• 2018,  COS,  IGT,  ROSSI,  SICILIA,  Terre Siciliane

    2018 Frappato, COS

    Il frappato è uno di quei vitigni in grado di donare al vino succo, tanta frutta e bevibilità priva di asperità anche in gioventù; il Frappato di Cos solitamente è l’emblema di questa cifra gustativa. Nell’annata in oggetto sembra, però, manchevole. Ci sono profumi di frutti rossi, qualche sentore floreale e tipiche venature speziate alternate a richiami di erbe mediterranee: fin qui tutto torna. Ma l’assaggio appare timido, di poco corpo. Sarà colpa della assai piovosa primavera 2018? L’acidità non riesce a rimpiazzare la carenza di vibrazioni tanniche e a dare un po’ di nerbo ad una sostanza che sembra diluita. Il sorso scivola via facilmente, ma si dimentica. Riconosco,…

  • 2018,  ABRUZZO,  BIANCHI,  Castel Simoni,  IGT,  Terre aquilane

    2018 Tramè, Castelsimoni

    Potrebbe sembrare una provocazione, ma non lo è affatto: il lavoro di Manuela Castellani a 800mt sul Gran Sasso a Pretura, con una viticoltura di montagna ai confini dell’eroico. La scelta di usare traminer aromatico è ampiamente ripagata e giustificata da climi e suoli. Il risultato è un vino squillante e fresco, con note leggere di tiglio, vaniglia e robinia, lytchee e rose, confetti e mandorle; solo il sorso è un poco frenato, con tocco di tannino ed erbe aromatiche, ma è un bel gioco di equilibrio tra sapidità e frutto che dura a lungo.

  • 2018,  Antonio Camillo,  IGT,  ROSSI,  TOSCANA,  Toscana

    2018 Ciliegiolo Vallerana Alta, Antonio Camillo

    La Vallerana Alta sta lì, a metà strada tra Manciano e Capalbio, nel grossetano. Il Ciliegiolo di Antonio Camillo arriva dal singolo cru con vigne di oltre 60 anni età. Già questo basterebbe a far venire voglia di assaggiarlo. L’uso limitato di solforosa aggiunta ed i lieviti indigeni utilizzati non lo classificano completamente tra i “vini naturali” (perché controlla la temperatura in fermentazione) ma lo rendono comunque un grande vino. Trasparente nel calice, intensità ricca di profumi sinceri (spicca tanta ciliegia matura – sembra scontato da un vitigno con questo nome, ma tant’è!). Si aggiunge la susina ai richiami di viola e rosa rossa che ne arricchiscono il corredo olfattivo. L’assaggio…

  • 2014,  BIANCHI,  IGT,  Tenuta Bellafonte,  UMBRIA,  Umbria

    2014 Arnèto, Tenuta Bellafonte

    Tenuta Bellafonte ha aperto la strada ad un nuovo corso del Sagrantino di Montefalco riuscendo, tra i primi, ad ammantare di snellezza ed eleganza la struttura e la muscolosità del più celebre rosso umbro.Diverso è l’approccio scelto per il primo bianco dell’azienda, prodotto a partire dall’annata 2014 con il trebbiano spoletino. È subito apparso un vino corposo, denso, calorico e incentrato sulla morbidezza del frutto tropicale, con una vena di freschezza capace di controbilanciare, in gioventù, l’impronta dominante. Ma è in assenza di gioventù che Arnèto, così si chiama il vino, mostra qualche limite. Qui vi parlo proprio della prima annata, la 2014: al naso è netta la dominanza del…

  • 2015,  IGT,  Podere Erica,  ROSSI,  TOSCANA,  Toscana

    2015 La Ghiandaia, Podere Erica

    Molto piacevole questo bicchiere di sangiovese e canaiolo di Podere Erica in Val d’Elsa nell’area di produzione del Chianti Gallo Nero. Vigne coltivate senza l’utilizzo della chimica di sintesi e vino prodotto con fermentazioni spontanea e senza l’aggiunta di solfiti. Il colore è affascinante, rosso rubino vivo. Il naso è ben delineato, elegante, con note di frutti rossi, rosa canina, lievemente speziato e fresco. Bocca molto convincente poggia su una soffice salinità con tannini dolci, ben maturi, dolci e nel contempo incisivi per poter mettere a bada una carne grigliata. Bello l’allungo finale che accompagna le sensazioni retro olfattive. Un vino semplice nel suo fare ma capace di attirare l’attenzione…

