• 2008,  AOC,  Benoit Munier,  CHAMPAGNE,  FRANCIA,  MÉTHODE CHAMPENOISE

    2008 Millésime Blanc de Blancs, Benoit Munier

    Nel cuore della Côte de Blancs, a Cuis, si trova Benoit Munier, un piccolo vigneron che ho scoperto solo recentemente, grazie a un caro amico. Un ettaro e mezzo di terreno suddiviso in trenta microparcelle distribuite nei comuni di Cramant, Chouilly, Oger e Avize, dove regna, incontrastato, lo chardonnay. Quelli di Benoit sono champagne ricchi, generosi ed energici, a tratti graffianti, mai in debito di espressività e che mi hanno conquistato sin dal primo assaggio. La sua produzione è limitata a 7000 bottiglie all’anno. Annata 2008, 100% Chardonnay, 8 anni e 1/2 sui lieviti, Dos. 6 g/l Chardonnay champenoise allo stato puro: bergamotto, gelsomino, agrumi gialli, zenzero, suggestioni di di…

  • AOC,  CHAMPAGNE,  Charles Heidsieck,  FRANCIA,  MÉTHODE CHAMPENOISE

    s.a. Brut Réserve, Charles Heidsieck

    Se c’è uno champagne che, più di altri, merita di stare qualche anno in cantina dopo la sboccatura, questo è il Brut Reserve di Charles Heidsieck. Un vero e proprio piccolo capolavoro fatto con uve al 60% dell’annata base, un 40% di vin de réserve di 10 annate vecchie fino a più di 15 anni, che fa più di 3 anni sui lieviti e che è sorprendentemente dosato 10g/l. A dimostrazione del fatto che la quantità di zucchero aggiunto al momento del dosaggio è assolutamente relativa, quando si parla di champagne. 40% Pinot noir, 40% chardonnay, 20% meunier All’olfatto lime, agrumi in confit, the, pietra focaia e a sfumare note…

  • 2014,  AOC,  Benoît Lahaye,  CHAMPAGNE,  FRANCIA,  MÉTHODE CHAMPENOISE

    2014 Millésime, Benoît Lahaye

    Annata difficile la 2014 per il pinot noir in Champagne, ma evidentemente non per chi con questo vitigno così difficile sa dialogare. Benoit Lahaye, anche stavolta è riuscito a portare in bottiglia un prodigioso millesimato da uve 80% pinot nero che stupisce per sapore, profondità, classe ed equilibrio. 80% pinot noir, 20% chardonnay, parcella Le Mont de Tauxiéres (Bouzy), 5 anni sui lieviti, Dos. 3g/l, Deg. 02/2020 Al calice è oro dai riflessi rosa e conquista nei suoi profumi di peonia, rosa, ribes, sottobosco, muschio, pietra bagnata e nella sua traccia finale di erbe provenzali e note fumé. È sfaccettato, fitto e intenso, una nuvola olfattiva che avvolge e inebria.…

  • AOC,  CHAMPAGNE,  FRANCIA,  MÉTHODE CHAMPENOISE,  Tarlant

    s.a. Cuvée Luis Brut Nature, Tarlant

    I Tarlant sono vignerons presenti nella Vallée de la Marne sin dal 1687 e, anche per questo, possiedono vigne molto vecchie. 14 ettari di proprietà, suddivisi in 57 parcelle che Benoît e la sorella Melanie, ultima generazione della famiglia Tarlant, conducono in un modo tutto loro, impiegando tisane e composti organici. La loro ossessione è l’esaltazione della micro-territorialità, assillo che dà origine a champagne trasparenti, puri e di grandissima personalità, come quelli assaggiati il mese scorso in cantina da loro grazie all’amico Daniel Romano. Racconto il più impegnativo, uno champagne di rarissima unicità, dallo stile tradizionale ma dal grande fascino territoriale e che a me ha colpito particolarmente. Parlo della…

  • AOC,  CHAMPAGNE,  FRANCIA,  MÉTHODE CHAMPENOISE,  Rochet-Bocart

    s.a. Blanc de Blancs Brut, Rochet-Bocart

    Giovane, talentuosa, grintosa e determinata, Mathilde fa parte di quella generazione di giovani vignerons che hanno già le idee molto chiare e, soprattutto, una perfetta padronanza dell’art champenoise. Viene da una famiglia storica di produttori di Vaudemange, uno dei quattro Premier Cru della cosiddetta ‘Perle Blanche’, quella parte della Montagne de Reims esposta a est che vede lo chardonnay protagonista in terra di pinot noir. Dopo averci conquistato con il suo primo champagne nel 2018, un Blanc de Noirs da uve di Verzy dove Mathilde possiede un ettaro, ora lo fa con il suo primo Blanc de Blancs. 500 bottiglie (in Italia) di puro chardonnay da una vigna di ben 62 anni di…

