• 2019,  IGT,  ROSSI,  SICILIA,  Terre Siciliane

    2019 SP68 Rosso, Arianna Occhipinti

    Tanti, succulenti e croccanti frutti rossi e neri, per un vino che il palato scopre subito leggero, fresco, immediato, ma carnoso. Anche i profumi sono a prevalenza fruttata, uniti a sensazioni balsamiche che richiamano il ginepro, la mentuccia e poi le spezie piccanti, erbe aromatiche e sensazioni di sottobosco bagnato. Questo è il vino base di Arianna Occhipinti, un IGT con le stesse uve del più nobile Cerasuolo di Vittoria: frappato e nero d’Avola. Dalle parti di Arianna Occhipinti il vino ha storia secolare e si dice che la Strada Provinciale 68, che passa nei pressi dell’azienda Occhipinti, sia tra le più antiche strade del vino italiane. SP68 è di…

  • 2017,  DOC,  Mazzei,  ROSSI,  SICILIA,  Sicilia

    2017 Noto Rosso Doc Doppiozeta Zisola, Mazzei

    Un impatto olfattivo di note scure e spezie, unite ad un frutto maturo presentano la nuova evoluzione di Doppiozeta di casa Mazzei, che si mostra fresco e pieno nella sua versione tutta in Nero d’Avola. Dalla ciliegia fresca e sciroppata, alla fragola, con accenni alle erbe officinali e sensazioni più complesse di cipria e minerali con la grafite. Al palato è succoso, pieno. Una beva molto dinamica che cattura subito ma che strizza l’occhio all’invecchiamento. Sapidità e salinità la fanno da padrona ricordando il mare, con tannini complessi ed equilibrati. Tanto più territorio in questa 2017, annata assai difficile e ostica, ma che regala grandi soddisfazioni.

  • 2019,  DOC,  Mazzei,  Noto,  ROSSI,  SICILIA

    2019 Noto Rosso Zisola, Mazzei

    Una storia iniziata nel 2004, quella della famiglia Mazzei a Zisola, nei pressi di Noto. Questa è sicuramente l’etichetta rappresentativa dell’azienda, che nel corso degli anni ha affermato sempre più lo stile della famiglia in territorio siciliano. La 2019 regala un Nero d’Avola estremamente dinamico, armonico, con un gusto e una capacità di beva molto attuali e contemporanei. Al naso presenta sentori di frutti bosco, fragole, arancia rossa, ciliegia fresca, che lasciano poi spazio ad un accenno di legno di pino, ginestra, sostenuto da note minerali e salmastre. Al palato è verticale e fresco. Il gusto è succoso, molto ricco. Mineralità e sapidità sostengono la beva, dando carattere.

  • 2009,  Armosa,  IGT,  ROSSI,  SICILIA,  Sicilia

    2009 Curma Riserva 42, Armosa

    Dici nero d’Avola (calabrese per gli amici) e subito pensi a frutti rossi belli grossi e alcol. Poi stappi questo, da uve coltivate dalle parti di Scicli, e tocchi con mano (con naso) olive in salamoia, capperi, acciughe. E alcol. Una lieve chiusura al naso si risolve subito con  mezz’ora di aerazione. Beva che riscalda ma bene integrata e pure parecchio felice. La Sicilia è una terra talmente grande che ne contiene almeno cinque.