• 2017,  BIANCHI,  Colli Orientali del Friuli,  DOC,  FRIULI VENEZIA GIULIA,  Miani

    2017 SAUVIGNON, MIANI

    “TU cos’hai portato?”. “Un Sauvignon di Miani”. “Seee, ma quel Miani? Ma Miani quello di Buttrio? Miani cioè Enzo Pontoni?” Più o meno questa la reazione dei commensali quando mi sono presentato al pranzo con una bottiglia del suo Sauvignon annata 2017. Perchè Enzo Pontoni è come gli unicorni, esseri leggendari di cui ogni tanto si sente parlare ma che nessuno ha mai incontrato. E lo stesso vale per le sue bottiglie che durano sugli scaffali delle pochissime enoteche che riescono ad averli il tempo di un battito di ciglia prima che qualche consumatore avveduto ne faccia man bassa. Stappata tra grande curiosità generale non ha per niente tradito le…

  • 2020,  BIANCHI,  La Scolca,  PIEMONTE,  PIEMONTE,  VINO D'ANNATA

    2020 Solui, La Scolca

    Può sembrare un piccolo ossimoro unire le uve piemontesi ad una maggioranza di sauvignon nel cuore del Gavi DOCG ma se lo fa La Scolca assume un significato di modernità particolare. Il Solui è un vino che grida energia e piacevolezza da ogni poro, ricco pulito e luminoso, aromi di bosso e sambuco, agrumi e mandarino tardivo, susina matura, mela cotogna, ribes bianco e una salinità che emerge anche al naso. Il sorso è sapido distinto succoso netto in grande spolvero, netto, tambureggiante di freschezza e piacere, ruffiano ma sempre nei limiti rigorosi del Piemonte, che si rivela nel finale tagliente, amarognolo di mandorle, pepe bianco e zenzero. Prospettive intriganti…

  • 2015,  AOC,  BIANCHI,  Domaine Alexandre Bain,  FRANCIA,  LOIRE,  POUILLY-FUMÉ

    2015 Pouilly Fumé Pierre Précieuse, Domaine Alexandre Bain

    Colore arancio che tende all’ambra, un naso delicatamente vivo, con richiami di pesca, frutta gialla e albicocca matura. Lieve richiamo all’agrume con qualche accenno al vegetale e ai fiori di sambuco e di campo. Al palato è gentile e morbido, evoca il miele d’acacia, lo zucchero di canna. Fluidità eccellente, con acidità solo accennata ma che ne aiuta il profilo dissetante e la freschezza. Più nette le note di frutta ed erbacee che si ripropongono al naso dopo che passa del tempo nel calice. Questo vino ha presentato in modo eclatante la sua capacità evolutiva del tempo; con una punta di acidità in più forse (e dico solo forse) la…

  • 2006,  Alto Adige,  BIANCHI,  DOC,  St. Michael Eppan,  TRENTINO-ALTO ADIGE

    2006 Sauvignon Sanct Valentin The Wine Collection, St. Michael Eppan

    La Cantina di St. Michael Eppan, fondata nel 1907, costituisce un punto di riferimento per l’enologia altoatesina, con i suoi 340 soci conferitori, per un totale di oltre 380 ettari di terreni vitati.Una delle date più significative di questa realtà è, senza dubbio, il 1978, anno in cui a un giovane enologo, Hans Terzer, furono affidate le redini della produzione tout court.Terzer aveva compreso, fin da subito, come fosse necessario indirizzare la cantina verso una produzione di alta qualità, al (suo) motto di “la qualità non conosce compromessi”.Il frutto più emblematico di questa visione fu la creazione della linea Sanct Valentin che, a partire dalla fine anni ’80 e fino…

  • 2005,  AOC,  BIANCHI,  de Ladoucette,  FRANCIA,  LOIRE,  POUILLY-FUMÉ

    2005 Pouilly Fumé Baron de L, Ladoucette

    Un vino che di certo scalda il cuore dei più nostalgici: di questo si parla quando si tira in ballo il Baron de L, vertice produttivo della Maison de Ladoucette.Importato in Italia da Sagna praticamente da sempre, questo vino ha fatto compagnia ai primi curiosi bevitori di bianchi francesi, essendo stato tra i primi ad essere commercializzato in Italia.La cantina appartiene alla famiglia dei Comtes Lafond che acquistò nel 1787, a Pouilly sul Loire, i terreni precedentemente posseduti dalla figlia illegittima di Re Luigi XV.Il vino, prodotto esclusivamente nelle grandi annate, è un’assemblaggio dei migliori sauvignon della tenuta, provenienti dalle viti più vecchie, sulla rive droite della Loira.Le uve, pressate…

