• 2018,  AUSTRIA,  BIANCHI,  Gruber Röschitz,  QUALITÄTSWEIN

    2018 Niederösterreich Riesling, Gruber Röschitz

    Il Riesling è cosa seria. E come tale va bevuto con leggerezza! Almeno questo è quello che faccio io, applicando l’insegnamento di vita che ricavai anni fa da quella donna magnifica che è stata Elsa Maxwell: Prendi con leggerezza le cose serie e con serietà quelle frivole. Pianista, giornalista, scrittrice e, ancora di più, maestra dell’autoironia, intraprendente viveuse e festaiola, Elsa sapeva godere dello spirito delle cose, del loro soffio. Il Riesling di Gruber ha la stessa intelligente disinvoltura, si lascia bere e ribere. Coglie l’attimo con semplicità, è contingente: non ha pretese d’immortalità ma è vivo, succoso e saporito, come l’adesso. Un vino che ha tutti i profumi del…

  • FRANCIA,  Ganevat,  MACERATI,  VIN DE FRANCE

    Le Zaune à Dédée, Anne et Jean-François Ganevat

    Da buona altoatesina con origini sicule ho una naturale predisposizione per gli estremi, geografici o gustativi che siano. Sarà per questo che mi ha decisamente intrigata Le Zaune à Dédée, un vino dalla volatile acuta, a tratti stridente, capace di attrarti e respingerti in un gioco di seduzione continua. L’etichetta, che fa parte del progetto da negociant di Jean-François Ganevat – anarchico produttore dello Jura – è ottenuta da uve di Gewürztraminer macerate sulle bucce e da un 20% di uve Savagnin, che affinato in botte per sette anni sous voile. Un tributo al tempo e alla sua pungente sensualità, un tributo agli scambi di ossigeno fra noi e il mondo, nordico…

  • 2018,  EMILIA ROMAGNA,  IGT,  Lambrusco,  Podere Magia,  RIFERMENTATI

    2018 Lambrusco dell’Emilia, Podere Magia

    Oltre a quella da lievito madre, piante d’appartamento e dirette Instagram, durante la quarantena io ho sviluppato anche una dipendenza da Lambrusco. Chiusa in casa a pensare, infatti, me ne sono goduta diversi litri, come fossero una versione alcolica della schiuma di Giorgio Gaber. Altrettanto buoni, altrettanto materni. Fra i vari assaggi, ricordo ancora con particolare affetto, e con l’acquolina in bocca, quello del Lambrusco di Podere Magia. L’azienda si trova sulle colline emiliane ed è una creatura di Stefano Pescarmona, che la conduce secondo i principi del metodo biodinamico, di cui è un grande esperto. Il suo è un Lambrusco rustico, nel senso più nobile del termine, polposo e…

  • 2017,  BIANCHI,  IGT,  Manlio Manganaro,  SICILIA,  Sicilia

    2017 Terre Siciliane Bianco, Manlio Manganaro

    Gli esseri umani non nascono sempre il giorno in cui le loro madri li danno alla luce, la vita li costringe ancora molte volte a partorirsi da se*. E così ha fatto Manlio Manganaro: grafico pubblicitario prima, Sommelier poi, oggi proprietario e anima di una delle enoteche più curate e accoglienti d’Italia, l’Infernot a Pavia e, dalla vendemmia 2017, anche produttore di vino. Nel frattempo, anni fa, è stato anche il mio personal wine coach, ma dubito che lo inserisca nel CV.  Per produrre il proprio vino Manlio ha deciso di tornare in Sicilia, terra d’origine della famiglia, e di affittare una piccola vigna a Campobello di Mazara, a sud…

  • 2019,  Abbazia di Novacella,  BIANCHI,  IGT,  Mitterberg,  TRENTINO-ALTO ADIGE

    2019 OHM, Abbazia di Novacella

    Insolitus è il nuovo interessante progetto dell’Abbazia di Novacella. Nasce con l’intento di sperimentare diverse tecniche e vitigni, trovare risposte enoiche ai cambiamenti climatici e giocare con le etichette che, così come il loro contenuto, cambieranno ogni anno. Fra i vini più interessanti della prima sfornata di Insolitus c’è OHM, una bella interpretazione di Bronner. Veterano della categoria (nasce nel 1975 in Germania), il Bronner rientra fra i PIWI, le varietà resistenti alle malattie fungine al cui sapore, forse, dobbiamo farci ancora un po’ la bocca ma che rappresentano, sempre di più, una valida scelta per praticare un’ agricoltura sostenibile, che limiti – se non del tutto abolisca – l’utilizzo…