  • 2012,  IGT,  MARCHE,  Marche,  ROSSI,  Vini Firmanum

    2012 Solchi Marche, Vini Firmanum

    Cominciamo con il dire che le Marche, regione molto ricca dal punto di vista vitivinicolo, non può e non deve relegare la sua notorietà solo al Verdicchio; ci sono infatti delle enclave, meno conosciute, come ad esempio la provincia di Fermo, che possono regalare piacevoli e inaspettate sorprese, sia per i vini bianchi che per i rossi. È stato così per il Solchi Marche Rosso 2012 di Vini Firmanum, montepulciano in purezza. A conferma che nel sud della regione il montepulciano trova la sua naturale vocazione. Dopo breve appassimento in vigna, macerazione di 21 giorni sulle bucce con rimontaggi all’aria, seguita da decantazione statica in botte grande di rovere, il…

  • 2015,  Bressan,  delle Venezie,  FRIULI VENEZIA GIULIA,  IGT,  ROSATI

    2015 Rosantico Delle Venezie IGP Moscato Rosa Bressan

    Un moscato rosa vinificato secco che racchiude tutto lo stile e l’originale savoir- faire di Fulvio Bressan. È un rosato di carattere e con un impronta gustativa decisa, netta e persistente, che lo rende davvero una splendida bevuta, molto versatile. Ahimè la nota dolente è che viene prodotto in numero davvero limitato, vista la bassa resa per ceppo. Al colore si presenta rosa, con riflessi tendenti al ramato, leggermente velato. Il naso presenta da subito una grande complessità aromatica spaziando dai piccoli frutti rossi, lampone, fragola, fragolina di bosco, melograno e ribes, importante anche la parte erbacea e floreale, che si accentua, man mano che il vino viene lasciato respirare,…

  • 2019,  BIANCHI,  Enò-Trio,  IGT,  SICILIA,  Terre Siciliane

    2019 Iddu Carricante, Enò-Trio

    Suoli vulcanici ricchi di sabbie e pietre laviche, in un contesto incontaminato e ancora circondato da una natura selvaggia, lungo il versante Nord dell’Etna, nella zona tra Randazzo e Bronte, a un’altitudine di circa 650 metri sul livello del mare. È questo lo scenario in cui nasce Iddu Carricante, bianco etneo di Enò-Trio, giovane e talentuosa realtà famigliare (il Trio è composto da Nunzio Puglisi e dalle figlie, Stefany e Désirée) nata nel 2013 che conta oggi poco più di 2 ettari vitati di proprietà. Le vecchie vigne di carricante sono quelle che fanno la parte del leone nel fornire le uve che concorrono a comporre questo vino, con un…

  • 2012,  FRIULI VENEZIA GIULIA,  IGT,  Il Carpino,  MACERATI,  Venezia Giulia

    2012 Ribolla Gialla, Il Carpino

    In quella terra di confine, che in realtà confine non è, dal nome di Oslavia, tra Gravner e Radikon, nel giro di 250 metri c’è la casa de Il Carpino di Franco e Ana Sosol. Due tipi di etichette. La prima fresca con le vigne più giovani, la seconda, macerata con le vigne vecchie. Ecco la più amata di Oslavia, la Ribolla gialla. L’ultima a essere raccolta, perfettamente matura e se c’è qualche grappolo botritizzato è ancora meglio. 45 giorni di macerazione sulle bucce con rimontaggi continui. Un gran lavoro per poter estrarre il massimo dalla buccia e dai vinaccioli. Un’ambra da concorso. All’inizio fa fatica a parlare, ha freddo,…

  • 2016,  BIANCHI,  Castellari Isola del Giglio,  IGT,  TOSCANA,  Toscana

    2016 Calzo della Vignia, Castellari Isola del Giglio

    Simone Ghelli è il direttore di una delle più importanti aziende italiane di preparazione e impianto vigneti ed è una delle persone che conosce meglio in Toscana vigneti, giaciture ed esposizione. La sua storia d’amore con l’isola del Giglio parte da lontano e si è concretizzata solo di recente in un vino dove ha infuso tutta la sua passione e le capacità agronomiche avvalendosi in cantina dell’enologo autore di uno dei tre vini bianchi italiani di livello assoluto al mondo. Il risultato non poteva che essere un vino speciale che nasce guardando il tramonto su Campese al Giglio e ne assorbe golosamente ogni raggio. Il colore è arancio tramonto e…