• 2020,  BIANCHI,  Colline Novaresi,  DOC,  Francesca Castaldi,  PIEMONTE

    2020 Colline Novaresi Bianco Lucia, Francesca Castaldi

    Erbaluce o greco novarese allevato a Briona, il primo comune che si incontra arrivando dalla città, là dove inizia l’Alto Piemonte vitivinicolo della sponda novarese. Il vigneto in questione si chiama Cravona ed è stato impiantato da Francesca Castaldi nel 2009. Appezzamenti che occupano gran parte del cosiddetto pianoro, ossia un terrazzamento di origine fluvio-glaciale che strizza l’occhio alle Alpi, sono rilievi che risalgono all’età Pleistocenica. E’ un territorio affascinante e a tratti misterioso, i filari delle vigne talvolta giocano a nascondersi all’interno del bosco. Luoghi incontaminati che tracciano un percorso piuttosto regolare che giunge fino al Monte Rosa, vetta dal profilo himalayano, vera a e propria icona del territorio. Il terreno…

  • 2019,  Barbaglia,  Colline Novaresi,  DOC,  PIEMONTE,  ROSSI

    2019 Uva Rara Colline Novaresi DOC , Barbaglia

    “Carràmba! Che sorpresa” avrebbe esclamato la Raffaella nazionale se fosse stata con noi l’altro giorno. Si perché proprio una carrambata è stata andare a trovare sulle colline di Valdobbiadene Il bravo Vitale Girardi nella sua Malga Ribelle e trovarvi anche la giovane e bella Silvia Barbaglia, produttrice di uno spettacolare Boca sui terreni porfirici dell’alto Piemonte ai piedi del Monte Rosa. Visto che da un po’ meditavo un giro nella sua cantina di Cavallirio, trovarla li è stata una vera sorpresa e la nostra mattinata è volata parlando non solo di Valdobbiadene ma anche di spanna ed erbaluce. Il risultato è stato che nel bagagliaio dell’auto hanno trovato posto anche…

  • 2020,  Colline Novaresi,  DOC,  Ioppa,  PIEMONTE,  ROSATI

    2020 Colline Novaresi Nebbiolo Rusin, Ioppa

    Il Rusin, lo fa intendere già il nome, è il Rosato di Casa Ioppa, base 100% nebbiolo, localmente chiamato spanna. Negli ultimi anni è diventato un vero e proprio cult soprattutto per i mercati esteri: Nord Europa, in particolar modo Norvegia, tanto che la cantina ha aumentato in maniera esponenziale la produzione di questo vino mantenendo immutato il livello di qualità. Ricordo la visita presso la sede in Romagnano Sesia (No) di qualche tempo fa. Luca Ioppa, responsabile della comunicazione della Cantina, ci ha mostrato le due stanze di vinificazione: la prima dedicata a tutta la gamma prodotta, eccellenti i loro Ghemme Docg di cui presto parlerò, la seconda, di…

  • 2017,  Colline Novaresi,  DOC,  Francesco Brigatti,  PIEMONTE,  ROSSI

    2017 Colline Novaresi Nebbiolo MötZiflon, Francesco Brigatti

    MötZiflon è una delle colline storiche dell’Alto Piemonte, icona indiscussa dei vini della Cantina Francesco Brigatti, risulta originale sin dal suo stesso significato. Nel dialetto di Suno (NO) “Möt” significa collina e “Ziflon” zufolo, dunque: “il canto degli uccelli”, un’immagine singolare e poetica a mio avviso. L’azienda nasce nei primi del Novecento per mano di Alessandro Brigatti, nonno di Francesco; alla coltivazione di cereali affianca quella della vite. La scelta ricade su una dolce collina immersa nel bosco, un luogo ancor oggi incontaminato dove si registrano livelli di pace e silenzio da guinnes dei primati. Filari esposti a sud, opportunamente soleggiati e dal terreno fortemente argilloso. L’attuale proprietà si estende…

