• AOC,  CHAMPAGNE,  CHAMPAGNE,  FRANCIA,  MÉTHODE CHAMPENOISE,  Rochet-Bocart

    Champagne Blanc de Noirs Brut, Rochet-Bocart

    La maison Rochet-Bocart è relativamente giovane visto che nasce “solo” nel 1956 grazie a Jaques Rochet e Claudette Bocart, che poi cedono dal 1975 le redini al figlio Michel. Oggi il vino però è opera della nipote di Michel, ovvero Mathilde, una delle “favolose” Fa’Bulleuses sette brillanti produttrici di champagne. Le uve degli champagne della maison famigliare vengono dal villaggio Premier Cru di Vaudemange, in una parte della Montagne de Reims tutta esposta a est e consacrata allo chardonnay, qui vera mosca bianca rispetto al pinot nero. Il pinot nero di Verzy è invece protagonista di questa cuvée realizzata in acciaio e senza malolattica, millesimato non dichiarato e dosato a 3 gr/lt…

  • AOC,  CHAMPAGNE,  FRANCIA,  MÉTHODE CHAMPENOISE,  Tarlant

    Champagne BAM!, Tarlant

    Conosciamo ormai lo stile Tarlant: cuvée poco dosate, dritte nel rilievo acido sapido, dall’indiscutibile temperamento ed energia. La summa interpretativa della filosofia e del talento di questa famiglia, tuttavia, lo ritroviamo in questa esplosiva cuvée, dove mai nome fu più azzeccato: Bam! Acronimo di Pinot blanc 18%, Arbanne 18% e Petit meslier 64%,  (ma anche di “Benoit and Melaine”), una cuvée dalla tessitura dei profumi ancora sottile, dalle delicate suggestioni di nocciolina, pietra focaia, agrumi e fiori come il bergamotto che si intrecciano a preludio di un sorso che, a dir poco, è esplosivo. La bocca di una solarità, di un’espansione e una definizione da applausi, con una sfolgorante, e…

  • AOC,  CHAMPAGNE,  FRANCIA,  MÉTHODE CHAMPENOISE,  Potel - Prieux

    Champagne Brut Grande Reserve, Potel – Prieux

    Chi ha detto che la storia dello Champagne appartiene solo alle grandi maison? Potel Prieux, ad esempio, è una piccola realtà a gestione familiare attiva sin dal 1640 a Venteuil, ci troviamo sulla riva destra della Marna. Questo comune è incastonato tra Epernay, Hautvillers e Reims, vere e proprie icone della celebre AOC. Oggi al timone troviamo Francois Potel, degno rappresentante dell’eredità lasciata dai propri avi. Charles, il pioniere, fu contemporaneo di un certo abate talentuoso dal nome Dom Perignon, erano gli anni di re Luigi XIV. Francois gestisce 3 ettari in pieno rispetto della sostenibilità ambientale, i suoi vigneti hanno ottenuto la certificazione francese HVE (Haute Valeur Environnementale). Prodotti…

  • 2015,  AOC,  CHAMPAGNE,  FRANCIA,  MÉTHODE CHAMPENOISE,  Salima & Alain Cordeuil

    2015 Champagne Brut Nature Origines, Salima & Alain Cordeuil

    Quattro ettari in Côte des Bar, per questo Domaine guidato da Salima e Alain, moglie e marito che, nel corso degli anni, hanno cercato di incarnare nei loro Champagne tutta la potenza della loro terra, nel massimo rispetto dell’agricoltura biologica, dando il più possibile ai loro vini un’impronta naturale. Qui abbiamo uno dei loro tre champagne in produzione, Origines, un blend di chardonnay (65%) e pinot noir (35%), non dosato. Bolla fine, ordinata e persistente. Al naso parte deciso e molto avvolgente, spiccano note di pera, mela, noce, mandorla e un lieve ricordo speziato. Al palato ha una buona morbidezza e cremosità della bollicina che riempie e appaga. Gusti che…

  • AOC,  Bruno Paillard,  CHAMPAGNE,  FRANCIA,  MÉTHODE CHAMPENOISE

    Champagne Première Cuvée, Bruno Paillard

    Il vino più importante di Bruno Paillard, un multivintage che vede un assemblaggio dell’ultima vendemmia unita alle precedenti, quest’ultime conservate insieme come resérve perpetuelle. Possiede garbo ed eleganza, una dolcezza di contorno che rivela note di agrumi, fiori bianchi, foglia di limone, zagara e lievi sfumature di burro, nonché una sottile traccia minerale. Equilibrato e preciso, in bocca è avvolgente, slanciato, sottile e avvolgente allo stesso tempo. Con lo scorrere dei minuti si fa sempre più luminoso, raffinato, gustoso e pervaso da una sontuosa mineralità, lasciando emergere fino in fondo i suoi ricami pregiati, raffinati. Finale di lime e craie. 45% Pinot noir, 33% chardonnay, 22% meunier, 36 mesi sui…

