• AOC,  CHAMPAGNE,  Erick Schreiber,  FRANCIA,  MÉTHODE CHAMPENOISE

    Champagne Extra Brut, Erick Schreiber

    Courteron, inizi anni ‘90. Erick Schreiber, insieme agli amici e vicini di casa Fleury e Alain Réaut, decide di rivoluzionare tutto e dedicarsi interamente alla biodinamica. Ormai sappiamo che è abbastanza consueto, nella Champagne del Sud, trovare vigneron irremovibilmente vocati verso il concetto di terroir. D’altronde, siamo vicinissimi alla Borgogna e, oltre allo stesso suolo kimmeridgiano e lo stesso clima, più rigido rispetto a quello del Nord, qui troviamo quell’ostinazione volta a preservare il più possibile la fertilità del terreno, la protezione delle specie viventi e il rifiuto di contaminazioni chimiche che disturbino l’equilibrio e l’armonia della vigna con il cosmo. Pratiche che, spesso, comportano rischi, enormi difficoltà, il più…