• 2017,  Ampeleia,  Costa Toscana,  IGT,  ROSATI,  TOSCANA

    2019 Rosato di Ampeleia, Ampeleia

    10% di alcol, profumi mediterranei e mucchi di sale impilati ad asciugare al vento e al sole. Da uva intera di alicante lasciata in infusione nel mosto di carignano, che tradotto vuol dire un 20% di grappolo intero di alicante e un 80% di uve carignano vinificate in bianco a gorgogliare allegramente insieme, è figlio di terreni con buona presenza di sabbia, ed è una novità assoluta in casa Ampeleia. Un vino che parla una lingua minerale, intessuta di fiori ed erbe aromatiche, e poi di ciliegia croccante, forse acerba. Un vino stratificato, senza complicazioni (e inutili complessità), di schietta espressività territoriale. L’antitesi vivente del rosa banale: 10% di alcol…

  • 2017,  IGT,  La Felce,  LIGURIA,  Liguria Di Levante Rosso,  ROSSI

    2017 Reconteso, La Felce

    Toulì. In genovese vuol dire “eccolo lì”, col tono un po’ di chi si dispiace ma alla fine se l’aspettava. Toulì, il vino naturale: pulito non è, fine nemmeno, il brett è accennato e la durezza da volatile, manco a dirlo, c’è. Però c’è una forza, un’energia – ecco, la parola magica è energia, questi sono vini energetici ed energici. Poi c’è quell’altra parola salvifica, gastronomico. Quindi passiamo direttamente al punteggio che si capisce meglio.