• 2019,  DOC,  LIGURIA,  Maccario Dringenberg,  Rossese di Dolceacqua,  ROSSI

    2019 Dolceacqua Curli, Maccario Dringenberg

    Delle annate del nuovo corso, intrapreso da Giovanna Maccario su questa vigna storica di rossese (dalla sperimentale 2012 in poi), questa è probabilmente la migliore versione. Considerandone l’insolita estroversione aromatica, viene da pensare che la grande annata -quando è grande davvero- agisca sul “grand cru” di Perinaldo in modo imprevedibile, rarefacendone la trama anziché ispessendola. Sarebbe stato interessante indagarne l’esito in una annata simile come la 2010, per verificare tale ipotesi. Andando al bicchiere: peonia, gelso nero, pepe rosa, incenso, ginepro e rotella di liquirizia, al naso, e sorso di grande distensione, dagli accenti baritonali e meno astringente del solito. Sapore addensato con echi affumicati, persino abbrustoliti, come raramente si…

  • 2018,  DOC,  LIGURIA,  Maccario Dringenberg,  Rossese di Dolceacqua,  ROSSI

    2018 Dolceacqua Curli, Maccario Dringenberg

    Càpita, a volte, che i vini sono i qualcosa di qualcos’altro. Tipo il Taurasi che è il Barolo del sud, hai presente – che poi non ho mai sentito dire che il Barolo sia il Taurasi del nord, sarebbe pure divertente da usare – ma non divaghiamo. Insomma, il nostro Curli, questo Rossese di Dolceacqua che ho nel bicchiere, viene da una vigna che è (nientemeno) la Romanée Conti d’Italia. Quindi che facciamo? Ce ne bulliamo o pensiamo che sia comunque un modo un po’ riduttivo di presentare un’eccellenza, riferendola a qualcos’altro? Ai posteri l’ardua eccetera. Di fatto il mitico vigneto Curli ha sempre dato cose encomiabili, e ora che…