• 2017,  BIANCHI,  DOC,  Orvieto,  Palazzone,  UMBRIA

    2017 Orvieto Classico Superiore Terre Vineate, Palazzone

    Non credo di dover consultare testi di storia della vitivinicoltura per affermare che il territorio di Orvieto è tra quelli, in Italia, che vantano una tradizione tra le più antiche e illustri, sebbene oggi fatichi a riemergere dall’ombra in cui è ingiustamente finito. Parlo di un territorio, per chi non lo sapesse, che ha espresso per anni i migliori vini bianchi del Paese.La cantina Palazzone è autorevole rappresentante e prosecutrice di gran livello di quella tradizione. Il vino che qui propongo non è l’Orvieto di punta dell’azienda ed è concepito per arrivare nei calici senza un affinamento in cantina, dopo la vinificazione per venti giorni in acciaio inox, a temperatura…

  • 2018,  FRIULI VENEZIA GIULIA,  MACERATI,  Nikolas Juretic,  VINO

    2018 Nikolas, Nikolas Juretic

    Fotografo per passione, potatore per professione (o “preparatore d’uva”, lavorando per la prestigiosa azienda Simonith&Sirch) e vigneron nel futuro, ecco Nikolas Juretic. La piccola cantina è perfettamente mimetizzata in un’elegante villa a Cormons (GO), al cui interno sostano romantiche botti di cemento rosse e azzurre, legni di piccole e medie dimensioni ed un torchio manuale. Il numero esiguo di esemplari prodotti – meno di mille le 0,75 cl – non richiede ulteriori attrezzature per portare in bottiglia un “liquido odoroso” (cit.) che da tanto tempo non si vedeva in questo comune ed in questo areale. Due gli assaggi di questo Nikolas 2018 da uve friulano, ribolla e malvasia istriana, il…

  • 2019,  La Distesa,  MACERATI,  MARCHE,  VINO

    2019 Nur, La Distesa

    Sono quasi convinto che Corrado Dottori abbia vissuto più vite e un paio di secoli fa facesse già il vignaiolo, altrimenti non si spiega come mai il 22 marzo del 1832 Johann Wolfgang Goethe, poco prima di spirare chiedesse “Più luce!”. Forse all’epoca l’azienda non si chiamava ancora La Distesa e Corrado non aveva ancora deciso di battezzarlo Nur, l’equivalente arabo della parola luce, ma di certo lo aveva fatto assaggiare a quel poeta che era approdato a Cupramontana perdendosi per le campagne marchigiane durante uno dei Grand Tour per lo stivale. Un vino di luce questo blend ottenuto da diversi cloni di trebbiano e di malvasia, dall’immancabile verdicchio e…

  • 2019,  BIANCHI,  Enò-Trio,  IGT,  SICILIA,  Terre Siciliane

    2019 Iddu Carricante, Enò-Trio

    Suoli vulcanici ricchi di sabbie e pietre laviche, in un contesto incontaminato e ancora circondato da una natura selvaggia, lungo il versante Nord dell’Etna, nella zona tra Randazzo e Bronte, a un’altitudine di circa 650 metri sul livello del mare. È questo lo scenario in cui nasce Iddu Carricante, bianco etneo di Enò-Trio, giovane e talentuosa realtà famigliare (il Trio è composto da Nunzio Puglisi e dalle figlie, Stefany e Désirée) nata nel 2013 che conta oggi poco più di 2 ettari vitati di proprietà. Le vecchie vigne di carricante sono quelle che fanno la parte del leone nel fornire le uve che concorrono a comporre questo vino, con un…

  • 2016,  BIANCHI,  Collio Goriziano(Collio),  DOC,  FRIULI VENEZIA GIULIA,  Terre del Faet

    2016 Collio Malvasia, Terre del Faet

    Malvasia di Andrea Drius. Un ragazzo che ne sa e tanto. Persona perbene, giovane che riesce a fare vini colti. Un ragazzo che esprime e interpreta al meglio sia il vitigno che il territorio in cui vivono le sue vigne: il Collio. Questa Malvasia di Terre del Faet proviene dalla località Pradis, il versante più esposto, l’ultima propaggine del Collio, al di là della strada inizia la DOC Isonzo. Vigne vecchiotte, di circa 50 anni, che stanno dando il meglio. Già il colore ti ricorda un topazio lucente. Naso terziarizzato con la ponka (nome locale del terreno di marne e arenarie) e idrocarburi, ananas e papaia molto matura, alloro, camomilla e curcuma, il…

