2018,  Cascina Boccaccio,  DOCG,  Dolcetto di Ovada Superiore,  PIEMONTE,  ROSSI

2018 Dolcetto d’Ovada Superiore Celso, Cascina Boccaccio

Se l’obiettivo è quello di avere nel bicchiere un vino contadino che sappia esprimere l’essenza del proprio territorio, il Celso 2018 della Cascina Boccaccio, un Ovada, è un’eccellente soluzione. Certo, il Celso di Roberto Porciello dà il meglio di sé dopo qualche anno in bottiglia, ma non è sempre detto che l’attesa del piacere sia essa stessa piacere, e dunque è meglio prenderne un paio di bottiglie e una godersela subito e l’altra serbarla in cantina .

Ha un frutto cristallino, un’acidità netta, una sapidità avvincente e una florealità elegantissima, che è poi tra le prerogative dei rossi di Ovada, e ha anche una beva strepitosa, cosa non scontata per un vino che dichiara in etichetta quattordici gradi e mezzo di alcol, elemento di cui manco te ne accorgi, e chiama il cibo a gran voce. Ah, e per favore non dite che è un dolcetto, perché il fatto che venga da quell’uva è un accessorio. Questo è un Ovada. Punto.

Cascina Boccaccio
Località Piano Moglia, 21
15070 Tagliolo Monferrato (Al)
tel. 0143 882400
email viniboccaccio@gmail.com
  • PERETTI [15/04/20] - 9.3/10
    9.3/10
9.3/10
Sending
User Review
9.45/10 (2 votes)

One Response

Rispondi