• 2017,  DOC,  LIGURIA,  Maccario Dringenberg,  Rossese di Dolceacqua,  ROSSI

    2017 Rossese di Dolceacqua, Maccario Dringenberg

    Non ci sono molti vini rossi italiani con etichetta verde, forse perché il verde non è un aggettivo che si addice molto ai rossi. Giovanna Maccario, che delle associazioni mentali altrui giustamente se ne infischia, usa il verde sia per questo suo Rossese che per il Posaù.Bello già dal colore, un rubino non molto carico che luccica nel bicchiere promettendo freschezza. Bello il naso, speziato di macchia mediterranea con una punta pepata, tipico di olive in salamoia, violette, fragoline di bosco. Bello il sorso, che mantiene la promessa fatta all’occhio in un fluire di sapidità e misurata estrazione tannica. Una bevuta di approccio semplice eppure profonda.Annata clamorosa di questo vino,…

  • 2019,  DOC,  LIGURIA,  Maccario Dringenberg,  Rossese di Dolceacqua,  ROSSI

    2019 Dolceacqua Curli, Maccario Dringenberg

    Delle annate del nuovo corso, intrapreso da Giovanna Maccario su questa vigna storica di rossese (dalla sperimentale 2012 in poi), questa è probabilmente la migliore versione. Considerandone l’insolita estroversione aromatica, viene da pensare che la grande annata -quando è grande davvero- agisca sul “grand cru” di Perinaldo in modo imprevedibile, rarefacendone la trama anziché ispessendola. Sarebbe stato interessante indagarne l’esito in una annata simile come la 2010, per verificare tale ipotesi. Andando al bicchiere: peonia, gelso nero, pepe rosa, incenso, ginepro e rotella di liquirizia, al naso, e sorso di grande distensione, dagli accenti baritonali e meno astringente del solito. Sapore addensato con echi affumicati, persino abbrustoliti, come raramente si…

  • 2016,  DOC,  LIGURIA,  Rossese di Dolceacqua,  ROSSI,  Testalonga

    2016 Rossese di Dolceacqua, Testalonga Perrino

    Ematico e ferroso: sono due descrittori allarmanti, se li leggi senza essere un enoqualcosa, uno di quelli che girano il bicchiere e insomma (hai capito) tagliano giù giudizi sul vino usando descrittori di quel genere. Ma non ti allarmare: servono a dire, quelle due parole là, che questo rosso ha una nota olfattiva che ricorda la carne cruda, il sangue, e poi c’è una tensione che invece richiama il minerale di ferro. Tutto questo al naso. Ed è solo l’inizio: poi c’è il pepe, poi c’è il frutto rosso macerato e anche, toh, una vena di arancia rossa. Questo vino è una palestra formidabile di pippe descrittive, se sei un…