• 2010,  AOC,  BOURGOGNE,  CHAMBOLLE-MUSIGNY,  FRANCIA,  Ghislaine Barthod,  ROSSI

    2010 Chambolle-Musigny, Ghislaine Barthod

    Bere un vino di Ghislaine Barthod equivale ad infilare nella stessa frase le parole severità e Chambolle.Non sono vini semplici da trovare quelli di Ghislaine, femmina elegante e dura dal parentame nobile (borgognonamente  parlando), eppure sono bottiglie che ripagano sempre ed in ogni caso lo sforzo della ricerca.Certo, se ci si vuole accontentare dell’idea di accostare un territorio – quello di Chambolle – a vini per forza suadenti, profondi ma in un certo qual modo teneri, bisogna muovere altrove: perchè i pinot noir di Ghislaine sono innervati da una tensione e da un’austerità che li rende originali nella loro espressione.Non che questi liquidi manchino di riconducibilità territoriale – tutt’altro –…