• 2020,  BIANCHI,  Colline Novaresi,  DOC,  Francesca Castaldi,  PIEMONTE

    2020 Colline Novaresi Bianco Lucia, Francesca Castaldi

    Erbaluce o greco novarese allevato a Briona, il primo comune che si incontra arrivando dalla città, là dove inizia l’Alto Piemonte vitivinicolo della sponda novarese. Il vigneto in questione si chiama Cravona ed è stato impiantato da Francesca Castaldi nel 2009. Appezzamenti che occupano gran parte del cosiddetto pianoro, ossia un terrazzamento di origine fluvio-glaciale che strizza l’occhio alle Alpi, sono rilievi che risalgono all’età Pleistocenica. E’ un territorio affascinante e a tratti misterioso, i filari delle vigne talvolta giocano a nascondersi all’interno del bosco. Luoghi incontaminati che tracciano un percorso piuttosto regolare che giunge fino al Monte Rosa, vetta dal profilo himalayano, vera a e propria icona del territorio. Il terreno…

  • 2015,  AOC,  BIANCHI,  BOURGOGNE,  CHABLIS PREMIER CRU,  Domaine Guy Robin et Fils,  FRANCIA

    2015 Chablis Montée de Tonnerre VV, Domaine Guy Robin et Fils

    Se Montèe de Tonnerre non è uno dei sette Grand Cru dello Chablis poco ci manca. Tra i Premier Cru è la vigna alla quale sono più affezionato, non mi ha mai deluso.Parte con una sventagliata di agrumi spremuti sulla pietra focaia. Tipicità da Chablis che si ammorbidisce rivelando sentori di ricotta infornata al limone, di burro salato, di zucchero a velo. Mano a mano che il vino si riscalda nel calice i profumi si ricompongono, si aggregano. Lo zucchero comincia a filare, il burro si lega alla farina e, non so come dirvelo, ma il fatto è che a un certo punto nella mia testa stavo annusando quei dolcetti…

  • 2019,  BIANCHI,  DOCG,  La Frassinella,  Lison,  VENETO

    2019 Lison Classico, La Frassinella

    Ecco il vino che ti sorprende, che ti manda in tilt. Ma è Lison Classico, da uve tai, o è sauvignon? La risposta è che su delle vecchie viti hanno innestato del sauvignonasse e in certe annate la parte pirazinica di questo vitigno prevale. Eccolo allora lui. Il Lison Classico DOCG 2019 de La Frassinella. Molto “scicchettoso” alla vista con quel bel giallo paglierino con riflessi dorati che ti riscalda l’anima. Il naso poi è decisamente complesso, ma con eleganza. Niente di impattante. Tanti piccoli sentori a formare un bouquet da sposa. Bosso, salvia, timo, rosmarino, muschio, resinoso, pesca bianca, nespola, papaia, mango, passion fruit, peonia. Chi più ne ha più…