• 2017,  AOC,  BOURGOGNE,  Domaine Lefort,  FRANCIA,  ROSSI

    2017 Bourgogne, Domaine Lefort

    Con una laurea in medicina conseguita all’Università di Digione e studi in filosofia a La Sorbonne, cosa puoi farci? Tante cose. Ma se ti chiami David Lefort, hai l’anima del vigneron e talento da vendere non puoi che finire a lavorare la vigna nella natia Côte Chalonnaise e fare vini sublimi. E non solo quelli di punta. E infatti dalle viti che hanno circa 40 anni di età situate in una piccola parcella sita a Mercurey (dove possiede vigne nei due prestigiosi Premier Cru Champs Martin e Clos l’Évêque), allevate seguendo i dettami dell’agricoltura biologica e alcune pratiche biodinamiche, David Lefort ricava le uve di pinot noir che utilizza per…

  • 2017,  Chianti Classico,  DOCG,  Monteraponi,  ROSSI,  TOSCANA

    2017 Chianti Classico, Monteraponi

    Di un colore rosso abbastanza scarico e cristallino, al naso si presenta con note floreali e vegetali fresche che definiscono fin da subito il carattere fresco di questo vino. Dalla viola alla rosa, incontrando poi il pepe nero e verde, con un finale che ricorda l’humus, spiccano poi, sentori di piccoli frutti rossi di lampone, mirtilli e ribes, che costruiscono il profilo olfattivo dolce di questo vino. Al palato è vivace e presenta un gusto verticale, saporito, con una beva elegantemente facilitata da tannini levigati e stretti. Un Chianti Classico estremamente vivo e piacevole, sono molto curiosa di assaggiarlo fra qualche tempo.

  • 2017,  AOC,  BIANCHI,  Domaine Robert Denogent,  FRANCIA,  MÂCON-VILLAGES

    2017 Mâcon Villages Les Sardines, Domaine Robert-Denogent

    Chardonnay al 100% con etichetta che riproduce un’opera di Denis Pesnot. Il nome del vino non ha niente a che vedere né con una vigna (è il frutto dell’assemblaggio di più vigneti) né con il mare: i produttori lo hanno chiamato così perché gli piaceva quel quadro. In effetti è bello.Siamo nel Maconnais del sud, zona piuttosto calda della Borgogna. Il Domaine segue pratiche artigianali sia in vigna che in cantina. Qualcuno le direbbe naturali, immagino. Per questo vino è anche previsto un lungo affinamento sulle fecce fini. Appena stappato fatica ad esprimersi, restando piuttosto sulle sue. Dirò pertanto che, riaperta la bottiglia il giorno dopo, il vino si è…

  • 2017,  IGT,  Inama,  ROSSI,  VENETO,  Veneto

    2017 Carmenere Più, Az. Agr. Inama

    Carmenere Più 2017, vino di ingresso di Inama sui Colli Berici a maggioranza carmenere con saldo variabile di merlot. Parte lievemente polveroso ma poi si sistema e fa uscire un bel frutto morbido e ben veicolato, seppur semplice, completato da un tratto leggero di cacao e ciliega e una lieve mentolatura. In bocca è abbastanza diretto, si sente il merlot che arrotonda e da un piccolo movimento vegetale, fatto per piacere, ma fate attenzione: questa qualità per 60.000 bottiglie, messe sul mercato al prezzo proposto, direi che è un risultato più che buono.

  • 2017,  Cantina Pegoraro,  Colli Berici,  DOC,  ROSSI,  VENETO

    2017 Colli Berici Tai Rosso, Cantina Pegoraro

    2017, il fiore è andato, ma il frutto ora è proprio bello: ciliegia matura e lampone su registri di maturità interessanti, pepe, rosmarino, ginepro; in bocca cambia la bevibilità e sale la tensione, tannini fusi ed alcol al suo posto, allunga anche di sapidità, per me la bottiglia più bella del lotto composto da 2019-2018-2017-2016-2015.

