• 2019,  BIANCHI,  Enò-Trio,  IGT,  SICILIA,  Terre Siciliane

    2019 Iddu Carricante, Enò-Trio

    Suoli vulcanici ricchi di sabbie e pietre laviche, in un contesto incontaminato e ancora circondato da una natura selvaggia, lungo il versante Nord dell’Etna, nella zona tra Randazzo e Bronte, a un’altitudine di circa 650 metri sul livello del mare. È questo lo scenario in cui nasce Iddu Carricante, bianco etneo di Enò-Trio, giovane e talentuosa realtà famigliare (il Trio è composto da Nunzio Puglisi e dalle figlie, Stefany e Désirée) nata nel 2013 che conta oggi poco più di 2 ettari vitati di proprietà. Le vecchie vigne di carricante sono quelle che fanno la parte del leone nel fornire le uve che concorrono a comporre questo vino, con un…

  • 2018,  BIANCHI,  DOC,  Emilio Sciacca,  SICILIA,  Sicilia

    2018 Etna Bianco Biancopiglio, Emilio Sciacca

    Nemmeno cinque anni di vita e una prima vendemmia, la 2018, che lascia intravedere un potenziale enorme. Quella di Emilio Sciacca è una realtà vitivinicola giovanissima che promette di regalare agli amanti dei vini dell’Etna autentiche chicche ricche di espressività e territorialità. Tutto gira attorno all’antico palmento “La Martinella”, recuperato e restaurato e ai due ettari circa di terreno terrazzato che lo circondano, a 600 m. s.l.m, sul versante nord-est dell’Etna, nell’omonima contrada Martinella nel territorio del comune di Linguaglossa. Da vecchie vigne ad alberello (alcune convertite a spalliera) con oltre 70 anni d’età Emilio ricava le uve di carricante, catarratto, grecanico dorato e altri vitigni autoctoni utilizzate per realizzare…

  • 2019,  BIANCHI,  Duca di Salaparuta,  IGT,  SICILIA,  Terre Siciliane

    2019 Vermentino Sentiero del Vento, Duca di Salaparuta

    Dalla Tenuta di proprietà Duca a Suor Marchesa (Riesi) nasce questo vermentino su terreni calcarei silicei a riprova del grande successo commerciale di questo vitigno ormai quasi globale. Ha colore verdolino con tocchi più scuri e complessi, ananas, papaya e timo, pompelmo e freschezza di erbe aromatiche, anice. Ha succulenza bella al palato con finale con tracce di calore e arancio maturo. Chiude sapido e salino, con una impronta siciliana che si fonde bene con il carattere del vitigno, sempre a suo agio vicino al mare.

  • 2018,  BIANCHI,  Cantine Pellegrino,  DOC,  Pantelleria,  SICILIA

    2018 Isesi, Cantine Pellegrino

    Cosa ti piace di Pantelleria? Le ragioni sono quelle che per le quali non sceglieresti altre isole: il mare difficile da vivere, poco pesce, meteo instabile, sciroccate da nervosismo perenne, siciliani non così ospitali come sull’isola-continente. Se nessuna di queste ragioni rappresenta un problema, Pantelleria sarà il vostro paradiso. E ha tanta uva, buonissima, innanzitutto da mangiare in pianta. Di quest’isola l’etichetta nuova di Cantine Pellegrino, Isesi, dice molto. L’uva moscato di Alessandria, detta anche Zibibbo, non sarà mai troppo dolce perché c’ha il sale, non sarà mai troppo delicata perché ha sentito il vulcano. Ha un anima un po’ black, come il colore dell’etichetta, perché non è un un…

  • 2011,  Cantina Passopisciaro,  IGT,  ROSSI,  SICILIA,  Terre Siciliane

    2011 Contrada S, Passopisciaro

    La S nel nome del vino richiama la contrada di Sciaranuova, 850 metri sul livello del mare, ed è una delle etichette singola contrada in casa Franchetti sull’Etna. Le note al naso sono cangianti e variegate con anguria, tartufo tabacco e senape. In bocca si rivela sottile sinuoso lavico e fruttato con un sorso irrequieto e stupendo che svela a poco a poco noti di carrube dattero mallo di noce, miele di melata e sottobosco. Chiude pepato con tannino esperto e sicuro mostrando che in evoluzione il nerello sa diventare complesso senza perdere la fierezza della sua gioventù.Il nome vuol dire “colata nuova” in siciliano, a indicare la recente età…

