• 2016,  DOC,  EMILIA ROMAGNA,  Marta Valpiani,  Romagna,  ROSSI

    2016 Romagna Sangiovese Superiore Rosso, Marta Valpiani

    “La 2016 è l’annata che vorrei avere ogni anno” è la dichiarazione, captata sul web, di Elisa Mazzavillani, artefice del Marta Valpiani Rosso. Elisa si esprime ancora sulla 2016: “questo è un millesimo di grande fascino, energia ed eleganza, grazie anche alla bassa gradazione alcolica”.Sono passati quattro anni dalla vendemmia 2016 e il mio assaggio conferma le aspettative di Elisa con l’aggiunta di piccoli segnali di evoluzione che vestono il vino di sfumature scure sia all’olfatto che al gusto. Il sangiovese del Marta Valpiani Rosso cresce su argille rosse ricche di ferro, con scheletro in calcare e sasso spungone. La pratica vitivinicola biodinamica, non invasiva e rispettosa dell’espressione territoriale e…

  • 2011,  DOLCI,  EMILIA ROMAGNA,  Marta Valpiani,  ROSSI,  VINO D'ANNATA

    2011 Vino Rosso da uve stramature EL, Marta Valpiani

    EL non è soltanto the sound of Joy come nel celebre pezzo jazz di Sun Ra and the Arkestra ma anche l’ultima annata prodotta di un passito davvero spaziale (70% malbo gentile 30%, cabernet sauvignon) che entra di diritto nella mia sacra triade personale dei passiti rossi prediletti: precisamente dopo il Ratafià di Praesidium e prima del Ciauru j passula di Viteadovest. Ho scelto la musica perché qui si parla di un passito di cui è difficile rendere la godibilità a parole e in generale qualunque vino mi evochi suggestioni musicali – magari soffro di qualche forma di sinestesia – rimane impresso molto più a lungo nella mia memoria. Potevo…

  • 2018,  BIANCHI,  DOCG,  EMILIA-ROMAGNA,  Marta Valpiani,  Romagna Albana

    2018 Romagna Albana Secco Madonna dei Fiori, Marta Valpiani

    Madonna dei Fiori 2018 di Elisa Mazzavillani (vini Marta Valpiani) è un’ottima interpretazione di Albana da vecchie viti. Dall’aspetto d’oro colato e dal naso piacevolmente appassito capite già che si tratta di un bianco con il corpo e la sostanza di un rosso. Nell’etichetta Elisa ha ritratto un Hemerocallis o bella per un solo giorno, un giglio dorato, che a dispetto della breve vita significa “io persevero”. L’immagine rappresenta bene il carattere indipendente d’Albana e della produttrice. Il sorso è fresco, a dispetto dei 13 gradi, vibrante, come i vini che provengono da uve supersane, e un po’ tannico come è nella natura scontrosetta dell’albana. Deliziosamente salato il finale che…