• Marco Bottura,  METODO CLASSICO,  PIEMONTE

    Metodo Classico, Marco Bottura

    Un esordio atteso (almeno da me) e un’aspettativa per nulla tradita, lo spumante di Marco Bottura. Da uve chardonnay (80%) e pinot nero (20%), lascia subito il segno con i suoi profumi caldi, ampi e generosi, contraddistinti da una semplicità che si traduce in armonia. Fiori come la ginestra, il caprifoglio e il tarassaco, che con l’evoluzione virano prima sulle erbe aromatiche infine sulle note di nocciola, spezie. Sorso trasparente nella definizione ed espressivo nel rilievo sapido-agrumato, fresco ma anche avvolgente, voluminoso, appagante. Infine, un centro bocca centrato, salino ed energico in grado di alternare radiosità e freschezza, per una chiusura rocciosa e floreale. Marco Bottura (fratello di Massimo Bottura)…

  • 2008,  DOC,  METODO CLASSICO,  Monfort,  TRENTINO-ALTO ADIGE,  Trento

    2008 Trento Extra Brut Rare Vintage, Monfort

    Scrive Andreina Contessa, direttrice del Castello di Miramare : “mi piace l’espressione prendersi CURA. Mai come quest’anno la parola cura ha avuto un significato centrale, vitale e chiarissimo. Abbiamo il privilegio e il dovere di prenderci cura della bellezza e dell’armonia che infondono benessere”. Ecco, aver ricevuto questo regalo, mi sono sentita di essere stata presa in CURA. Solamente 150 esemplari per questo Trento Doc del 2008. E uno è arrivato a me. Nel 2008 usciva la prima annata di Monfort Riserva con 80% chardonnay e 20% pinot nero. Uve provenienti da Pergine Valsugana e Meano e Cortesano, le parti più soleggiate. Annata fresca e minimo dosaggio. 1800 bottiglie, 150…

  • 2013,  DOCG,  Franciacorta,  LOMBARDIA,  METODO CLASSICO

    2013 Franciacorta Boschedòr, Bosio

    Bosio, Corte Franca, Franciacorta. Dal 1998, Cesare e Laura sono alla guida di quest’azienda, avviata da nonno Girolamo (a cui è dedicata la loro più importante cuvée) e portata avanti negli anni seguenti da papà Luigi. Una produzione, la loro, raddoppiata in poco più di 10 anni, ma soprattutto un parco vigneti rinnovato gradualmente che vede appezzamenti allignare a 6.300 piante/ettaro e rese estremamente contenute, compromesso indispensabile per produrre un’uva di qualità e quindi un vino eccellente. 20 ettari, dal 2016 tutti in conversione biologica, dei quali 6 di pinot nero, alle cui potenzialità i fratelli Bosio credono molto e 14 di chardonnay. Interpreti che hanno portato innovazione e personalità…

  • 2005,  DOC,  Ferrari,  METODO CLASSICO,  TRENTINO-ALTO ADIGE,  Trento

    2005 Trento DOC Giulio Ferrari Riserva del Fondatore, Ferrari

    L’eleganza di quel profumo sempre trattenuto, mai ostentato ma rigoroso e quell’evoluzione graduale, lenta e inarrestabile che ha scolpito i tanti millesimi del passato, oggi veri e propri capolavori, ha portato Giulio Ferrari ad essere il più grande metodo classico italiano. Il merito va soprattutto a quell’uomo in Ferrari dal 1986, riservato e di poche parole, che preferisce stare tra i suoi vini e le sue cuvée piuttosto che su un palcoscenico: Ruben Larentis. Che riguardo l’annata 2005 dichiara: “la difficoltà nell’interpretazione dell’annata in vinificazione è stata di non farsi coinvolgere nella ricerca della potenza, ma di ricercare invece leggerezza e delicatezza”. Le uve chardonnay utilizzate per il Giulio Ferrari…