• 2020,  Colline Novaresi,  DOC,  Ioppa,  PIEMONTE,  ROSATI

    2020 Colline Novaresi Nebbiolo Rusin, Ioppa

    Il Rusin, lo fa intendere già il nome, è il Rosato di Casa Ioppa, base 100% nebbiolo, localmente chiamato spanna. Negli ultimi anni è diventato un vero e proprio cult soprattutto per i mercati esteri: Nord Europa, in particolar modo Norvegia, tanto che la cantina ha aumentato in maniera esponenziale la produzione di questo vino mantenendo immutato il livello di qualità. Ricordo la visita presso la sede in Romagnano Sesia (No) di qualche tempo fa. Luca Ioppa, responsabile della comunicazione della Cantina, ci ha mostrato le due stanze di vinificazione: la prima dedicata a tutta la gamma prodotta, eccellenti i loro Ghemme Docg di cui presto parlerò, la seconda, di…

  • 2019,  IGT,  Mazzone,  PUGLIA,  Puglia,  ROSATI

    2019 Dandy Rosato, Azienda Agricola Mazzone

    In questo periodo abbiamo tutti bisogno ogni tanto di sognare ed immaginarci in posti cari al cuore. Quale miglior modo per farlo, se non con un bel vino rosato pugliese a base di Nero di Troia e dal colore rosa cerasuolo bello carico? Anche se quando si parla di rosati sarebbe meglio concentrarsi meno sul colore e più sul vino, in questo caso un colore così bello ci fa proprio sentire in Puglia. Sto parlando del Dandy Nero di Troia IGP Murgia Rosato 2019 dell’Azienda Agricola Mazzone, a Ruvo di Puglia. Il Nero di Troia ovviamente è il vitigno di battaglia in questa parte della Puglia vicina a Castel del…

  • 2018,  CAMPANIA,  Campania,  De' Gaeta,  IGT,  ROSATI

    2018 Rosato Campania, De’ Gaeta

    I Comuni del Vino è un progetto che unisce tre piccole cantine nel territorio del Taurasi. Tra queste c’è l’azienda De’ Gaeta, a Castelvetere sul Calore e Toppolocozzetto è il nome simpaticissimo della località dove sono le vigne di aglianico. Come lascia intuire il nome stesso, sono sulla sommità della collina, ad una altitudine intorno ai 500 metri. Questa terra è luogo di elezione del vino da sempre, e l’aglianico qui si esprime in maniera suprema. E’ una zona montuosa dove i suoli sono arricchiti da ceneri e materiale vulcanico spinto fin qui dalla furia del Vesuvio nei secoli e nei millenni. L’azienda lavora in regime biologico e sta strizzando…

  • 2018,  IGT,  Massimiliano Calabretta,  ROSATI,  SICILIA,  Terre Siciliane

    2018 Rosato, Massimiliano Calabretta

    La primavera bisogna tenerla nel cuore tutte le volte che si può. Scegliamo ogni tanto un vino rosato per provarci. L’Igt Terre Siciliane Rosato 2018 prodotto da Massimiliano Calabretta a Randazzo è un vino di ispirazione “naturale”: lieviti indigeni, fermentazione spontanea, acciaio, vetro leggerissimo, etichetta “arcaica” che potrebbe non piacere. Per fortuna, anche se l’occhio non ha la sua parte, aiutano naso e bocca: spinge con macchia mediterranea, fiori macerati, arancia amara e con una bocca che sopperisce alla mancanza olfattiva di richiami fruttati. Mette il punto una leggera e piacevole deviazione amara che ricorre spesso nei vini a base nerello mascalese.

  • DOC,  EMILIA ROMAGNA,  Reggiano,  Venturini Baldini,  VS

    Lambrusco Spumante Rosato Brut Cadelvento, Venturini Baldini

    Jean-Paul Sartre sosteneva che Alle tre del pomeriggio è sempre troppo tardi o troppo presto per quello che si vuol fare. A me, ultimamente, a quell’ora inizia venire una vaga voglia di stappare ma, in effetti, il pranzo è già passato e il momento dell’aperitivo è ancora lontano. A dirimere le mie oscillazioni fra la sete e il contegno, l’altro giorno ci ha pensato però lo Spumante Rosato Cadelvento della Cantina Venturini Baldini. 11,5 gradi alcolici declinati in sentori di cipria, fragoline, susine gialle e rosa canina e un sorso terso, fine e puntellato di fresca sapidità. Una piacevolissima compagnia, che mi ha traghettata fino all’ora di cena con delicatezza. A…

