• 1998,  DOCG,  Matteo Correggia,  PIEMONTE,  Roero,  ROSSI

    1998 Roero Ròche d’Ampsèj, Matteo Correggia

    Nel 1998 Roero era ancora una DOC e Matteo Correggia era il migliore dei produttori della sua terra. Morirà giovane, pochi anni dopo, lasciandoci con questo vino e con l’interrogativo di quello che avrebbe potuto essere (e finora non è stato) il Roero.Sa di mora di rovo, di prugna e di viola, con una speziatura come di legno dolce. Pochi minuti nel calice perché il tannino si risvegli, integrandosi nella massa scura. È una bevuta succosa, con la carezza di una tannicità vellutata ed il portamento sostenuto da una freschezza ancora vivida. Un paradigma per i nebbioli di questa sponda del Tanaro. Se lo avessi bevuto alla cieca gli avrei…

  • 2013,  Barolo,  DOCG,  Giovanni Rosso,  PIEMONTE,  ROSSI

    2013 Barolo Vigna Rionda Ester Canale, Giovanni Rosso

    È sempre difficile snocciolare profumi, sapori e percezioni tattili quando ci si trova al cospetto di tanta bontà. Si rischia sempre la figura barbina con un donchisciottesco tentativo di domare qualcosa di indomabile, di fermare con delle parole qualcosa di fuggevole ma nello stesso tempo monolitico. Ma come nei primati di Kubrick, che si destano sorpresi dall’imponente ombra del blocco di pietra, la curiosità ha la meglio sul timore. Il liquido riflette la luce evidenziando il contrasto tra un viola ed un color mattone che sembrano saltare fuori dal bicchiere per come sono vividi. Con il naso trovi confettura di ciliegia, con un rametto di mentuccia che rende il frutto…

  • 2016,  Chianti Classico,  DOCG,  ROSSI,  San Felice,  TOSCANA

    2016 Chianti Classico Gran Selezione Poggio Rosso, San Felice

    Circa 20 mesi in tonneaux da 500 litri e altri 12 mesi in bottiglia per il più importante dei Chianti Classico targati San Felice, grande azienda che prende il nome dell’omonimo borgo (e splendido Relais & Châteaux), a nord di Castelnuovo Berardenga. L’annata è grande e si sente, rosso rubino intenso e lucente che apre su tonalità di prugna e di lampone in un contesto di selvaticità appena accennata, ben bilanciata da leggeri toni speziati. È pieno, ricco, splendidamente vellutato nella trama tannica e ben sostenuto da un’acidità viva, vibrante. Chiude su sentori fruttati, di mora. Nobile e affascinante, assaggio fondamentale per approfondire le peculiarità di questo spicchio di Chianti…

  • 2018,  BIANCHI,  Carlo Gnavi,  DOCG,  Erbaluce di Caluso,  PIEMONTE

    2018 Erbaluce di Caluso Vigna Crava,Carlo Gnavi

    Gnavi è un cognome legato indissolubilmente a Caluso (TO) e alla sua storia. Colline moreniche dove il vitigno erbaluce esprime una delle sue massime interpretazioni. Nel “Vigna Crava”, regione particolarmente vocata del territorio, Giorgio Gnavi esegue una selezione dei migliori grappoli. Un vino che assume toni da fuoriclasse per struttura, sapidità e profondità gustativa. La freschezza è l’elemento distintivo di questo vino e si riscontra anche al naso: piccoli fiori di montagna e foraggio di malga anticipano un frutto croccante che sa di pesca nettarina e pera Kaiser, ancora mandorla tostata, miele agli agrumi e una vena di calcare che aumenta progressivamente con l’ossigenazione. Evolve nel bicchiere cambiando registro di…

  • 2016,  Carmignano,  DOCG,  ROSSI,  TOSCANA,  Villa di Capezzana

    2016 Carmignano DOCG, Villa di Capezzana

    Annata fresca ed equilibrata, sottobosco muschio lavanda e liquirizia, ciliegia durone, mallo di noce, china rabarbaro, medicinale corteccia fresca, tanta importanza per macchia mediterranea, profilo unico e riconoscibile, acidità sangiovese è sempre una grande impalcatura per il frutto e il corpo. Tannino asciuga solo all’inizio poi si scioglie in sapidità e avvolgenza del suo gran carattere, stoffa e nobiltà. Andamento stagionale: Un inverno assolutamente poco freddo ma molto piovoso fino ai primi di giugno ha favorito un buon accumulo di preziosa acqua nel sottosuolo, temperature che hanno fatto sì che la allegagione delle gemme sia stata perfetta abbondante, poiun clima caratterizzato da giornate soleggiate e calde ma da notti fresche…