  • 2017,  DOC,  LOMBARDIA,  Oltrepò Pavese,  ROSSI,  Tenuta Mazzolino

    2017 Oltrepò Pavese Noir, Tenuta Mazzolino

    Insospettabilmente, i miei primi passi enoici li ho mossi in Oltrepò Pavese. Non provengo, infatti, da una famiglia di appassionati o esperti di vino. I miei parenti sono bevitori da cerimonia, stappatori della domenica. E così il mio rapporto col vino è iniziato tardi e ha preso forma concreta in terra Lombarda. È lì che sono diventata Sommelier, che ho iniziato a frequentare le prime fiere e a studiare la geografia del mondo allo stato liquido. Fra i nomi che mi riportano a quel periodo c’è sicuramente quello di Tenuta Mazzolino, che ho avuto la gioia di rincontrare virtualmente qualche giorno fa in occasione di un tasting guidato dall’enologo Stefano…

  • 2013,  IGT,  in der Eben,  ROSSI,  TRENTINO-ALTO ADIGE,  Vigneti delle Dolomiti

    2013 Roter Malvasier, In Der Eben Urban Plattner

    Non è facile trovare una Malvasia rossa in Alto Adige. Direi anzi che, ormai, è praticamente impossibile! Sulle colline della località Coste, all’imbocco della Valle Isarco, però, il giovane vignaiolo Urban Plattner ne custodisce ancora (e per fortuna) alcune piante. Si tratta di soli 1000 metri di vecchie pergole che danno vita a una vera e propria chicca.  Le uve sono coltivate in biologico dal 1990 e, a partire dal 2014, in campagna si seguono anche  le pratiche del metodo biodinamico. La Malvasia rossa fermenta spontaneamente in acciaio per poi passare in tonneau dove rimane per due anni. È un vino luminoso e aggraziato, a partire dai profumi, vari ma mai…

  • 2017,  IGT,  METODO ANCESTRALE,  Pojer e Sandri,  TRENTINO-ALTO ADIGE,  Vigneti delle Dolomiti

    2017 Zero Infinito, Pojer e Sandri

    Zero Infinito è la bottiglia giusta per iniziare a prendere confidenza con i PIWI, le varietà resistenti alle malattie fungine che negli ultimi anni sono sempre più coltivate anche in Italia, in particolare nelle regioni del Nord. Profumato e leggero, si beve con una disinvoltura inversamente proporzionale a quella con cui si pronuncia pilzwiderstandsfähige Rebsorte (espressione tedesca da cui deriva l’acronimo PIWI). Le uve solaris, lavorate senza l’utilizzo di chimica in vigna e in cantina, fermentano secondo il metodo ancestrale e regalano un vino double face: da bere limpido, lasciando il fondo sul fondo (appunto!), oppure torbido e un po’ spettinato dopo aver shakerato la bottiglia. Il naso profuma di frutta…

  • 2016,  IGT,  ROSSI,  SICILIA,  Tanca Nica,  Terre Siciliane

    2016 Nivuro Nostrale, Tanca Nica

    Nivuro Nostrale è un vino che colpisce lì dove non arriva la ragione. L’ho assaggiato per la prima volta durante una degustazione alla cieca e mi ha stordita con la sua carnalità. Si tratta di un pignatello che fermenta spontaneamente grazie ai lieviti indigeni e non è sottoposto né a chiarifiche, né a filtrazioni. È una bottiglia viscerale e determinata, che profuma di mirtillo, macchia mediterranea e olive nere. Il sorso è schietto e saporito e ha un’intensità tutta sua fatta di morbidezze e ondate di freschezza.  A farlo è Francesco Ferreri, che ha una storia appassionante come il suo vino: siculo e giovanissimo, dopo una laurea in enologia all’Università di…