• 2009,  Amarone della Valpolicella,  DOCG,  ROSSI,  VENETO,  Venturini

    2009 Amarone della Valpolicella Classico Riserva, Venturini

    Ho sempre amato la Valpolicella, un po’ meno l’Amarone. Troppo spesso vittima di eccessi di concentrazione, alcol o dolcezze, nell’Amarone degli ultimi decenni – a parte qualche eccezione – fatico a trovare la vera anima della Valpolicella fatta di finezza, eleganza e anche bevibilità, qualità che ritrovo più spesso nei  Valpolicella Classico o nei Superiore. Vedo però che ultimamente le cose stanno cambiando, le eccezioni sono sempre meno rare e c’è un ritorno ad uno stile più tradizionale e consono alla storicità della Vallis Polis Cellae. Tanto per capirci su come io intendo la Valpolicella dovreste procurarvi una delle 2746 bottiglie di questo Amarone Riserva 2009 – non la numero…

  • 2013,  DOC,  ROSSI,  Secondo Marco,  Valpolicella Ripasso,  VENETO

    2013 Valpolicella Classico Ripasso, Secondo Marco

    La cantina di Marco Speri si trova a Fumane nella Valpolicella Classica. Il nome della sua cantina “Secondo Marco” mette in luce la sua idea di vino rispetto a questo territorio. Messa giù così ci si potrebbe aspettare qualcosa di estremo invece Marco interpreta in modo fedele il suolo e la cultura che ruota attorno a Fumane. Uno stile assolutamente classico, elegante, fine, affusolato proprio come si richiede a vini di qua. Questo suo Ripasso in versione Magnum con etichetta in seta ricamata è un bellissimo esempio di cosa aspettarci di un vino della Valpolicella Classica. Il colore è rosso rubino luminoso e vivido. Il naso è molto elegante, tratteggiato…

  • 2018,  Asolo Montello,  DOC,  Giusti,  ROSSI,  VENETO

    2018 Montello Colli Asolani Recantina Augusto, Giusti

    Se conoscete la recantina, uva autoctona presente sin dai tempi antichi esclusivamente nel Montello e nei Colli Asolani, avete tutta la mia stima; l’Italia è piena di vitigni straordinari come questo, sta a noi (ri)scoprirli. Le aziende che valorizzano il territorio e ogni singolo pezzetto di storia, talvolta rappresentato ad esempio da una specifica cultivar, sono tantissime. Giusti Wine è una solida realtà vitivinicola di Nervesa della Battaglia (TV), indubbiamente rientra in questa categoria e con la recantina sta facendo un lavoro egregio, questa è la seconda annata che recensisco e devo ammettere che l’Augusto un po’ alla volta mi sta davvero conquistando. Nonostante esistano documenti scritti che testimoniano la…

  • 2020,  DOC,  Giusti,  METODO MARTINOTTI,  Prosecco,  ROSATI,  VENETO

    2020 Prosecco Rosé Extra Dry Rosalia, Giusti

    Il tema Prosecco Rosé, tra gli addetti ai lavori e semplici appassionati di vino, ha smosso non pochi dubbi e polemiche negli ultimi mesi. Francamente non mi è chiaro il motivo, anche perché la famosa Doc veneta nella versione Rosé prevede la possibilità che venga aggiunto, ad un minimo di glera 85 – 90%, del pinot nero (vinificato in rosso) dal 10 al 15 %. Detto ciò, considerando la tipologia di vino in questione, ovvero uno dei brand più famosi e venduti al mondo, non mi meraviglia affatto che le aziende coinvolte abbiano voluto sperimentare la versione in rosa, categoria sempre più richiesta in tutto il mondo; francamente son stupito…

  • 2017,  BIANCHI,  Calalta,  IGT,  VENETO,  Veneto

    2017 Mentelibera, Calalta

    Bronner, chi era costui? Non Brynner, l’indimenticato Yul, bensì bronner, vitigno che fa parte della famiglia dei cosiddetti Piwi. Piwi è quasi un vezzeggiativo, abbreviazione di una parola tedesca parecchio più lunga e che non so né scrivere né pronunciare, e indica varietà ibride particolarmente resistenti alle malattie fungine. Per molti viticoltori i Piwi rappresentano il futuro dell’agricoltura consapevole e rispettosa dell’ambiente. Richiedendo pochi trattamenti in vigna sembrano adatti in particolare a chi voglia produrre quei vini che alcuni si ostinano a chiamare naturali. Potrei aprire una parentesi ragionando sull’opportunità di definire “naturale” un vino da vitigno creato in laboratorio dall’uomo. Ma conosco modi decisamente più eccitanti di perdere tempo.…

  • 2018,  BIANCHI,  DOC,  Gianni Tessari,  Soave,  VENETO

    2018 Soave Classico Perinato Pigno, Gianni Tessari

    100% garganega da un cru di Soave che mostra una bella vitalità e che rilancia sulla alta gamma dei bianchi in Italia in una denominazione da 80milioni di bottiglie che si candida ad essere bandiera del made in Italy nel mondo. Note di gelsomino e pepe bianco, pompelmo canfora ananas, cedro candito miele e papaya, sorso salino acceso delicatamente fumè e boisèe, si allunga in piacere frivolezze su base solida pietrosa e levigata. Un vino che ambisce ad essere un classico moderno di grande bianco di nuova generazione perchè unisce bene ricchezza, uso accorto del legno e levità.