2016,  Boca,  DOC,  PIEMONTE,  ROSSI,  Vallana

2016 Boca, Vallana

L’areale di Boca, quando ancora le denominazioni d’origine non esistevano, era disseminato di viti coltivate a maggiorina, più o meno per 40000 ettari. Oggi gli ettari vitati sono circa 700. Giusto per dare un’idea: ogni singolo comune in Umbria ha una superficie comunale maggiore, e non sono certo delle metropoli.
Una tale riduzione ha essenzialmente un solo motivo: la paura della fame. Nel secondo dopoguerra il richiamo dell’industria e del salario fisso ha avuto più mordente sui contadini della zona rispetto ad una bucolica povertà, e non che questi ultimi prima vantassero gli introiti di Bill Gates. Fortunatamente negli ultimi anni, qui come altrove, la tendenza è il ritorno alla terra e a fare vini di cui noi possiamo bearci.
Ben saldi invece nell’areale di Boca sono stati i Vallana, che possono vantare una tradizione vinicola risalente al 1787, solo due anni dopo la fondazione della maison di Champagne Piper-Heidsieck. Certo, quelli producevano e commerciavano con il mondo, mentre qua l’avo dei Vallana si impegnava a fornire al vescovo della Diocesi di Novara la sua migliore Spanna (come viene chiamato il nebbiolo in alto Piemonte). Ma l’esperienza secolare resta.
Tornando ai giorni nostri, il Boca DOC 2016 di Vallana è costituito per il 70% da spanna, condito da un 20% di vespolina e un 10% di uva rara. Tutte le piante affondano le radici nel suolo morenico e vulcanico, ricchissimo di minerali e a pH molto acido. Le uve, giunte a maturazione, vengono vendemmiate e la fermentazione viene condotta in contenitori di cemento. Il passo successivo è un sonnellino di due anni in botte grande e successiva pennichella di un altro paio di anni in bottiglia prima di svegliarsi ed andare in giro per il mondo.
Nel calice il vino è di colore rosso rubino, abbastanza trasparente, con presenza di residui (non è un difetto).
Il profumo è ricco, di violetta, amarena croccante, lampone e prugna matura, di spezie (cardamomo, chiodo di garofano e pepe rosa), di ruggine, china, liquirizia e cenere.
La bocca è connotata da una notevole sensazione fruttata, una grande aromaticità che caratterizza l’intera durata del sorso. Al palato è fresco, con tannino molto percepibile ma dalla grana fine, sapidità decisa, di notevole intensità e lunga persistenza.

Antonio Vallana E Figlio S.A.S.
Via Mazzini, 3
28014 Maggiora (NO)
0322 87116
info@vallanawines.com
  • FIORDIPONTI [12/04/21] - 8.4/10
    8.4/10
8.4/10
Sending
User Review
8.3/10 (1 vote)

Rispondi