• 2017,  Cascina Salicetti,  Colli Tortonesi,  DOC,  PIEMONTE,  ROSSI

    2017 Colli Tortonesi Croatina Risulò, Cascina Salicetti

    Quando i rossi hanno quel colore scuro, nero, impenetrabile, che pare inchiostro, è facile che al naso richiamino il descrittore aromatico dell’inchiostro. Questa croatina tortonese è così: inchiostro alla vista e al naso. Ed è il genere di vino che amo. È un vino contadino, naif, ma senza sconfinare mai, nemmeno per sbaglio, nella caricatura: è contadino ma anche poeta. A parte il colore che ho detto, a parte l’inchiostro al naso, è un rosso delizioso per ampiezza di frutta nera, prugna e ciliegie, poi spezie come pepe. In bocca entra caldo e affilato, ha trama fitta, la botta alcolica è sorretta dal frutto che ritorna a dominare il sorso,…

  • 2015,  BIANCHI,  Colli Tortonesi,  Colombera,  DOC,  PIEMONTE

    2015 Colli Tortonesi Timorasso Il Montino, La Colombera

    Certamente una di quelle bottiglie che una volta aperte saresti capace di finire in pochi minuti, ma se si è furbi, le diamo qualche tempo, si pazienta e la sua espressione sarà incredibile. Già appena stappata regala grandi sensazioni olfattive e gustative ma la loro evoluzione nel bicchiere ci insegna la bellezza del saper attendere. Ed ecco che da subito regala note minerali, verticali che vengono delicatamente accompagnate da un frutto tagliente ed incisivo. Tanta espressione floreale di muschio, biancospino ed erba tagliata. Non si fanno certo attendere e si pongono a centro palco le tipiche sensazioni di quest’uva, idrocarburo, pietra focaia e gomma, piacevolmente accompagnate da una nota acida…

  • 2013,  Colli Tortonesi,  DOC,  I Carpini,  PIEMONTE,  ROSSI

    2013 Colli Tortonesi Barbera, I Carpini

    Quante belle sorprese si trovano dentro le bottiglie di Barbera, soprattutto in bottiglie con qualche anno sulle spalle. Si sa che la freschezza che il vitigno dona a piene mani ai suoi vini è presupposto di lunga vita e con vini ben confezionati, come quello che sto per descrivere, la garanzia di un’evoluzione lunga e di qualità è quanto mai scontata. Il vino Barbera della cantina I Carpini ci porta nel Piemonte di sud-est, in un piccolo paese rurale dell’Appennino tortonese: Pozzol Groppo. Perseguire l’ecosostenibilità, l’armonia tra gli elementi della natura, la salubrità dell’uva e del vino, tutto in chiave olistica, è l’obbiettivo perseguito da Paolo Ghislandi, guida dell’azienda. Il…

  • 2017,  BIANCHI,  Boveri Luigi,  Colli Tortonesi,  DOC,  PIEMONTE

    2017 Filari di Timorasso, Boveri Luigi

    Dei 21 ettari nel comune di Costa Vescovato (Alessandria), proprietà di Germana e Luigi Boveri, circa 9 sono dedicati alla coltivazione di vitigni a bacca bianca. Al timorasso e al cortese si aggiunge un recente impianto di moscato, che completa la produzione di vini bianchi. Il terreno, per l’80% marnoso calcareo e 20% argilloso calcareo, lascia intuire da subito ciò che si ritroverà nel bicchiere: mineralità, senza soluzione di continuità. Il Filari di Timorasso Colli Tortonesi DOC è il “fratello maggiore” del Derthona, vuoi per età delle viti (15 anni contro 8), vuoi per le rese per ettaro (50 quintali contro 70 del Derthona). Affina in autoclave per un anno. I…

  • 2015,  Colli Tortonesi,  DOC,  I Carpini,  PIEMONTE,  ROSSI

    2015 Colli Tortonesi Rosso Falò di ottobre, I Carpini

    Se si parla di Colli Tortonesi si pensa subito al timorasso, ma in questo caso, anche se è un vino di un’azienda che ha nel timorasso il suo marchio di fabbrica, ho scelto un raro merlot in purezza. Raro perché i filari di merlot di Cascina i Carpini sono davvero pochi e in certe annate fanno fatica a maturare per la posizione e l’altitudine in cui sono. Bevo una 2015 uscita nella primavera 2020, solo 641 bottiglie. Un vino mutevole, perché sa essere un ottimo recettore del territorio dove nasce e Paolo Ghislandi sa che ogni annata è diversa dall’altra. È di un rosso rubino brillante, sa tanto di marasca…

  • 2013,  Claudio Mariotto,  Colli Tortonesi,  DOC,  PIEMONTE,  ROSSI

    2013 Colli Tortonesi Barbera Territorio, Claudio Mariotto

    Sei anni e sentirli tutti. La Barbera tortonese 2013 di Mariotto attualmente ha molto poco da dire e paga (prematuramente?) tutta la sua maturità. Plausibile non attendersi faville da uno schietto rosso d’ingresso, nato e pensato per essere bevuto giovane, ma qualche anno passato nella cantina refrigerata non giustifica una tale caduta libera. Abbiamo un naso autunnale, quasi chinato, note di ciliegia molto matura e terra umida. Insomma, per farla breve, un largo spettro di sentori decadenti che si confermano in bocca, dove prugna cotta e amarena sotto spirito la fanno da padrone. Solo la grande acidità tiene in piedi il vino, ma in maniera sin troppo disgiunta dalle sensazioni…

  • 2012,  BIANCHI,  Colli Tortonesi,  Colombera,  DOC,  PIEMONTE

    2012 Colli Tortonesi Timorasso Derthona, La Colombera

    Di solito tra il Montino e il Derthona di Elisa Semino c’è la differenza che passa tra un cru e il vino “base”. Nel caso di La Colombera possiamo semplificare la questione dicendo che generalmente il primo ha più potenza e concentrazione, il secondo maggiore slancio e freschezza acida. Alla prova del tempo questo Derthona regge alla grande, proprio in virtù di questa sua riuscita commistione tra la struttura che ci si aspetta da un Timorasso e una vinificazione che ne valorizza il profilo acido. Di timbro minerale, con note di idrocarburo sussurrate e nient’affatto stucchevoli, profuma anche di fiori gialli e frutta, in un quadro sì evoluto, ma anche…

  • 2003,  Colli Tortonesi,  DOC,  PIEMONTE,  ROSSI,  Vigneti Massa

    2003 Monleale, Vigneti Massa

    La maturità è tutto, diceva qualcuno. Parlando di vino, se non è tutto è certamente un raro valore aggiunto. Per questo trovare un’annata risalente di un’etichetta è già una gran cosa – ma serve anche la materia prima. In questo caso la materia era eccellente, e questo finisce dritto negli assaggi memorabili. Terso, ampio, profondissimo al naso, è una bevuta saziante, complessa e completa. Il barbera tortonese allo stato dell’arte, in una interpretazione giustamente celebre. Bravo, oh.