• 2018,  Amalia Cascina in Langa,  BIANCHI,  DOC,  Langhe,  PIEMONTE

    2018 Langhe Rossese Bianco Amalia, Cascina in Langa

    È possibile scoprire qualcosa di nuovo nelle Langhe? Direi proprio di sì. Alzi la mano chi ha già sentito parlare del Rossese Bianco. Si palesi chi abbia già bevuto il vino proveniente da quest’uva a bacca ‘roscia’ piantata in poche manciate di ettari tra Langhe e Liguria.Un’uva che la famiglia Boffa di Cascina Amalia vinifica in maniera peculiare. Infatti, dopo la fermentazione in acciaio, metà della massa va a farsi un viaggio-studio per 12 mesi in barrique, in compagnia delle proprie fecce fini.Il risultato è un vino dal colore giallo paglierino vivissimo, non facilmente pronosticabile per un vino che ha sostato in barrique e che viene da un’uva che di…

  • 2019,  Cinque Terre,  DOC,  LIGURIA,  MACERATI,  Possa

    2019 Cinque Terre, Possa

    Al gusto non si percepisce il passaggio del vino in barrique di rovere francese e di acacia; solo le pareti del cavo orale captano la consistenza glicerica e pastosa del liquido quando si trattiene in centro bocca. La macerazione di quattro giorni sulle bucce delle uve bosco, albarola, rossese bianco, piccabon e frapelao, come da tradizione per i bianchi delle Cinque Terre, dona una dinamica complessità di naso e di bocca. In primissimo piano i profumi delle erbe aromatiche e della macchia mediterranea che, insieme, punteggiano le balze scoscese di quella terra suggestiva, impervia e faticosa per chi la lavora. Si fanno, poi, largo lavanda, rosa bianca, zagara, buccia di…

  • 2019,  BIANCHI,  LIGURIA,  Maccario Dringenberg,  VINO VARIETALE

    2019 L’Amiral, Maccario Dringenberg

    L’Amiral della vendemmia 2019 è un vino bianco ligure molto raro e del tutto originale. Giovanna Maccario e Goetz Dringenberg, passeggiando le vigne di San Biagio della Cima e dei comuni della comunità montana dell’Intemelia, nel ponente ligure, hanno recuperato i vitigni autoctoni Rossese Bianco e Massarda. Il primo un tempo più diffuso, poco costante nella produzione e sensibile all’oidio, soppiantato dal Vermentino; il secondo addirittura sopravvissuto alla fillossera, presente ancora a piede franco nel vigneto Nuvilla a San Biagio della Cima. Si è deciso per macerazione sulle bucce, fermentazione spontanea e limitato uso della solforosa. Ne è venuto fuori, nel 2019, un vino meno carico cromaticamente rispetto alle versioni…