• 2004,  BIANCHI,  Bruna,  DOC,  LIGURIA,  Riviera Ligure di Ponente

    2004 Riviera Ligure di Ponente Pigato Le Russeghine, Bruna

    Questa potrebbe essere la storiella del calabrone che non può volare, ma lui non lo sa e vola lo stesso – non è esatta, ma facciamo finta che lo sia. L’arcaica etichetta di questo Pigato stava in cantina da eoni, ogni tanto la guardavo e non mi decidevo mai ad aprirlo, “ormai è andato”. E invece, come il calabrone, nessuno deve aver informato il contenuto di ‘sta bottiglia circa gli esiti delle ossidazioni e degli affinamenti troppo protratti, oltre la data presumibile di vita. Ma chi presume cosa? Alla fine il colore è ambra chiaro, molto brillante. Il naso (bum) esplode in note piraziniche, che il gergo degli assaggiatori associa…

  • 2019,  BIANCHI,  DOC,  LIGURIA,  Riviera Ligure di Ponente,  Terre Bianche

    2019 Pigato Riviera Ligure di Ponente, Terre Bianche

    Vermentino, pigato, favorita, rolle e verlantin (francesi) possono essere utilizzati per un dibattito filosofico-scientifico, ad ampio respiro, sull’identico e sull’uguale. Perché abbiamo voglia a dire che vermentino e pigato hanno lo stesso profilo del DNA al 100% e che provengono dallo stesso vitigno iniziale cresciuto da un solo seme d’uva. Ma che poi, per carattere e individualità, il pigato ha le foglie più lobate e più piccole dell’altro, diversi i germogli (verde chiaro con sfumature rosa ed orlo carnicino), gli acini meno tondeggianti e con piccole macchie sulla buccia (da cui pigau, ovvero “macchiettato” in dialetto). Abbiamo voglia, insomma. E se si va in un posto che ne ricorda altri…

  • 2011,  BIANCHI,  DOC,  LIGURIA,  PRODUTTORI,  Riviera Ligure di Ponente

    2011 Vendemmia tardiva bianco Ca da Rena, Punta Crena

    Il sardissimo Pintori, proprietario dell’omonimo ristorante genovese e grande conoscitore dei vini, mi propone un pigato, vendemmia tardiva, del 2011: “E’ una bomba”- mi dice. Confermo: impressionante e inaspettato. Giallo intenso, carico. Al naso si compone di macchia mediterranea, di frutta fresca e passita e di fiori gialli. Al palato un’esplosione di gusti: compaiono mai sopiti cedro e limoni, ananas, albicocche, corbezzoli succulenti, ginestra e rosmarino. Una tenuta di freschezza conturbante e poi, che dire, di quel mare che si sente in bocca. Già, del 2011