• 2015,  Colli Berici,  Dal Maso,  DOC,  ROSSI,  VENETO

    2015 Merlot Casara Roveri, Dal Maso

    Siamo nel periodo recentissimo, forse anche ad un punto di svolta, perché penso sia difficile andare oltre a questa struttura (naturale) senza poi piantare il vino che invece in questo caso si muove: molta prugna, mirtillo, molta spezia, un tratto di cacao ma anche una nota ferrosa. Bocca esplosiva, la materia c’è eccome ma annata e mano fanno la differenza, rispetto ad una 2003: quindi sì, ciccia ma non grasso eccessivo, torna la spezia e il frutto pieno – è un bimbo questo vino, ma la cosa interessante è che sotto si sente comunque la matrice leggermente vegetale, espressa in forma di note aromatiche che danno dinamicità, assieme a una…

  • 2015,  Colli Orientali del Friuli,  DOC,  FRIULI VENEZIA GIULIA,  ROSSI,  Vigna Petrussa

    2015 Friuli Colli Orientali Schioppettino di Prepotto Riserva, Vigna Petrussa

    C’è una storiella che ogni tanto si ripresenta. Quella in cui si dice che i vini, quelli fatti bene, assomigliano a chi li produce. Mah, dite quello che volete ma io ci credo. Volete un esempio? La produttrice Hilde Petrussa e il suo Schioppettino di Prepotto Riserva 2015. Hilde è una signora dall’eleganza innata, lo capisci subito da come si veste, dai gioielli che porta, da come si muove; ma è anche una imprenditrice di carattere che gestisce la sua azienda, Vigna Petrussa,  con polso fermo; ma è anche una cantiniera in stivaloni e mani color violetto duranti i travasi. Esattamente come il suo Schioppettino di Prepotto Riserva 2015. Elegante…

  • 2015,  IGT,  Podere Erica,  ROSSI,  TOSCANA,  Toscana

    2015 La Ghiandaia, Podere Erica

    Molto piacevole questo bicchiere di sangiovese e canaiolo di Podere Erica in Val d’Elsa nell’area di produzione del Chianti Gallo Nero. Vigne coltivate senza l’utilizzo della chimica di sintesi e vino prodotto con fermentazioni spontanea e senza l’aggiunta di solfiti. Il colore è affascinante, rosso rubino vivo. Il naso è ben delineato, elegante, con note di frutti rossi, rosa canina, lievemente speziato e fresco. Bocca molto convincente poggia su una soffice salinità con tannini dolci, ben maturi, dolci e nel contempo incisivi per poter mettere a bada una carne grigliata. Bello l’allungo finale che accompagna le sensazioni retro olfattive. Un vino semplice nel suo fare ma capace di attirare l’attenzione…

  • 2015,  Bressan,  delle Venezie,  FRIULI VENEZIA GIULIA,  IGT,  ROSATI

    2015 Rosantico Delle Venezie IGP Moscato Rosa Bressan

    Un moscato rosa vinificato secco che racchiude tutto lo stile e l’originale savoir- faire di Fulvio Bressan. È un rosato di carattere e con un impronta gustativa decisa, netta e persistente, che lo rende davvero una splendida bevuta, molto versatile. Ahimè la nota dolente è che viene prodotto in numero davvero limitato, vista la bassa resa per ceppo. Al colore si presenta rosa, con riflessi tendenti al ramato, leggermente velato. Il naso presenta da subito una grande complessità aromatica spaziando dai piccoli frutti rossi, lampone, fragola, fragolina di bosco, melograno e ribes, importante anche la parte erbacea e floreale, che si accentua, man mano che il vino viene lasciato respirare,…

  • 2015,  BIANCHI,  Castelli di Jesi Verdicchio Riserva,  DOCG,  MARCHE,  Pievalta

    2015 Castelli di Jesi Verdicchio Classico Riserva San Paolo, Pievalta

    Di altre due espressioni di verdicchio dell’azienda Pievalta ho già parlato su Intralcio qui e qui.Oggi vi parlo del Castelli di Jesi Verdicchio Classico Riserva San Paolo, dall’omonimo vigneto situato in una delle zone più vocate dei castelli jesini. Uno dei vini bianchi italiani da blasone, da assaggiare obbligatoriamente per capire come un vino bianco confezionato con uve di qualità, in un habitat d’elezione, in piena sintonia con il terroir possa sfidare il tempo e innalzare con gli anni la qualità.Trascorre venti mesi in acciaio sui lieviti e dodici mesi di affinamento in bottiglia prima della immissione in commercio. Questa in oggetto è l’annata 2015. Freschezza viva, dinamica, saettante, mista…