  • 2017,  Badia di Morrona,  DOC,  ROSSI,  Terre di Pisa,  TOSCANA

    2017 Terre di Pisa Sangiovese Vigna Alta, Badia di Morrona

    Colore concentrato e invitante, tutt’altro che statico. Amarena e ciliegia molto mature, note ricche e profonde che tradiscono il calore dell’annata in un contesto che invita all’assaggio. Spezie orientali e liquirizia, cioccolato fondente e un lontano fiato di tabacco per un Sangiovese di razza, caldo e trascinante, caratterizzato da una trama tannica setosa in un contesto di equilibrata potenza in cui il fiato alcolico è ben presente specie in chiusura, appena amarognola.

  • 2017,  Del Rèbene,  IGT,  ROSSI,  VENETO,  Veneto

    2017 Tai Rosso, Del Rèbene

    Quando trovo un vino in cui il legno copre tutto, appiattendolo  e banalizzandolo, lo definisco, in forma dialettale, “vin de marangon” (vino del falegname). Nei Colli Berici esiste l’uva del marangon che nulla ha a che vedere con sentori vanigliati e tannini maleducati. È il tai rosso, che in questa zona prende questa forma dialettale ricordando la leggenda del falegname di Nanto che lo portò rientrando dal servizio di leva Austriaco. Invece dicono sia parente della grenache, uva tra le più diffuse. Sia quel che sia c’è da dire che il vino Tai Rosso è il simbolo dei Colli Berici. Lo è anche da Del Rèvere. Questo 2017, con 12 giorni…

  • 2017,  Carso(Kras),  DOC,  FRIULI VENEZIA GIULIA,  MACERATI,  Zidarich

    2017 Carso Malvasia Lehte, Zidarich

    Ecco là! Vai a trovare, dopo un pochino di tempo, un amico vignaiolo e scopri che produce un vino che tu non conosci, che non hai mai bevuto. Ma come è possibile che non ne abbia neanche mai sentito parlare? Non lo so, le cose strane della vita. Insomma sono andata a trovare Beniamino Zidarich e, dopo avermi fatto degustare più annate della sua amata Vitovska Kamen, mi dice “ti ho mai fatto assaggiare la Malvasia Lehte? E’ una vigna vecchia di 50 anni, il nome l’ha preso dal toponimo. Per molti anni queste stupende uve le univo alla Malvasia  classica, poi ci ho ripensato e ho fatto questa micro…

  • 2017,  Castel Ruggero,  Chianti Classico,  DOCG,  ROSSI,  TOSCANA

    2017 Chianti Classico, Castel Ruggero

    La tenuta della famiglia D’Afflitto cresce anno dopo anno in riconoscibilità e stile con una personalità decisa e importante che non lesina su eleganza e finezza anche in annata tosta e calda come la 2017. Siamo poco sopra a Firenze, in località Antella e il vicino lago omonimo fornisce un tampone utile per gestire calore e maturazione. L’uso di cemento e legno, senza acciaio in nessun fase, lo rende vibrante scuro e ribaldo di profumi floreali, di viole e lavanda con frutta di sottobosco e ciliegia ben matura. Sorso cadenzato e ritmato di energia potenza e nitore di tannino che lascia emergere tracce di balsamico, tra anice finocchietto e pepe…

  • 2017,  BIANCHI,  Cantina Sannas,  SARDEGNA,  VINO

    2017 Maria Abbranca, Cantina Sannas

    Bella la bottiglia (da 0,5 litri), bella l’etichetta, bello il liquido che contiene. Granazza (da non pronunciare vernaccia) lungamente macerata per dare vita a un vino che sa di miele di cardo, di timo, di nocciola, di caramello e di arancia amara. La bucciosità buona non nasconde il vitigno di origine e aiuta a modulare in ampiezza un sorso caldo. L’impatto con il palato è deciso, condotto dall’alcol, tutt’altro che concessivo. In bocca si acquieta, con misurata freschezza, grazie sopratutto a una mineralità pietrosa che bilancia e prolunga il gusto. Mi è sembrato che perdesse un po’ di coesione scaldandosi nel calice: molto meglio berlo intorno ai dodici gradi, qualunque…