• 2016,  Barolo,  DOCG,  Parusso,  PIEMONTE,  ROSSI

    2016 Barolo Mosconi, Parusso

    Non è questo l’indirizzo presso cui fare una sosta se si hanno nel mirino i Barolo più tradizionali, magari prodotti da vignaioli che preferiscono anche fare un passo indietro in fase di vinificazione. Marco Parusso rivendica con un certo orgoglio tutto quello che che negli anni ha pensato, studiato, applicato per arrivare a uno stile tanto personale quanto definito, riconoscibile. Dall’appassimento delle uve per rendere più nobili i raspi alla macerazione a freddo, fino a un uso quanto mai convinto del legno piccolo. Il Mosconi tra le MGA aziendali (2016 ennesima conferma della grande bontà dell’annata) è quella che oggi appare più in forma, definita nelle forme e sinuosa nella…

  • 2016,  Barolo,  DOCG,  Parusso,  PIEMONTE,  ROSSI

    2016 Barolo Mariondino, Parusso

    Tutti i Barolo di Marco Parusso sono delle piccole bombe di profumi e di sapore, caratteristiche che vengono ricercate dal produttore con particolare meticolosità, specie nell’uso di diverse temperature in fase di vinificazione (la macerazione a freddo, la fermentazione a temperatura controllata). Il Mariondino tra le MGA assaggiate è quella che appare un po’ più esile in termini di talento espressivo, tanto potente e appagante quanto meno espressiva e definita dei suoi “fratelli” Bussia e Mosconi. Barolo 2016 che appare inaspettatamente più pronto, molto molto tostato nel carattere tanto da farsi ricordare per tonalità che spaziano dal tabacco alla liquirizia, dal rovere a spezie quali il pepe e soprattutto la…

  • 2016,  Barolo,  DOCG,  Parusso,  PIEMONTE,  ROSSI

    2016 Barolo Bussia, Parusso

    Tra le MGA di casa Parusso Bussia è quella forse che porta ai vini più fini, più ricchi di dettaglio. Si tratta di assaggio che oggi appare un po’ più indietro degli altri (aggiungo: per fortuna), la cui trama tannica è meno piaciona e sottile. Non si tratta però di assaggio che paga in potenza, anzi. È pur sempre un Barolo di Marco Parusso, e allora ecco fare capolino tutta quell’intensità balsamica che caratterizza il tratto dei suoi vini, qui affiancata da toni meno speziati e meno di frutta in confettura e più di pesca e di cocomero. Ricco, morbido ma tutt’altro che cedevole, chiude con una nota molto fine…