• 2018,  Conegliano Valdobbiadene Prosecco,  DOCG,  Nicos Brustolin,  RIFERMENTATI,  VENETO

    2018 Valdobbiadene Prosecco Frizzante Slavina Rossa Colfondo, Nicos Brustolin

    Ecco il bel biglietto da visita di Nicos, schietto gentiluomo di campagna che ha lasciato la carriera forense per ritornare alle vigne ed entrare quasi in punta di piedi nell’universo del Prosecco, quello sui lieviti, naturalmente. Il vino nasce sulla Slavina Rossa, la sommità della collina di Colbertaldo dove sono ancora visibili le tracce delle trincee della Grande Guerra.  Dal raccolto di glera ben maura di alcuni vecchi ceppi ha ricavato 708 bottiglie numerate.  Un progettino, dice lui. Un capolavoro, dico io – e che non ti venga la tentazione di espiantare quelle vigne!  – Glicine, lavanda, mela golden e una bevuta soda e saporita, fatta di sole e sale. Sa dell’uva…

  • 2013,  Conegliano Valdobbiadene Prosecco,  DOCG,  Le Vigne di Alice,  METODO CLASSICO,  VENETO

    2013 Valdobbiadene Prosecco Superiore Metodo Classico Punto G, Le Vigne di Alice

    Osare è il verbo preferito di Cinzia Canzian che dal 2005 ha iniziato a produrre bollicine in quel di Carpesica di Vittorio Veneto sulle colline del Prosecco Superiore, da poco riconosciute come Patrimonio dell’Unesco. Cinzia non si smentisce con il Punto G, un Metodo Classico di sola glera che fermenta in acciaio, tranne un 20% in tino grande. Spettacolare questo 2013 che è stato sboccato tardivamente, a dicembre 2017.  Sfumature paglierino-dorate, bolle fini, profumi di crosta di pane, ginestra, agrume, noce pesca e mandorla. Al palato è pieno, ricco di sale e struttura. Un Brut millesimato che va ben oltre i confini conosciuti del Prosecco, per toccare note di classe da Champagne…

  • 2018,  Cà dei Zago,  Colli Trevigiani,  IGT,  RIFERMENTATI,  VENETO

    2018 Frizzante a rifermentazione spontanea Mariarosa, Ca’ dei Zago

    Il vigneto Mariarosa si trova San Pietro di Barbozza in località Sacol a fianco della strada di confine con le colline alte di Cartizze. Questo vigneto appartiene alla zia di Christian Zanatta della Ca’ dei Zago, Mariarosa appunto. Si caratterizza per una pendenza molto accentuata e per vigne incastonate sulla roccia calcarea che raggiungono il bosco sulla sommità della collina. Vecchie vigne di glera, verdiso, bianchetta e perera con una produzione molto limitata e uva spargola. Un vigneto “restaurato” da Christian che produce un vino dal carattere unico. Fino a prima dell’annata 2018 il vino proveniente da questo vigneto, entrava nell’unico taglio di Ca’ dei Zago, ma la sua personalità…

  • 2017,  BIANCHI,  Silvano Follador,  VINO,  VINO D'ANNATA

    2017, Vino Bianco Fermo, Silvano Follador

    Dal surfista di Santo Stefano un “Prosecco tranquillo” (fermo) campione di bevuta. Dieci gradi e mezzo di semplicità raggiunta consapevolmente. Il “tranquillo” è tipologia da appassionati, amata dai locali, misconosciuta dai cultori del prosecchino. I profumi sono più attenuati nei primari rispetto alla versione Martinotti; all’assaggio guadagna in snellezza: è tenue, molto fresco e liquido con richiami minerali e salmastri. Il sorso è breve e secco, blandamente erbaceo, scorrevolissimo, sorbevolissimo. Attenzione pericolo! Silvano Follador Azienda AgricolaVia Callonga, 11Località Follo31049 Santo Stefano di Valdobbiadene (TV)Tel +39 0423 900295info@silvanofollador.it

  • 2018,  Conegliano Valdobbiadene Prosecco,  DOCG,  METODO MARTINOTTI,  Silvano Follador,  VENETO

    2018, Valdobbiadene Prosecco Superiore Brut Nature, Silvano Follador

    Siamo nell’eccellenza della denominazione. Profumi nitidi di pera matura e granulosa, soda e croccante, mista a terra calda e fiori da alberi da frutto. All’assaggio bellissima freschezza perfettamente integrata in un sorso pieno e marcatamente salino. La sensazione chiara che la bevuta possa allungarsi fino al fondo della bottiglia, senza soffrirne. Sorso di primavera

  • 2016,  Asolo Prosecco,  Bele Casel,  DOCG,  METODO MARTINOTTI,  VENETO

    2016 Asolo Prosecco Vecchie Uve, Bele Casel

    Luca Ferraro, movimentista-prosecchista in quel di Caerano San Marco, propone il suo progetto più ambizioso: un vino da vecchie uve (rabbiosa, marzemina bianca, perera, bianchetta trevigiana, glera) da vinificare con metodo Martinotti lungo e affinamento Matusalemme (3 anni). Piace per la finezza estrema del perlage, ma soprattutto per la convivenza tra i sentori primari tipici del Prosecco e note più mature ed evolute, quasi lievitose. Una nota erbacea amaricante sul finale chiude una bevuta di gran gusto, ancor più soddisfacente se d’accompagno alla tavola.