  • 2016,  Colline Novaresi,  DOC,  Paride Chiovini,  PIEMONTE,  ROSSI

    2016 Colline Novaresi Vespolina Afrodite, Paride Chiovini

    “La qualità rappresenta per me un diritto comune. Un impegno che coltivo giorno per giorno.” Paride Chiovini, con questa frase ricca di significato, presenta la sua azienda e la sua filosofia in vigna e in cantina. Ormai da diversi anni, per l’esattezza 24, gli appassionati del territorio, ma non solo, conoscono il lavoro di questo abile vignaiolo di Sizzano. Questo comune appartiene alla sponda novarese dell’Alto Piemonte vitivinicolo e dà il nome alla DOC omonima istituita nel 1969. Le uve crescono su terreni morenici di derivazione fluvio glaciale, caratterizzati soprattutto in quel di Sizzano da una componente argillosa di notevole spessore; la stessa conferisce ai vini carattere e tanta sapidità,…

  • 2018,  Colline Novaresi,  DOC,  Francesca Castaldi,  PIEMONTE,  ROSSI

    2018 Bigin Nebbiolo Doc Colline Novaresi, Francesca Castaldi

    Luminoso, fragrante, con richiami di fragole selvatiche, cornioli, pyracantha, petali di rosa rossa e cuoio bagnato. Lo porti alle labbra e il suo profumo accompagna un sorso croccante, roccioso, che innerva il succo agrumato e reattivo. L’acidità, dolcemente integrata, sprona la salivazione e così il vino placa la sete; ed appaga. Vendo i vini di Francesca Castaldi in Italia.

  • 2018,  Colline Novaresi,  Davide Carlone,  DOC,  PIEMONTE,  ROSSI

    2018 Colline Novaresi Croatina, Davide Carlone

    Sulle prime è un poco ridotto, cupo, ma qualche minuto d’aria svela una mora turgida, fragrante, unita a note erbacee di rovi selvatici; un accenno di gomma bruciata e poi ancora le bacche nere e una lieve speziatura. Al palato è succoso, fruttato, con richiami ad erbe fresche di sottobosco alpino; il tatto appena “buccioso” e un lieve sapore di amaro d’erbe richiamano le labbra e soddisfano i sensi.

  • 2017,  Colline Novaresi,  DOC,  PIEMONTE,  ROSSI,  Tenuta il Corvo

    2017 Colline Novaresi Nebbiolo Vetustas, Tenuta il Corvo

    Davide Bellora e Mattia Suno sono i titolari di Tenuta il Corvo, un’altra giovane azienda vitivinicola, con annesso agriturismo, nata con l’intento di valorizzare l’antico territorio di Boca in provincia di Novara. Alto Piemonte, colline da sempre vocate alla viticoltura, fino agli anni ’50 questo borgo fu uno dei più estesi del Piemonte, considerando gli ettari allora vitati, se ne contavano ben 42.000. La matrice del terreno è nota come “complesso dei porfidi quarziferi del biellese”, presenta un elevato grado di acidità (ph 4.7), tra i più bassi al mondo. Fa da sfondo il Monte Rosa e alle spalle il parco naturale del Monte Fenera, sito Unesco. La presenza massiccia…

  • 2019,  Colline Novaresi,  Davide Carlone,  DOC,  PIEMONTE,  ROSSI

    2019 Colline Novaresi Vespolina, Davide Carlone

    Il primo sbuffo è etereo, lievemente alcolico, ma dopo alcuni minuti si mette a fuoco e un’aria fresca di rugiada irradia dal bicchiere con profumi che richiamano il gambo del garofano e il pepe bianco, poi petali freschi umidi, susina selvatica, goudron, grigliato e un accenno a note viniliche, che non avverto più a un giorno dall’apertura. In bocca seduce per la vitalità; è succoso e tenace, ma mai aggressivo, rinfrescante e saporito. Ancora un filo alcolico in deglutizione, ma un cenno di scorza di mandarino tranquillizza l’animo e appaga il sorso. Dopo due giorni è più preciso, più misurato, più fine.