  • AOC,  CHAMPAGNE,  Emmanuel Brochet,  FRANCIA,  MÉTHODE CHAMPENOISE

    Champagne Extra Brut Le Mont Benoit, Emmanuel Brochet

    Emmanuel Brochet è un piccolo produttore a Villers-aux-Nœuds poco fuori Reims, lungo la strada che conduce alla “montagna”, verso sud, per raggiungere Epernay. Pochi ettari su terreni piuttosto grassi dove questo produttore riesce a far emergere il suo talento attraverso quello del suolo che calpesta e coltiva. Le Mont Benoit è una cuvée classica di pinot nero, pinot meunier e chardonnay vinificata in legno. Il colore è giallo oro luminoso. I profumi sono presto disponibili con una certa autorevolezza e complessità complice la presenza dei sentori che le doghe cedono senza eccedere. Note di vaniglia, burro fuso, agrume candito, bergamotto e clementina, zenzero oltre ai sentori di timo, eucalipto e…

  • AOC,  CHAMPAGNE,  Chartone-Taillet,  FRANCIA,  MÉTHODE CHAMPENOISE

    Champagne Sainte Anne, Chartone-Taillet

    Indubbiamente uno dei più virtuosi vignerons della nuova generazione champenoise, Alexandre Chartogne è un ragazzone che ti accoglie con un sorriso entusiasta e gli occhi che si illuminano, ringraziandoti per esserti impegnato ad andare fin lassù (siamo a Merfy, estremo Nord della Champagne). Grandissimo studioso e profondo conoscitore delle più grandi denominazioni vinicole, ha lavorato anche a fianco di Anselme Selosse, Alexandre ha letteralmente rivoluzionato il domaine di famiglia arrivando a utilizzare due cavalli in vigna, a impiegare montoni e i polli per il diserbo, per il controllo degli insetti e per la concimazione naturale. La sua è una conduzione agronomica ‘personalizzata’, il che significa analizzare la conformazione dei diversi…

  • AOC,  CHAMPAGNE,  De Saint-Gall,  FRANCIA,  MÉTHODE CHAMPENOISE

    Champagne Blanc de Blancs Orpale, De Saint-Gall

    Un’annata tosta come la 2008, terroir vocati per le esigenze dello Chardonnay e il talento ormai riconosciuto dello Chef de Cave Cédric Jacopin, ci consegnano un Blanc de Blancs di impressionante espressività olfattiva, dalle intense note di croccante alla mandorla, agrume scuro, prugna disidratata, polvere di caffè, pietra, camino spento. Di magistrale avvolgenza sapido-minerale, in bocca l’assetto gustativo è pieno e intriso di agrume, polpa, sapore e colore, con la tempra acida tipica dell’annata ad allungare su una chiusura ampia, agrumata/salina. Spiazzante nella sua, inaspettata, bevibilità, reclama piatti di cacciagione e tavole importanti. De Saint Gall è il brand dell’Union Champagne, fondata nel 1966 dall’associazione di quattro cooperative – Oger,…

  • AOC,  CHAMPAGNE,  FRANCIA,  J. L. Vergnon,  MÉTHODE CHAMPENOISE

    Champagne Extra Brut Eloquence, J.L. Vergnon

    Jean Louis Vergnon è il nome del fondatore della Maison scomparso trent’anni orsono. Dalla morte di Jean Louis l’azienda, che si trova a Mesnil-Sur-Oger, villaggio Grand Cru della Côte de Blancs, è nelle mani della moglie e dei figli che conducono i lavori in vigna e in cantina in un’ottica di ecosostenibilità. I Vergnon coltivano esclusivamente chardonnay, alcune parcelle del quale sono ubicate in altri due villaggi Grand Cru: Oger e Avize. Proprio il qui descritto Champagne Eloquence è il frutto di una cuvée confezionata con i tre cru del vitigno che fermenta in acciaio e riposa sui lieviti per almeno tre anni. Il dégorgement risale a marzo 2019. Descrizione:…

  • AOC,  CHAMPAGNE,  Christiane Guillaumée,  FRANCIA,  MÉTHODE CHAMPENOISE

    Champagne Brut, Christiane Guillaumée

    La Côte des Bar, area vitivinicola a sud della Champagne, negli ultimi anni mi sta incuriosendo sempre più. Sempre più vignerons, vendemmia dopo vendemmia, hanno capito come sfruttare al meglio soprattutto l’uva pinot noir, allevata su pendii caratterizzati principalmente da suoli argillosi e calcarei. La matrice gessosa, presente nelle aree più a nord, qui è pressoché nulla, ma le kimmeridge di formazione giurassica, presenti nel terreno, donano carattere e una spiccata mineralità. Il brut di Christiane Guillaumée non fa eccezione: viticoltura sostenibile, tra le poche vigneronnes in quel di Les Riceys e in generale in Côte des Bar. Pinot noir 69%, chardonnay 16%, pinot meunier 15%. Vendemmia manuale, fermentazione alcolica…