  • 2018,  IGT,  ROSATI,  SICILIA,  Tanca Nica,  Terre Siciliane

    2018 Firri Firri, Tanca Nica

    Firri Firri è il nome del rosato prodotto dall’azienda Tanca Nica nell’isola di Pantelleria da Francesco Ferreri e la compagna Nicoletta Pecorelli. Vino figlio di una terra senza misure, e dove ogni cosa si muove secondo una dimensione che è solo pantesca. Il Firri Firri non assomiglia a niente. È  un vino di grande personalità e calibrata spontaneità. Francesco ha ben in testa cosa vuole dai propri vini ed ha la grande sensibilità e conoscenza tecnica per poter essere spontaneo e libero, in equilibrio sopra la scogliera sapendo bene dove muovere i suoi passi. Firri Firri è ottenuto da vigne di sessant’anni di cataratto e pignatello, su terreni sabbiosi e…

  • 2013,  BIANCHI,  Fondo Antico,  IGT,  SICILIA,  Terre Siciliane

    2013 Terre Siciliane Il Coro, Fondo Antico

    Nell’antico baglio trapanese di Fondo Antico il legame con l’uva grillo è molto forte, tanto da avere scelto di vinificarla in differenti interpretazioni. Tutte molto interessanti che pongono l’accento sulle grandi potenzialità del territorio quanto dell’uva grillo. Il Coro è l’etichetta che vuole una maturazione piena e dorata degli acini e un affinamento di sei mesi sulle fecce. Scintilla la nuance appena dorata nel bicchiere e quello che colpisce del vino è la dinamicità cadenzata con precisione tra i vari elementi che si alternano con una certa eleganza conferita anche dal tempo trascorso in bottiglia. Pieno nei profumi che in apertura si tingono di note fumé, lentamente affiora l’albicocca in…

  • 2018,  Duca di Salaparuta,  IGT,  ROSSI,  SICILIA,  Terre Siciliane

    2018 Nero d’Avola Passa delle Mule, Duca di Salaparuta

    Nella tenuta di Suor Marchesa a Riesi, non lontano da dove nasce il Duca Enrico, ovvero la culla del nero d’Avola, nasce anche questo vino selvatico e umorale, ma anche dolce, piccante e sinuoso tra frutta rossa e spezie, arancio rosso, lamponi e tamarindo; viola come floreale, lavanda e mirto tra le note mediterranee. Al sorso aggiunge una nota mentolata piacevole mentre il sorso ha tannino che spinge bene e acuisce la sensazione di freschezza tambureggiante. Mallo di noce, olive e ribes nero chiudono il finale di bocca con rimandi speziati che si susseguono a lungo.

  • 2017,  BIANCHI,  IGT,  Manlio Manganaro,  SICILIA,  Sicilia

    2017 Terre Siciliane Bianco, Manlio Manganaro

    Gli esseri umani non nascono sempre il giorno in cui le loro madri li danno alla luce, la vita li costringe ancora molte volte a partorirsi da se*. E così ha fatto Manlio Manganaro: grafico pubblicitario prima, Sommelier poi, oggi proprietario e anima di una delle enoteche più curate e accoglienti d’Italia, l’Infernot a Pavia e, dalla vendemmia 2017, anche produttore di vino. Nel frattempo, anni fa, è stato anche il mio personal wine coach, ma dubito che lo inserisca nel CV.  Per produrre il proprio vino Manlio ha deciso di tornare in Sicilia, terra d’origine della famiglia, e di affittare una piccola vigna a Campobello di Mazara, a sud…

  • 2014,  DOC,  Marco De Bartoli,  METODO CLASSICO,  SICILIA,  SICILIA

    2014 Sicilia Spumante Extra Brut Terzavia, Marco De Bartoli

    Se avessi odorato alla cieca un calice di questo spumante avrei detto, senza esitazioni, di avere di fronte una birra Lambic (che non disdegno affatto). L’acidità è la nota distintiva di uno spumante metodo classico, in special modo di un extra brut; nel “Terzavia” 2014 domina un’acidità ostinata, tagliente, esplosiva e ostile che fa salivare fino alla disidratazione, senza mai deviare in una direzione contraria, anzi, rafforzando, dopo il sorso, la spasmodica tensione verticale. Resta in bocca un ricordo prepotentemente amaro, fatto di sensazioni erbacee, verdi, ostinatamente piraziniche. Non ho detto dell’approccio olfattivo: ha una incomprensibile e marcata impronta di idrocarburo, di polvere da sparo, poi di floreale amaro, come…