• 2017,  BIANCHI,  Calalta,  IGT,  VENETO,  Veneto

    2017 Davvero, Calalta

    Primo pranzo nella nuova casa. Cosa stappi per gli amici e parenti che sono venuti a condividere con te la tua nuova vita? Il tuo nuovo quartiere? Il pranzo della domenica cucinato dalla più brava chef che conosci: tua sorella. Il contesto richiede una scelta ardua. Ma sul vino hai poche chance alla volta e molte possibilità di sbagliare. Della religione degli abbinamenti non ce ne facciamo un bel niente, la lasciamo ai sommelier “ciao-come-sto” e “dimmi che mangi e ti ordinerò cosa bere”. Preferiamo le decisioni di pancia, quelle ardue, che portano in tavola vini che alzano il tiro, che tirano fuori le parole, che facciano parlare di loro.…

  • 2008,  Colli Piacentini,  DOC,  DOLCI,  EMILIA ROMAGNA,  La Stoppa

    2008 Colli Piacentini Malvasia Passito Vigna del Volta, La Stoppa

    Domenica di Pasqua di un lungo lockdown da coronavirus. Non la dimenticheremo. Dopo una bottiglia stappata durante un pranzo arrabattato per non andare a fare file al supermercato, nel pomeriggio l’umore risale. Sarà stato il pollo alla brace con miso, salsa di soia, lime e bla bla bla a mettere da parte l’apatia? Non proprio. Dopo aver familiarizzato con i vicini di casa, scatta l’invito a oltrepassare il cancello e a sederci con loro in giardino. E, ovviamente, a bere. Gli uomini sfoggiano la propria virilità con una serie di whisky presi ai confini dell’Europa e del mondo. Fiera, sfodero l’antidoto all’inedia. Il vino passito Vigna del volta della cantina…

  • 2018,  Conestabile della Staffa,  IGT,  UMBRIA,  Umbria

    2018 Bianco della Staffa, Conestabile della Staffa

    Il bianco Conestabile della Staffa è un vino da bere ad occhi chiusi e, per i fanatici, pure a temperatura ambiente (se non vi trovate nell’Africa sub-Sahariana). Ruvido e freschissimo. Se stappate l’annata 2018 anche alle 10 del mattino dura comunque il tempo di un cappuccino. È semplice ma non per questo sciatto. Il colore è lontano anni luce dalle mode del giallo-qualcosa-paglierino e dalle filtrazioni più violente. Non è né l’uno né l’altro (per fortuna) e ha il pregio di essere un amico schietto. Un gentile compagno di viaggio di bevute casalinghe. Non da abbinare al cornetto però, semmai a carni bianche.