• 2005,  AOC,  CHAMPAGNE,  Françoise Bedel,  FRANCIA,  MÉTHODE CHAMPENOISE

    2005 L’Âme de la Terre, Françoise Bedel

    Lo dico da degustatrice seriale: non mi soffermo spesso a guardare il colore, lo faccio solo quando è sorprendente, e in questo caso lo è. Oro con una sfumatura miele che muove dentro una vibrazione, una trasparenza sicuramente da cogliere, perché suggerisce un’esplicita evoluzione, una ricchezza della materia. Difficile soffermarsi troppo a pensarci, l’olfatto incalza, è intenso, insinuante, dai tratti campestri, autunnali e polposo di pera, uva sultanina, crostata di mela, fior di cappero, the, tabacco e marron glacé, con intriganti toni ossidativi che caratterizzano e coinvolgono. E mentre all’attacco mostra subito tensione sapida e nerbo, la bocca mostra un’espressione più distesa, ampia, golosa, fruttata e salata, capace di un…

  • AOC,  CHAMPAGNE,  FRANCIA,  MÉTHODE CHAMPENOISE,  Veuve Clicquot-Ponsardin

    Champagne Multimillesimé Extra Brut Extra Old II, Veuve Clicquot

    La prima edizione dell’ Extra Brut Extra Old di Veuve Clicquot, come ho già avuto modo di scrivere diverse volte, mi ha conquistato per finezza, precisione e quella complessità mai ostentata ma a preludio di uno champagne che diventerà, nel tempo, importante. L’Extra Brut Extra Old 2, invece, fatto di un nuovo e sofisticato assemblaggio con due annate in più rispetto al precedente (1990, 1998, 1999, 2006, 2008, 2009, 2010 e 2012) mi ha appassionata nel suo approccio più ricco, generoso, espressivo. È subito invitante l’olfatto, dove scalpitano profumi di fleur d’oranger, verbena, fiori bianchi e craie, ma è ancor più coinvolgente nel suo sorso vellutato e allo stesso tempo…

  • AOC,  CHAMPAGNE,  FRANCIA,  Joseph Perrier,  MÉTHODE CHAMPENOISE

    s.a. Cuvée Royale Brut Nature, Joseph Perrier

    Un bel tentativo riuscito per una maison classica e storica, finora un poco ingessata, che si rilancia ogni anno con nuovi prodotti adatti ad un mercato sempre più competitivo. Questo brut nature, il primo nella storia centenaria della maison, esordisce ardito con naso bellissimo di agrumi, arancio, limone con tocco di albicocca e pesca nettarina, peonia e rosa gialla, un floreale che si staglia bene in sottofondo compreso di tiglio gelsomino e un tocco di menta. Al sorso è acceso e croccante, di bella cremosità con stile molto classico, rivitalizzato dal basso dosaggio e reso dinamico e pulsante quanto basta a far svuotare piacevolmente il bicchiere. Lascia una bella sensazione…

  • AOC,  CHAMPAGNE,  Charles Heidsieck,  FRANCIA,  MÉTHODE CHAMPENOISE

    s.a. Brut Réserve, Charles Heidsieck

    Se c’è uno champagne che, più di altri, merita di stare qualche anno in cantina dopo la sboccatura, questo è il Brut Reserve di Charles Heidsieck. Un vero e proprio piccolo capolavoro fatto con uve al 60% dell’annata base, un 40% di vin de réserve di 10 annate vecchie fino a più di 15 anni, che fa più di 3 anni sui lieviti e che è sorprendentemente dosato 10g/l. A dimostrazione del fatto che la quantità di zucchero aggiunto al momento del dosaggio è assolutamente relativa, quando si parla di champagne. 40% Pinot noir, 40% chardonnay, 20% meunier All’olfatto lime, agrumi in confit, the, pietra focaia e a sfumare note…

  • AOC,  CHAMPAGNE,  FRANCIA,  Jacquesson,  MÉTHODE CHAMPENOISE

    s.a. Cuvée 743, Jacquesson

    Ultima nata della serie 7xx, la Cuvée 743 di Jacquesson porta in grembo la 2015, annata ricca e generosa in Champagne ma dall’acidità maggiore rispetto alla 2002, alla quale era stata immediatamente paragonata. Uve di Ay, Dizy e Hautvillers (60%) Avize e Oiry (40%) e il 20% di vini di riserva. Dégorgement a Ottobre del 2019, nessun dosaggio, solforosa a 34 mg/l. Di bella espressività sin dall’inizio con note di pietra, grafite, agrumi, tratti ‘cerealicoli’, poi thè e spezie. All’assaggio è ampio, voluminoso, di grande profondità e succoso, salino, lunghissimo. Una bocca che mescola con maestria densità e slancio, sale e agrume, freschezza e maturità, con una carbonica finissima, ben…