  • 2016,  BIANCHI,  Collio Goriziano(Collio),  DOC,  FRIULI-VENEZIA GIULIA,  Gradis’ciutta

    2016 Collio Riserva, Gradis’ciutta

    Prima annata 2009 per il Collio Riserva di casa Princic, bianco vinificato esclusivamente con i vitigni storici della zona (ribolla gialla, malvasia e friulano) e lasciato fermentare in botti di legno da 10 ettolitri. Dal sito: “quel «vino bianco del Collio» detto “Coglianer” per il mercato austriaco che a Trieste, come ci ricorda Francesco Babudri in un suo libretto del 1931, «una volta era di prammatica accompagnare alle trippe fumanti dopo la mezzanotte, quando ormai la imposizione del digiuno natalizio era scaduta»“. 2016 annata equilibrata e potente, con una primavera piovosa e un’estate calda ma ben mitigata da frequenti piogge. Ne è nato un bianco di sicura ampiezza su note…

  • 2017,  Carso(Kras),  DOC,  FRIULI VENEZIA GIULIA,  MACERATI,  Zidarich

    2017 Carso Malvasia Lehte, Zidarich

    Ecco là! Vai a trovare, dopo un pochino di tempo, un amico vignaiolo e scopri che produce un vino che tu non conosci, che non hai mai bevuto. Ma come è possibile che non ne abbia neanche mai sentito parlare? Non lo so, le cose strane della vita. Insomma sono andata a trovare Beniamino Zidarich e, dopo avermi fatto degustare più annate della sua amata Vitovska Kamen, mi dice “ti ho mai fatto assaggiare la Malvasia Lehte? E’ una vigna vecchia di 50 anni, il nome l’ha preso dal toponimo. Per molti anni queste stupende uve le univo alla Malvasia  classica, poi ci ho ripensato e ho fatto questa micro…

  • 2017,  FRIULI VENEZIA GIULIA,  IGT,  MACERATI,  Venezia Giulia,  Zidarich

    2017 Malvasia, Zidarich

    Con il colore dell’oro che segue sfumature ambrate, questa Malvasia si presenta da subito con un importante profilo aromatico di grande eleganza. Sentori di pesca gialla, susina, fichi e mela golden sono da subito evidenti e marcate, seguite da sensazioni di erbe aromatiche, salvia, timo e spezie dolci, pepe bianco e anice, seguito da sentori di tè verde, miele, orzo e grano. Al palato è ampio, secco e particolarmente piacevole grazie ad un tannino leggermente accennato. La beva è sempre molto scorrevole, anzi, è una caratteristica che ritrovo spesso nei vini di Zidarich e che mi portano spesso a volerlo a tavola. Nota assai interessante è poi la sapidità che…

  • La Lupinella,  ROSSI,  TOSCANA,  VINO

    Lupinello, La Lupinella

    La moda dei vini da litro in Toscana dall’ottimo rapporto qualità prezzo non accenna a diminuire e si inserisce nel filone anche questo Lupinello si aggiunge alla gamma dei vini di questa giovane azienda dell’empolese della famiglia Bitossi, famosi per le ceramiche. Nasce da uve bianche e rosse alla maniera chiantigiana e il sorso rievoca certe dinamiche di vino beverino da tutti i giorni da bere rigorosamente a 12 gradi per goderselo appieno. Del resto il tannino è lieve e delicato e si presta bene alla bisogna mentre nel naso e nel retrogusto prendono campo note di viola ciliegia ribes e tanta sapidità. Eclettico a tavola, da provare anche su…

  • 2019,  BIANCHI,  IGT,  Lumiluna,  UMBRIA,  Umbria

    2019 Diciannove, Lumiluna

    Bianco da vigne vecchie; se per vigna vecchia si intende una vigna di quarant’anni e per me che mi trovo nel bel mezzo dei quaranta questo aggettivo mi sta stretto. Questo Diciannove è la loro seconda vendemmia. Probabilmente il vino più centrato dei due Lumiluna. Asciutto e agrumato, dal profumo intenso e avvolgente come tutti i bianchi del centro Italia. Già dagli aromi si intuisce un certo muscolo, che all’assaggio si rivela per quello che è. Da uve di trebbiano toscano, malvasia, grechetto e un saldo di trebbiano spoletino. Il tipico bianco terragno umbro, potente e schietto, adatto a cotture pasticciate, intingoli casseruole e salmì. Tanto limone disidratato e una…