  • Ca' del Bosco,  DOCG,  Franciacorta,  LOMBARDIA,  METODO CLASSICO

    Cuvée de Prestige Edizione 42, Ca’ del Bosco

    La natura è potenza, il vino è un suo atto.È con questo messaggio che è stata presentata da Maurizio Zanella, patron Ca’ del Bosco, la Cuvée Prestige Edizione 42, quarantaduesima interpretazione del multivintage a cui, ogni anno, seguirà una nuova edizione in ordine numerico crescente. Il desiderio è quello di offrire agli appassionati uno stimolo per imprimere nella memoria gustativa le diverse sfumature di ogni Cuvée Prestige prodotta, provvedendo a fornirne un elemento distintivo (il numero edizione) e, con lui, tutte quelle informazioni necessarie a identificarne le caratteristiche. Nella 42esima edizione, per esempio, troveremo un 69% della vendemmia base 2017 (annata definita dall’enologo Stefano Capelli ‘da brivido’ per la poca…

  • 2017,  Carmignano,  DOCG,  ROSSI,  TOSCANA,  Villa di Capezzana

    2017 Carmignano Docg, Villa di Capezzana

    Un vino in bottiglia da pochissimo ma già molto promettente, rubino porpora e brillante, denso e ricco, fragranza spiccata, amarena, vaniglia e peper nero, violetta, liquirizia, erba officinale sempre ben presente quasi macchia mediterranea e balsamico, tabacco, sottobosco, anice, pepe nero, tannino vigoroso. Bella acodidità croccaantezza, ferroso, gioventù da scontare, sale e salinità non solo sapidità.   Andamento stagionale: Un inverno assolutamente poco freddo ma molto piovoso fino ai primi di giugno ha favorito un buon accumulo di preziosa acqua nel sottosuolo, temperature che hanno fatto sì che la allegagione delle gemme sia stata perfetta abbondante, poiun clima caratterizzato da giornate soleggiate e calde ma da notti fresche e dalla…

  • 2016,  Castello di Volpaia,  Chianti Classico,  DOCG,  ROSSI,  TOSCANA

    2016 Chianti Classico Gran Selezione Coltassala, Castello di Volpaia

    Coltassala nasce in origine con il preciso scopo di creare un SuperVino. Etichettato inizialmente come VdT, incontra fin da subito il favore della stampa internazionale, acclamato come vero e proprio Supertuscan. In seguito, con l’introduzione della tipologia ‘Gran Selezione’ nel Chianti Classico, il Coltassala ne diviene uno dei rappresentanti classici.In questo 2016 il vino è composto da sangiovese (95%) e mammolo (5%), coltivati su terreni di arenaria, con una resa molto bassa (45ql. per ha). Viene affinato per 24 mesi in barriques di Allier, e per altri 6 in bottiglia.Va detto che quest’annata ha mietuto da subito riconoscimenti nazionali ed internazionali. Il naso è intenso e molto articolato, parte dalla…

  • 1930,  Carmignano,  DOCG,  ROSSI,  TOSCANA,  Villa di Capezzana

    1930 Carmignano, Villa di Capezzana

    Colore incredibilmente trasparente ma non domo, fruttato dolce di fragole e ribes rosso, melograno e zenzero, toffée, orzo, ebanisteria, talco, prugne sotto spirito, sorso sublime integro saporito salino come d’ordinanza con un tannino che ha ancora qualche sobbalzo, nitido e terso, olive e menta, anice, finocchietto, traccia alcolica leggera ma un vino che stupisce e ribalta tante convinzioni sul sangiovese e sul vino toscano in genere, Speriamo che non ci sia bisogno di tante altre dimostrazioni di potenza e classe così per il vino italiano… Nel 1930 la vendemmia è risultata essere con un clima eccezionale: si ricorda una pioggia bene distribuita in inverno e primavera ed un’estate con alte…

  • 2013,  Amarone della Valpolicella,  DOCG,  ROSSI,  Tedeschi,  VENETO

    2013 Amarone della Valpolicella Classico Riserva Capitel Monte Olmi, Tedeschi

    Monte Olmi è il nome dello storico vigneto di Pedemonte, a due passi dalla cantina. Argilla e calcare per un vigneto terrazzato di circa 2,5 ettari allevato a pergola. Da notare la presenza dell’oseleta e di atre varietà minori della Valpolicella, caso ormai sempre più raro (oseleta che contribuisce soprattutto in termini di struttura e in particolare di definizione tannica). Vinificazione classica con una vendemmia a fine settembre e successivo appassimento ad atmosfera controllata per circa 4 mesi prima di una lunga macerazione e un’altrettanto lunga maturazione in legno grande. Ne risulta un Amarone dal piglio moderno di grande ampiezza, capace di spaziare dal lampone alla liquirizia, dalla ciliegia al…