  • AOC,  CHAMPAGNE,  FRANCIA,  Jacquesson,  MÉTHODE CHAMPENOISE

    s.a. Cuvée 740, Jacquesson

    La 7xx di Jacquesson è uno champagne prezioso al quale noi appassionati siamo, ormai da tempo, affezionati. Non un mero sans année ma una vera e propria filosofia. Nasce con la cuvée 728, sta a rappresentare il settecentoventottesimo assemblaggio dal centenario dalla maison (la decima più antica in assoluto) e porta, in percentuale maggioritaria, l’annata 2000. Da allora, un assemblaggio diverso ogni anno si riflette in un numero progressivo – è appena uscita sul mercato la 743 – in grado di regalarci uno champagne in continua crescita in termini di espressività, profondità, trasparenza. Non è uno champagne facile. È vinoso, sfaccettato, complesso, artificioso, con un’impostazione ben distante da quell’idea convenzionale…

  • 2012,  AOC,  CHAMPAGNE,  FRANCIA,  MÉTHODE CHAMPENOISE

    2012 Champagne Grand Vintage, Moët & Chandon

    Certi vini sono monumentali non certo per la loro presenza muscolare ma per il loro essere archetipo della loro tipologia. Quello che ti aspetti dall’interpretazione di un grande millesimo in questo vino lo trovi.  Naso dinamico ed equilibrato in tutte le sue componenti, accenno fiorito di gelsomino, pesca bianca, cedro candito, schiaffo salato di acqua marina. In bocca è come se il vino riprendesse la partitura dell’olfatto e la reinterpretasse con coerenza arricchendo la sessione ritmica: la frutta che si mescola al sale crea un sorso vibrante e ritmato che incita alla beva. Il bis è un rimando continuo alla sessione olfattiva, le pesche sono sciroppate e alleggerite dalla confortante…

  • AOC,  CHAMPAGNE,  Eric Taillet,  FRANCIA,  MÉTHODE CHAMPENOISE

    s.a. Champagne Le Bois de Binson, Eric Taillet

    A Baslieux-sur-Châtillon si trova Eric Taillet, simpaticissimo e sorridente vigneron che ho avuto il piacere di conoscere l’anno scorso in occasione di uno dei miei tanti viaggi in Champagne. Eric si trova in Vallée de la Marne, più precisamente a Vallée du Beval, e viene da una famiglia che, da ben 4 generazioni, si dedica al Meunier. “Il Meunier è un’uva nobile, molto territoriale, capace di dare vita a champagne gourmand in grande quadro di finezza e di freschezza.” – afferma Eric che aggiunge – “Vini che non devono avere alcun tipo di eccesso, ma un carattere slanciato, fresco”. Affinché si esprima in questo modo, Eric ricorre a una conduzione in vigna organica,…

  • AOC,  Bertrand-Delespierre,  CHAMPAGNE,  FRANCIA,  MÉTHODE CHAMPENOISE

    s.a. Champagne Extra Brut Premier Cru Enfant de la Montagne, Bertrand-Delespierre

    Nelle more della clausura, per allietare il clima casalingo, capita di ordinare il pranzo a un grande cuoco, nella fattispecie Angelo Torcigliani de Il Merlo di Camaiore, che risponde da par suo: paté in crosta, Brandacujun di baccalà San Giovanni, zuppa di ceci nduja e teste di merluzzo in cassetta, carciofi croccanti, fonduta di toma d’alpeggio e guanciale, bomba di riso e polpette di funghi, pizza di sfoglia con capperi, olive e acciughe. Vasto programma che necessita di un liquido molto versatile. Enfant de la Montagne ( de Reims, ndr) di Bertrand-Delespierre ci cape a fagiuolo (cape, napoletanismo): appena versato, uno sbuffo di torba, quasi da whisky torbato, mi riempie…

  • AOC,  CHAMPAGNE,  FRANCIA,  Krug,  MÉTHODE CHAMPENOISE

    168ème Édition Champagne Grande Cuvèe, Krug

    Da poco sul mercato la sempre tanto attesa reiterazione della Grande Cuvèe di Krug che suscita interesse immediato perchè come vino base ha la mitica annata 2012, garanzia di freschezza e tono serrato. Note fresche floreali tra gelsomino e tiglio, zagara, pompelmo rosa, fragole appena mature, timo e pitosforo, refoli erbacei tra sedano, finocchio e talco, erbe aromatiche, canfora poi frutto giallo susina matura, pesca, alchechengi e zenzero, mele golden, tocco di zafferano e miele di acacia, note gessose e biscottate appena accennate ma tratteggiate benissimo, sorso acido fresco e tagliente che occupa con la sua durezza tutti i primi istanti dell’assaggio lasciando spazio a ben poco altro all’inizio. Va…