosa ed efficace. Vino che cresce alla distanza e seduce poco a poco.

  • 2015,  BIANCHI,  CAMPANIA,  Ciro Picariello,  DOCG,  Fiano di Avellino

    2015 Fiano di Avellino, Ciro Picariello

    Non so se “ripeness is all” e cioè se la maturità sia tutto per noi abitanti di questo mondo, come scrisse Cesare Pavese citando il Re Lear del Bardo. Quel che so è che c’è un momento fortunatissimo in cui la maturità di un vino bianco, aperto a qualche anno dalla vendemmia, esprime tutto o quasi (e spesso quella è la sola bottiglia che ti resta). Questo Fiano di Picariello è così.  Maturo con lode. Fresia e ginestra, susina gialla e sul finire un ricordo di nocciola e polvere di marmo. In bocca è compatto, polposo, con una scia salata che lo spinge in avanti. L’ho bevuto fresco e con lentezza…

  • 2018,  BIANCHI,  Daniele Portinari,  IGT,  VENETO,  Veneto

    2018 Pietrobianco, Daniele Portinari

    Sempre incrociato alle fiere ed apprezzato i vini di Daniele Portinari. Uno che ha mano ferma, idee chiare e locazione ad Alonte, gioiellino sottovalutato del vicentino, dove un giro dovreste andare a farlo per gustarvi la campagna incontaminata, i vecchi mulini e magari mangiare due piatti a La Peca a Lonigo, finanze permettendo. Non divaghiamo: Pietrobianco è il suo blend di pinot bianco e tai bianco, ha naso sottile di fiori, agrumi ed erbe spontanee, qualche sbuffo fienile e un pizzico di volatile che ritorna anche in bocca, ma non nuoce allo spettro espressivo del vino. Che scende vigoroso e non fa prigionieri. La bocca è, infatti, energica e salata,…