• Alex Della Vecchia,  BIANCHI,  RIFERMENTATI,  VENETO,  VINO

    Ombretta Agricola, Alex Della Vecchia

    Questo vino di Alex Della Vecchia l’ho bevuto la prima volta per caso, con lui, che  ancora non conoscevo. Ci siamo incontrati per caso andando a “ombre” tra le colline trevigiane. L’ “ombra” in Veneto è il bicchiere di vino, il gotto, ma in realtà è molto di più, porta con se un rito e un’idea contadina del vino. L’ombretta agricola è così, è un vino contadino, semplice, piacevole, fin troppo forse, perché la chiamata al secondo calice è veloce velocissima.Vino prodotto con verduzzo trevigiano senza aggiunta di solfiti, nessuna filtrazione o stabilizzazione e rifermentato naturalmente. Godereccio senza se e senza ma. Al naso sentori di agrumi, floreale un po’…

  • 2019,  METODO MARTINOTTI,  TOSCANA,  VENETO,  VINO,  Winecircus

    2019 Soleone, Winecircus

    Dalla Winecircus di Roberto Cipresso un progetto che prende al balzo alcune istanze di sostenibilità, coraggio e lotta allo spreco partendo dallo scarto delle uve di sangiovese a Montalcino. I diradamenti agostani lasciano sul campo tanta uva di buona qualità con acidità interessante e grazie al climate change anche in buono stato di maturazione e qualche traccia di aromi. Questa bollicina da sangiovese, spumantizzata con metodo Martinotti, è un vino semplice, soffuso e diretto con note di lampone, fragola e guava piccante, è saporito e piuttosto fine. Si beve con leggerezza, quella che ci vuole adesso.

  • 2019,  Il Signor Kurtz,  ROSATI,  UMBRIA,  VINO

    2019 Milton, Il Signor Kurtz

    È forte e chiaro il sentore di vendemmia avanzata di questo rosato da sangiovese, vinificato senza contatto con le bucce: all’assaggio esordisce, infatti, con inattesa morbidezza, ma cambia subito passo per raccordarsi a sensazioni erbacee, salmastre e vagamente amaricanti. Già l’olfatto aveva registrato sensazioni stereofoniche di fragola croccante, ribes rosso, fieno, erba bagnata, polvere di roccia, rosmarino…Milton è come il personaggio di Beppe Fenoglio a cui si ispira, eroe di una resistenza privata affrontata dentro il grande evento storico della Resistenza, mosso dalla sua tensione amorosa più che dalla paura di morire per mano del nemico. Milton, il vino rosato, va anche lui dritto per la sua strada e non…

  • 2019,  ROSSI,  TOSCANA,  Val di Buri,  VINO

    2019 Eco della Valle, Val di Buri

    L’ormai ex avventura (perché fanno decisamente sul serio) di Giacomo e Marina, comincia a fornire continuità di risultati con vini sorprendenti, di stile “naturale” con pochi orpelli e tanta soddisfazione. Questo rosso è vero porpora e cupo ma, grazie allo storico blend di sangiovese trebbiano malvasia e ciliegiolo, si porta dietro qualcosa di lieve e soave. Note di visciola, viola, senape e pepe nero in grani, susine mature, confettura di more, un tocco di caramella charms poi sorso dal tannino incalzante e sottile; vinoso in corrispondenza bella naso e bocca, allunga e stuzzica, da merenda e da pasto.

  • La Lupinella,  ROSSI,  TOSCANA,  VINO

    Lupinello, La Lupinella

    La moda dei vini da litro in Toscana dall’ottimo rapporto qualità prezzo non accenna a diminuire e si inserisce nel filone anche questo Lupinello si aggiunge alla gamma dei vini di questa giovane azienda dell’empolese della famiglia Bitossi, famosi per le ceramiche. Nasce da uve bianche e rosse alla maniera chiantigiana e il sorso rievoca certe dinamiche di vino beverino da tutti i giorni da bere rigorosamente a 12 gradi per goderselo appieno. Del resto il tannino è lieve e delicato e si presta bene alla bisogna mentre nel naso e nel retrogusto prendono campo note di viola ciliegia ribes e tanta sapidità. Eclettico a tavola, da provare anche su…