  • 2015,  IGT,  Leonardo Bussoletti,  Narni,  PRODUTTORI,  ROSSI,  UMBRIA

    2015 Ciliegiolo Brecciaro, Leonardo Bussoletti

    Leonardo Bussoletti può essere definito, senza tema di smentita, l’ambasciatore mondiale del ciliegiolo di Narni. Con il supporto tecnico di quel genio dell’agronomo Federico Curtaz, conduce in quel di Narni, siamo in provincia di Terni, 7 ettari di vigna, di cui 4 a ciliegiolo. Con la sua tenacia e soprattutto smisurata passione, pare banale definirlo amore, ha fatto conoscere il ciliegiolo di Narni all’Italia enoica intera, guide comprese naturalmente. Il gioiellino di casa Bussoletti è il Brecciaro. Vinificazione in acciaio inox a temperatura controllata per il 70%; riposa 12 mesi sulle proprie fecce fini per poi incontrare la botte grande di rovere francese da 25 hl per altri 9/12 mesi.…

  • 2015,  Castello di Volpaia,  Chianti Classico,  DOCG,  ROSSI,  TOSCANA

    2015 Chianti Classico Gran Selezione Il Puro, Castello di Volpaia

    Punta di diamante del Castello di Volpaia. Le uve di questo vino derivano dal “Capo di Berto”, un piccolo appezzamento dedicato, fin dal 1943, allo studio della biodiversità dei cloni del sangiovese.In esso risiedono ancora viti senza portainnesto americano, sopravvissute alla fillossera degli anni ’70, e da esso provengono le marze innestate in un vigneto del 2001 (Casanova) destinato alla produzione di questo vino. Biologico certificato, tirato in appena 1440 bottiglie.Nel bicchiere si muove consistente di un bel rubino sangue di piccione, davvero impenetrabile.Al naso emergono sentori di prugna cotta, confettura di amarene, arancia sanguinella, carrubo, violetta, petalo disidratato di rosa, tabacco fire-cured, concia matura, sottobosco fungino, vinile e cenni…

  • 2015,  Benventano,  CAMPANIA,  IGT,  ROSSI,  Terre Stregate

    2015 Aglianico Costa del Duca, Terre Stregate

    Da uve aglianico vendemmiate tardivamente a 380 slm ecco un vino dal rubino rosso intenso, selvatico e arrembante. Affumicato l’inizio nel calice, poi emerge il frutto di amarena, tamarindo, carrube, mallo di noce, tabacco dominicano, miele di castagno, sottobosco e refoli vulcanici in sottofondo. Il tannino è di una sofficità rara per l’aglianico, ma lo si sente sempre. Centro bocca fresco e verticale con polpa di ribes rosso e mirtillo che nel finale divengono erbe aromatiche di alloro, mirto e lentisco miste a pepe nero. Lunghezza e stile senza calore e sovrabbondanza, elegante e soffice senza essere molle, ricco e pepato senza esagerazioni.

  • 2015,  Casavecchia alla piazza,  IGT,  ROSSI,  TOSCANA,  Toscana

    2015 Lemme Lemme, Casavecchia alla Piazza

    Michelangelo Buonarroti aveva acquistato intorno al 1550 i terreni di Casavecchia alla Piazza, convinto sostenitore del vino che se ne ricavava.Su quelle medesime terre oggi sorge l’azienda agricola dei coniugi Buondonno, certificata biologica e dall’approccio essenziale in vigna e cantina.Il Lemme Lemme è probabilmente il manifesto programmatico enologico delle loro convinzioni di viticultori.Da vecchie viti maritate all’acero, piantate circa 80 anni or sono, si ottengono uve il cui mosto, dopo la fermentazione spontanea a grappolo intero, matura e affina in tini di ceramica.Il risultato è un “Vecchio Chianti” a prevalenza sangiovese, contornato da canaiolo, malvasia nera, colorino e altre specie locali.Il vino nel bicchiere è rubino con unghia granato e…

  • 2015,  Fattoria Selvapina,  IGT,  ROSSI,  TOSCANA,  Toscana

    2015 Pinot Nero, Fattoria Selvapiana

    Piccole scoperte di fine estate! Non certo per l’azienda che affonda storicamente le sue radici vitivinicole nel Chianti Rufina, ma tanto per quello che ho scoperto di avere nel bicchiere quando la bottiglia, accuratamente bendata, è stata svelata. Ed ecco che un bel pinot nero toscano si svela, quando invece la mente e memoria gustativa mia e dei presenti vagava con i pensieri fuori dal confine del bel paese. Fin dal principio si apre con note di ribes, ciliegia, mora selvatica e una nota floreale netta che ricorda la rosa alla quale segue una nota balsamica e di sottobosco, finale che ricorda le spezie dolci. Al palato è elegante, con…