• 2019,  DOC,  Marco Capitoni,  Orcia,  ROSSI,  TOSCANA

    2019 Troccolone, Capitoni

    Il Troccolone di Marco Capitoni è un vino genuino ed espressivo, sincero. Un sangiovese in purezza, egregio rappresentante della filosofia aziendale, che ha puntato sulla valorizzazione della materia prima: l’uva. Partiamo da qui. Obiettivo primario di questo Orcia Sangiovese DOC è quello di mettere in primo piano, di far spiccare sopra ogni cosa il vitigno. Il resto, semmai, viene di conseguenza. E’ un vino che vuole esplicitare in ogni modo la freschezza, la prontezza, la bevibilità. Da bere giovane per goderne le bellezze da ogni punto di vista: visive, olfattive e gustative. Ogni dettaglio rimanda alla semplicità, alla schiettezza, all’immediatezza. Intanto la scelta della bottiglia in vetro trasparente, affatto frequente…

  • 2018,  IGT,  La Querce,  ROSSI,  Toscana,  TOSCANA

    2018 Terra diVino, La Querce

    Dall’Impruneta, zona storica di produzione di terracotta che fa nascere le anfore più diffuse nell’enologia italiana, ecco un vino che unisce territorio e terreno nel senso di argilla stessa del comune dove crescono le uve di sangiovese che vi maturano. Note di ciliegie e marasche in infusione, tabacco, anice e finocchietto, spezia fine e soffusa, sorso piccante con bella dinamica e grazia espressiva: la compiutezza e piacevolezza dell’anfora ben declinata sul sanguigno e intenso carattere dei vini dell’Impruneta. Fermentazione in orci di terracotta con durata di 21 giorni, con follature per almeno 3 volte al giorno per una migliore estrazione dei colori e tannini più morbidi; al termine della fermentazione…

  • 2013,  BIANCHI,  MACERATI,  Ricci Carlo Daniele,  VINO

    2013 Io Cammino Da Solo, Daniele Ricci

    Il timorasso, questa volta è vinificato in anfore interrate. Vigne giovani per un progetto che Daniele Ricci porta avanti da qualche tempo. L’uva macera per un centinaio di giorni in anfora, quindi passa in legno e una volta imbottigliata resta lungamente in affinamento prima della commercializzazione.Nel Tortonese l’annata 2013 fu complicata. Quando i Timorasso delle varie aziende uscirono sul mercato presentavano spesso problemi, se così posso chiamarli, che allora imputai alla non perfetta maturazione delle uve. Problemi che, ribevendo oggi quegli stessi vini, sono stati spesso risolti dal tempo e, per chi scelse di farla, dalla macerazione. Questo vino, come da dichiarazione onomastica, è ovviamente un caso a parte.Di colore…

  • 2018,  BIANCHI,  IGT,  La Lupinella,  Toscana,  TOSCANA

    2018 La Lupinella Bianco, La Lupinella

    Siamo tra le bellissime colline tra Vinci e Montespertoli e qui nasce questo nuovo bianco da uve trebbiano maturato in cocciopesto e anfora, modaiolo per piacere agli amanti del naturale ma preciso e rigoroso dal punto di vista enologico. Sorso e naso freschissimo e acido, agrumi menta ribes bianco, pepato, lieve ammandorlato, finale citrino e incalzante con una nota appena tannica da macerazione che ne aumenta spessore e complessità. Ottimo su crudi di pesce cui rimanda fin dall’etichetta.

  • 2017,  IGT,  ROSSI,  Toscana,  TOSCANA,  Tua Rita

    2017 Keir, Tua Rita

    Da uve syrah 100% in Val di Cornia (Suvereto). Naso arioso di vetiver, sandalo e cassis, tapenade, tabacco, lavanda e mirto, garrigue e refoli balsamici, sorso spedito e croccante, passo agile leggero e saporito, stuzzica e seduce con grinta pepe e balsamico che torna a ondate. Ad ogni sorso aumenta la nota ferrosa e pepata mentre il tannino si occupa del bellissimo frutto, rivoli di more e pepe si avvicendano fino al finale leggero e sorprendentemente delicato ed elegante.

  • 2017,  DOC,  Petrolo,  ROSSI,  TOSCANA,  TOSCANA,  Val d’Arno di Sopra

    2017 Val d’Arno di Sopra Bóggina, Petrolo

    Dei tre Bòggina della Tenuta di Petrolo di Luca Sanjust, questa versione è quella che ha già raggiunto definizione nella trama tannica e riconoscibilità e ampiezza aromatica, anche grazie all’uso accorto dell’anfora, che lo rende fresco e immediato pur in annata problematica come la 2017. Dei tre questo è “A” poi contiamo il “B” che è il Bòggina classico in legno e il “C” che è il bianco a base trebbiano. Questo è davvero un grande sangiovese da vecchie vigne del Valdarno, riconosciuta zona storica dal famoso bando di Cosimo de’ Medici del 1716, quella che comprendeva anche Carmignano, Rùfina e Chianti Classico. Naso sanguigno elettrico fine elegante, amarene ribes…