  • 2017,  AOC,  BIANCHI,  Domaine Fouassier,  FRANCIA,  LOIRE,  SANCERRE

    2017 Sancerre Les Grands Champs, Domaine Fouassier

    Anteprima in una nuova scheda Questo vino mi ha portato in Francia, nella Valle della Loira, dove mi piacerebbe andare realmente, non solo per assaggiare i vini che lì si producono e che conosco poco, ma anche per ricompensarmi della monotonia del paesaggio che accompagnò la mia prima visita in Champagne. La Valle della Loira la immagino più viva, più ricca di storia, di bella architettura e di verde che non sia solo vigneti, più variegata nel paesaggio per il suo estendersi dal centro della Francia fino all’Oceano. Soprattutto la percepisco molto varia nelle proposte vitivinicole: nota per i suoi grandi vini bianchi, sono certa che anche i rossi riflettano…

  • 2018,  BIANCHI,  DOCG,  FRIULI VENEZIA GIULIA,  Livio Felluga,  Rosazzo

    2018 Rosazzo Terre Alte, Livio Felluga

    Scindere la viticoltura di qualità friulana dalla figura di Livio Felluga è un esercizio piuttosto complicato.Felluga è stato un pioniere che 70 anni orsono prese in mano le redini dell’azienda di famiglia, azienda che produceva già da cinque generazioni Refosco e Malvasia a Isola d’Istria, trasferendola in Friuli.Il primo passo è stato la fondazione della cantina a Brazzano e l’acquisto dei primi appezzamenti in una località da lui indicata come particolarmente vocata alla viticoltura: Rosazzo.Ed è proprio a Rosazzo che finalmente è stata riconosciuta nel 2011 la DOCG per vini bianchi contenenti almeno il 50% di friulano e il saldo di sauvignon, pinot bianco e/o chardonnay.Inutile dire quanto questo riconoscimento…

  • 2018,  BIANCHI,  FRIULI VENEZIA GIULIA,  IGT,  Jermann,  Venezia Giulia

    2018 Vintage Tunina, Jermann

    Su Silvio Jermann si è scritto e detto molto, e a buona ragione poiché stiamo parlando di uno dei produttori italiani bianchisti più conosciuti al mondo.Il successo arriva piuttosto in fretta, passano appena 4 anni tra la data di nascita del Vintage Tunina (1975) e il 1979, anno in cui per la prima volta Veronelli punta l’attenzione su questo vino, definendolo “il Mennea dei vini italiani”. Premiato dalla critica nazionale e internazionale, con una impressionante costanza nell’arco degli anni, il Vintage Tunina si conferma una delle espressioni più celebrate di vino bianco italiano.Il vigneto Tunina prende il nome dalla più povera tra le amanti di Casanova, la Veneziana Antonia. Si…

  • 2017,  BIANCHI,  Colli Orientali del Friuli,  DOC,  FRIULI VENEZIA GIULIA,  Meroi

    2017 Friuli Colli Orientali, Sauvignon Zitelle Barchetta, Meroi

    Zitelle è una vigna a Buttrio nota agli appassionati per un paio di Sauvignon di Miani e caratterizzata da una significativa presenza di gesso. Barchetta (dal nome del precedente proprietario) è una parcella al suo interno con un poco meno gesso e la consueta marna eocenica. Ecco, il graspo del grappolo di pomodori: questo ricorda alla prima snasata. Assieme al grasso di prosciutto, la cenere di un caminetto appena spento con una secchiata d’acqua, le foglie di salvia fritte in una pastella di acqua e farina. E quando lo bevi è sapido, quasi salato, sapido e grasso come masticare un chicco di grano maturo, e poi ancora caldo e glicerico…

  • 2019,  BIANCHI,  IGT,  Tenuta Montauto,  TOSCANA,  Toscana

    2019 Enos I, Tenuta di Montauto

    La vocazione bianca di questa zona della Maremma è antica ma troppo recentemente riscoperta. Riccardo Lepri ha coltivato e curato queste vecchie vigne di sauvignon con cura. Ogni annata merita un assaggio attento, la 2019 si rivela tra le migliori, anche se giovanissima e ancora in definizione. Ma già il naso è iridiscente e splendido di ribes bianco, bergamotto gesso anice ed erbe aromatiche, tiglio, gelsomino e rafano, cenni di pirite e menta. Il sorso ha acidità malica e forza di estrazione e frutto da dispiegarsi nel tempo con calma, l’estratto e la maturità sono perfette per sballarsi tra qualche anno.