• 2015,  Chianti Classico,  DOCG,  Monteraponi,  ROSSI,  TOSCANA

    2015 Chianti Classico Riserva Il Campitello, Monteraponi

    2015, CHIANTI CLASSICO RISERVA, DOCG, MONTERAPONI, ROSSI, TOSCANA È nel decimo secolo d.c. che le prime fonti storiche cominciano a parlare del Poggio di Monteraponi, nel cuore del territorio chiantigiano, su cui insisteva l’omonimo borgo.Proprio in questa enclave oggi sorge l’azienda agricola Monteraponi, fondata nel 1974 e tutt’ora gestita da Michele Braganti.L’azienda si estende oggi per oltre 200 ettari, di cui 12 sono dedicati alla viticoltura, con la coltivazione di sangiovese, colorino, canaiolo e trebbiano.Da un’attenta selezione di sangiovese e canaiolo ha origine questo vino, ottenuto mediante fermentazione spontanea del mosto, senza controllo delle temperature, invecchiato per 30 mesi in grandi botti di rovere francese e di Slavonia.Il vino sfoggia…

  • 2015,  IGT,  Monteraponi,  ROSSI,  TOSCANA,  Toscana

    2015 Baron’Ugo, Monteraponi

    L’enclave di Monteraponi è citata da fonti storiche fin dal X secolo; vi si legge, tra l’altro, che il “Poggio Monteraponi” apparteneva a Ugo di Brandeburgo, Governatore di Toscana.È proprio al Barone Ugo che è dedicato questo vino, emblema della produzione dell’azienda, che fino al 2014 si era fregiato dell’appellazione di Chianti Classico Riserva.Oggi il Baron’Ugo ha preso la più estensiva dizione di “Rosso Toscana IGT” sebbene le sue uve siano tutt’ora quelle della storica e omonima vigna, situata a 570 mt slm.La produzione del vino segue una cernita separata delle uve, sottoposte a fermentazione spontanea senza controllo di temperature o inoculo di lieviti.Segue una sosta di un mese abbondante…

  • 2017,  Chianti Classico,  DOCG,  Monteraponi,  ROSSI,  TOSCANA

    2017 Chianti Classico, Monteraponi

    Di un colore rosso abbastanza scarico e cristallino, al naso si presenta con note floreali e vegetali fresche che definiscono fin da subito il carattere fresco di questo vino. Dalla viola alla rosa, incontrando poi il pepe nero e verde, con un finale che ricorda l’humus, spiccano poi, sentori di piccoli frutti rossi di lampone, mirtilli e ribes, che costruiscono il profilo olfattivo dolce di questo vino. Al palato è vivace e presenta un gusto verticale, saporito, con una beva elegantemente facilitata da tannini levigati e stretti. Un Chianti Classico estremamente vivo e piacevole, sono molto curiosa di assaggiarlo fra qualche tempo.