  • 2019,  Attems,  DOC,  Friuli,  FRIULI VENEZIA GIULIA,  ROSATI

    2019 Friuli Pinot Grigio Ramato, Attems

    Ecco un bel rosato ancestrale dalle mani di Daniele Vuerich, direttore di Attems, che mostra una via originale al modello provenzale di cui è in realtà progenitore non riconosciuto. Colore rosa incantevole, delicato e sinuoso così come il naso, tra confetto e rosa, lamponi e mandarino, lime e senape, tabacco appena accennato, lieve flint. Sorso scattante e piacevolissimo in aperitivo ma anche con abbinamenti con crostacei.

  • 2019,  Benventano,  CAMPANIA,  IGT,  ROSATI,  Terre Stregate

    2019 Attimo Rosato, Terre Stregate

    Il colore è ricco sul velo di cipolla spinto, naso di peonia, geranio, rosa e fragole, lamponi freschi e ciliegie appena mature. Sorso di carattere, aglianico centrato, ma in versione leggera come dev’essere. Emerge al sorso un tratto vinoso pronunciato e un filo di tannino a renderlo originale e irresistibile tra amarene, tabacco, anice e cumino, karkhadè. Stupendo da bere freddo, guadagna spessore ad ogni grado di temperatura.

  • 2018,  IGT,  Raina,  ROSATI,  UMBRIA,  Umbria

    2018 La Peschiera di Pacino Rosato, Raìna

    Ancora una volta sono inciampato su Raìna, azienda agricola umbra di Francesco Mariani, fino a qualche mese fa a me sconosciuta ma che incontro sempre più spesso, e con gran piacere. In un ristorante abruzzese scelgo dalla carta il Rosato 2018 a base sagrantino e syrah. Il colore è rosa antico, un po’ spento, velato. Il naso inizialmente ritroso si apre poi su note fruttate molto marcate di fragola macerata, lampone, e a seguire cannella, chiodi di garofano, karkadè e tratti balsamici di eucalipto. Al palato è gustoso, saporito, tornano le note fruttate già incontrate al naso. Bella freschezza e salinità. Vino dai modi contadini ma irresistibile, va servito fresco…

  • 2018,  Cantina Margò,  IGT,  ROSATI,  UMBRIA,  Umbria

    2018 Rosato, Cantina Margò

    Carlo Tabarrini è fortemente umbro, non solo nell’aspetto ma anche e soprattutto nella scelta delle uve da lavorare. Il suo rosato da uve sangiovese ha talmente tanto carattere che ogni volta fatico un po’ a coglierne l’anima: come certe persone che si fanno grosse per nascondere l’attitudine gentile, questo vino dal colore simile al cerasuolo si concede dopo qualche minuto di riduzione. Subito dopo si mostra generoso di profumi di frutta rossa acidula che investono olfatto e palato eppure, nonostante tanta irruenza, il vino mantiene una fiera eleganza, forse per la giusta proporzione tra polpa, vena salina e acidità gustosa. Riassaggiato dopo un giorno, il rosato dà il meglio di…

  • 2019,  Castello di Montepò,  IGT,  ROSATI,  TOSCANA,  Toscana

    2019 JeT, Castello di Montepò

    Dal cuore della Maremma, in quel del Castello di Montepò, proprietà di Jacopo e Tancredi Biondi Santi, ricominciano i lavori su vigneti, cloni e capacità del sangiovese di dar vita a vini di personalità. Questo vino rosa porta il nome di padre e figlio e annuncia l’inizio di una più attenta mappatura dei vigneti di Montepò i cui risultati saranno rivelati nei prossimi anni. Colore provenzale, velo di cipolla intrigante, pesca nettarina, susine, rosa thea, lamponi, melograno e fragolina di bosco. Sorso plastico e carnoso con intensità e struttura non banali, dolcezza sussurrata e filante con importanza. Stiloso nella bottiglia e in bocca, forse manca di personalità e originalità ma…