  • Pojer e Sandri,  RIFERMENTATI,  TRENTINO-ALTO ADIGE,  VINO

    2018 Zero Infinito, Pojer e Sandri

    Qui dentro c’è molto di quasi tutto: c’è la ricerca e l’invenzione, c’è la tradizione e l’innovazione (che vanno spesso assieme, se notate, ultimamente). C’è l’impatto zero, c’è la conduzione bio della vigna quindi quella certa idea di naturalità che tanto piace – e poi c’è il vitigno piwi, cioè un tipo di vitigno oggetto di ricerca per ottenere uve che non necessitano di trattamenti chimici. Insomma la scienza che lavora per evitare il ricorso alla scienza. Che se ci pensate, è bizzarro. Ma questa cantina sembra distante mille miglia da qualsiasi idea di normalità incasellabile, Mario Pojer è una specie di contadino creativo, vulcanico e in perenne ebollizione di…

  • 2019,  BIANCHI,  Tenute Dornach,  TRENTINO-ALTO ADIGE,  VINO

    2018 3, Patrick Uccelli

    Fino a pochi mesi fa ero piuttosto scettico sui piwi, i vitigni resistenti alle malattie fungine. Ora che ne ho assaggiato un certo numero comincio a riconoscerne i pregi, e parlo in termini qualitativi. Non saranno dei mostri di eleganza (per quanto) però nelle giuste mani hanno cose da dire. Mani giuste sono quelle di Patrick Uccelli, come ho potuto sperimentare di persona a casa sua. Trascorsi una decina di giorni da quella visita, questa volta a casa mia, ho stappato il suo vino da piwi che più mi aveva colpito. Il numero 3 è un bianco della vendemmia 2018, un blend di due uve (il solaris e il cabernet…

  • BIANCHI,  Biondo Jeo,  RIFERMENTATI,  VENETO,  VINO

    s.a. Biondo del Biondo, Biondo Jeo

    Inseguo “Il Biondo” da anni, non parlo di Trump ma di un piccolo produttore di vino tra i colli di Asolo. È un’azienda piccola che non sono mai riuscito ad agganciare. I vini li ho trovati altalenanti, tra risultati sorprendenti e altri poco convincenti. Questa bottiglia riporta il lotto di produzione BdB/V018, è un rifermentato in bottiglia di cui ho poche notizie. I vigneti del “Biondo” sono tra le zone più belle dell’areale di Monfumo, località Castelli, che a mio avviso è un luogo di grande elezione sebbene ancora pressoché sconosciuto. Questo rifermentato a base glera, dovrebbe avere anche una buona dose di bianchetta trevigiana. Tappo a corona, il colore…

  • 2019,  BIANCHI,  Mahnic,  SLOVENIA,  VINO VARIETALE

    2019 Malvazija Vige Kmetija, Mahnič

    Hai una giornata storta? Ti girano per un qualunque motivo? Ho io una soluzione. Siediti all’ombra di un bel albero, in mezzo a un giardino e apriti una signora bottiglia di vino. Meglio una Malvasia. Il top? Una malvazija dell’Istria Slovena. Quella di Ingrid Mahnič oggi assolve egregiamente allo scopo. Ha quel bel giallo paglierino con riflessi verdognoli che mi ricorda una pietra preziosa che vorrei avere al collo in forma di collana. Lo annuso e mi porta in prati fioriti con alberi di pesche bianche pronte ad essere raccolte, vicino al mare pulito con il sale caldo sulla battigia. Continua con del miele di robinia e delle rose antiche…

  • 2019,  BIANCHI,  Il Signor Kurtz,  UMBRIA,  VINO

    2019 Nista, Signor Kurtz

    Del Signor Kurtz se ne è già parlato qui su Intralcio, perciò non voglio perdermi in chiacchiere ripetendo quanto sia figo Kurtz aka Marco Durante, né far perdere tempo al lettore che si trova in mano questa bottiglia dal nome strano.Nista in serbo-croato significa niente mentre dentro il calice questo vino esprime tutto.Trebbiano spoletino e un saldo di grechetto e malvasia, breve macerazione sulle bucce. Un vino fortemente territoriale, profondamente legato alla tradizione contadina di questa terra di mezzo, storicamente contesa da tutti e per questo così bisognosa di marcare il proprio carattere.Il Nista è un vino emozionale. Non si può dire che sia un vino tecnicamente perfetto nella esecuzione,…