  • AOC,  CHAMPAGNE,  FRANCIA,  Jacquesson,  MÉTHODE CHAMPENOISE

    s.a. Cuvée 743, Jacquesson

    Ultima nata della serie 7xx, la Cuvée 743 di Jacquesson porta in grembo la 2015, annata ricca e generosa in Champagne ma dall’acidità maggiore rispetto alla 2002, alla quale era stata immediatamente paragonata. Uve di Ay, Dizy e Hautvillers (60%) Avize e Oiry (40%) e il 20% di vini di riserva. Dégorgement a Ottobre del 2019, nessun dosaggio, solforosa a 34 mg/l. Di bella espressività sin dall’inizio con note di pietra, grafite, agrumi, tratti ‘cerealicoli’, poi thè e spezie. All’assaggio è ampio, voluminoso, di grande profondità e succoso, salino, lunghissimo. Una bocca che mescola con maestria densità e slancio, sale e agrume, freschezza e maturità, con una carbonica finissima, ben…

  • AOC,  CHAMPAGNE,  FRANCIA,  Jacquesson,  MÉTHODE CHAMPENOISE

    s.a. Cuvée 740, Jacquesson

    La 7xx di Jacquesson è uno champagne prezioso al quale noi appassionati siamo, ormai da tempo, affezionati. Non un mero sans année ma una vera e propria filosofia. Nasce con la cuvée 728, sta a rappresentare il settecentoventottesimo assemblaggio dal centenario dalla maison (la decima più antica in assoluto) e porta, in percentuale maggioritaria, l’annata 2000. Da allora, un assemblaggio diverso ogni anno si riflette in un numero progressivo – è appena uscita sul mercato la 743 – in grado di regalarci uno champagne in continua crescita in termini di espressività, profondità, trasparenza. Non è uno champagne facile. È vinoso, sfaccettato, complesso, artificioso, con un’impostazione ben distante da quell’idea convenzionale…

  • 2015,  AOC,  Benoît Lahaye,  CHAMPAGNE,  FRANCIA,  MÉTHODE CHAMPENOISE

    2015 Champagne Le Jardin de la Grosse Pierre, Benoît Lahaye

    La grazia e il coraggio interpretativo di Benoît Lahaye e l’opulenza di Bouzy trovano in questa cuvée un pregevole punto d’incontro. Profumi che miscelano il ribes alla terra, le spezie alla pietra, gli agrumi alla violetta a sfumare, con l’evoluzione, su suadenti note di biscotto e tabacco. Raffinato, invitante, anticipa un sorso sottile e flessuoso ma altresì perentorio, risoluto, ampio, freschissimo, piacevolmente salino. Le sensazioni agrumate e fruttate ritornano al centro bocca e accendono il palato, insieme a una carbonica sottile, precisa e con un finale che lascia vibrare le sensazioni sapido e minerali della sua terra. Millesimo 2015, vigneti di Bouzy: 75% pinot noir, meunier e chardonnay e 15%…

  • 2016,  Barone Pizzini,  DOCG,  Franciacorta,  LOMBARDIA,  METODO CLASSICO,  PRODUTTORI

    2016 Satèn Franciacorta, Barone Pizzini

    Raffinatissimo Satèn che lascia emergere tutta la luminosità dello chardonnay e che conferma ancora una volta il talento e la grandezza dei Franciacorta di Barone Pizzini. Limone, fiori bianchi, agrumi, nocciola e leggere note idrocarburiche ad anticipare un sorso che si muove sinuoso, leggiadro, salino, dall’acidità progressiva e rinfrescante. È sciolto nell’allungo, tonico e sinuoso ma anche soffice, avvolgente, dalla carbonica finissima e carezzevole. Ricordavo i Satèn come vini più carichi nei toni, più solari, a tratti esotici. Questo sorprende per finezza e leggiadria, una splendida gestione della materia che permette allo chardonnay franciacortino di elevarsi in tutta la sua purezza, solarità e trasparenza pur mantenendo la matrice minerale morenica.…

  • AOC,  CHAMPAGNE,  Eric Taillet,  FRANCIA,  MÉTHODE CHAMPENOISE

    s.a. Champagne Le Bois de Binson, Eric Taillet

    A Baslieux-sur-Châtillon si trova Eric Taillet, simpaticissimo e sorridente vigneron che ho avuto il piacere di conoscere l’anno scorso in occasione di uno dei miei tanti viaggi in Champagne. Eric si trova in Vallée de la Marne, più precisamente a Vallée du Beval, e viene da una famiglia che, da ben 4 generazioni, si dedica al Meunier. “Il Meunier è un’uva nobile, molto territoriale, capace di dare vita a champagne gourmand in grande quadro di finezza e di freschezza.” – afferma Eric che aggiunge – “Vini che non devono avere alcun tipo di eccesso, ma un carattere slanciato, fresco”. Affinché si esprima in questo modo, Eric ricorre a una conduzione in vigna organica,…