• 2003,  Colli Berici,  Dal Maso,  DOC,  ROSSI,  VENETO

    2003 Merlot Casara Roveri, Dal Maso

    Annata infuocata, il che in queste zone significa zuccheri a bomba che poi devono essere gestiti. Molta prugna più scura, il tratto vegetale sul vino è più impostato su erbe calde, quasi macchia; cambia la spezia, ma secondo me qua gioca anche come ha lavorato il legno, perché abbiamo anche una rugosità in bocca diversa. Il vino ha una freschezza interessante per l’annata, ma anche una velatura complessiva data dal mix materia/affinamento. L’annata lo rende più statico, molto bene per un 2003 comunque, perché non ha nessun affanno.

  • 2015,  Colli Berici,  Dal Maso,  DOC,  ROSSI,  VENETO

    2015 Merlot Casara Roveri, Dal Maso

    Siamo nel periodo recentissimo, forse anche ad un punto di svolta, perché penso sia difficile andare oltre a questa struttura (naturale) senza poi piantare il vino che invece in questo caso si muove: molta prugna, mirtillo, molta spezia, un tratto di cacao ma anche una nota ferrosa. Bocca esplosiva, la materia c’è eccome ma annata e mano fanno la differenza, rispetto ad una 2003: quindi sì, ciccia ma non grasso eccessivo, torna la spezia e il frutto pieno – è un bimbo questo vino, ma la cosa interessante è che sotto si sente comunque la matrice leggermente vegetale, espressa in forma di note aromatiche che danno dinamicità, assieme a una…

  • 1999,  Colli Berici,  Dal Maso,  DOC,  ROSSI,  VENETO

    1999 Merlot Casara Roveri, Az. Vinicola Dal maso

    Merlot Casara Roveri 1999, altra epoca, altro mondo, appena stappato parte con una riduzione animale ma nulla di preoccupante, 10 minuti ed il vino esce bello nitido su frutto morbido e sentori di bosco con ancora viva la mora, bel tratto muschiato fresco, spezie delicata, si sente la terra umida, il tabacco, una leggera nota di camino spento, ma la vera differenza la fa in bocca dove una bella acidità e dei tannini fini danno la sveglia al frutto, il vino è vivo, sta su, anzi si stende ed allunga ma sempre in gentilezza portando il merlot su un piano territoriale “dolce” dove ci si raccorda al paesaggio elegante. Queste…

  • 2019,  Colli Berici,  DOC,  Piovene Porto Godi,  ROSSI,  VENETO

    2019 Tai Rosso Soc. Agr. Piovene Porto Godi

    Tai rosso 2019, ex Riveselle (l’uso di questa menzione è in fase di definizione), uno dei vini su cui i Colli stanno puntando al netto delle varie anime. In questo caso una versione giocata bene: parte vegetale, erba, rosmarino, molto ginepro, un timbro classicamente vinoso che poi si apre rapido anche sul frutto rosso, con la fragolina e la ciliegia, il tutto con una bella freschezza olfattiva. In bocca una piccolissima imprecisione carbonica in questa fase giovanile e un timbro inizialmente più sulle parti dure, con la parte vegetale/speziata che, unita all’ acidità, dà una lieve astringenza anche se la polpa è presente. Va detto che questa impostazione “dura” è…

  • 2016,  Colli Berici,  DOC,  Piovene Porto Godi,  ROSSI,  VENETO

    2016 Vigneto Pozzare, Soc. Agr. Piovene Porto Godi

    Pozzare è a maggioranza cabernet sauvignon con una pennellata di franc: impostazione molto classica, in cui si punta alla piena maturità delle uve per tirare fuori un vino che parte leggermente erbaceo e vira rapido sulla spezia, la cannella, il frutto rosso scuro e il lieve cioccolato fondente. In bocca la massa importante (15,5%) si avverte meno del previsto, ha coerenza col naso, è un bordolese nella sua natura, al netto dei terreni che “spingono”. Di buona bevibilità e dinamica, non si pianta nel bicchiere ed anzi invita alla beva, segno di un buon lavoro, facilitato dalla capacità di adattamento delle uve su quei colli – uve che quasi digeriscono…

  • 1983,  AOC,  BORDEAUX,  FRANCIA,  ROSSI,  SAINT-ÉMILION GRAND CRU

    1983 Château Pavie, Château Pavie

    Annata importante, decisamente: in tavola il confronto 1983 Vs. 1982 promette potenziali scintille. Il 1983 sembra più spento, più caldo, con un timbro che parte sul vegetale leggermente scomposto e va pian piano a sfumare su una nota calda di mou e tabacco, senza però fare la differenza. Il vino ha spessore, sia chiaro, ma ha anche a mio avviso qualche lieve deviazione da stanchezza, derivata forse dal percorso che ha portato questa bottiglia a noi oggi. Presa singolarmente comunque tanto di cappello, fa in ogni caso la sua gran figura, lotta con gli italiani di gran rango in tavola e si beve assolutamente senza patemi, lo dico a scanso…

  • 1997,  AVA,  CALIFORNIA,  Napa Valley,  North Coast,  USA

    1997 Napa Valley Cabernet Sauvignon, Shafer Wineyards

    Napa, California. Se cercate la Borgogna o avete solo quella in testa passate serenamente oltre: questo è un notevole rappresentante del suo territorio, dovrebbe essere tutto cabernet sauvignon, ma credo che la briciola di merlot sia scivolata dentro. Mirtillone robusto e cioccolato fondente in partenza, poi un bel vegetale da sottobosco, buon tratto aromatico, balsamico con la speziatura sul ginepro e sandalo, non estremamente variegato ma decisamente profondo. In bocca è coerente, tessuto morbido con tannino fuso senza essere molle. Si intuisce la ricerca della maturità perfetta delle uve, il vino è dinamico e l’evoluzione è perfettamente a punto, coerente con i suoi 23 anni. Legno gestito molto bene, non…