• 2001,  DOC,  DOCG,  I Botri di GhiaccioForte,  Morellino di Scansano,  ROSSI,  TOSCANA

    2001 Vigna I Botri Riserva, I Botri Di GhiaccioForte

    In forma smagliante. Ampio, mirabile bouquet evolutivo con terziari molto fini. Rose passe, cuoio, curry verde, borovnica, maraschino, vermouth, gelatina di ribes. Bocca leggiadra, agile e fresca, ariosa di piccoli frutti rossi in essenza per tutto il sorso, ornata d’acqua di rose, armelline, curcuma, chiodo di garofano e lavanda. Chiude brioso con kirsch, noce moscata e tè gunpowder, fresco, pungente di piccoli tannini. Morellino/sangiovese in prevalenza, saldo di prugnolo gentile/sangiovese, alicante e ciliegiolo.

  • 2005,  DOC,  DOCG,  I Botri di GhiaccioForte,  Morellino di Scansano,  ROSSI,  TOSCANA

    2005 Morellino di Scansano Riserva Vigna I Botri, I Botri di GhiaccioForte

    Sul colle dirimpetto all’azienda si scorgono i resti di Ghiaccio Forte, città etrusca della valle dell’Albegna distrutta da Roma nel III sec. A.C. e oggi testimoniata dal pregevole sito archeologico. Siamo nei pressi di Scansano. Per Scansano suono come un vecchio vinile. Suono in mono, suono felice e non sento la minima necessità di remastering e stereo. Devo questa felice monofonia ai Botri, al loro Rosso e alla sua costanza nel rinnovare il piacere dell’ascolto. A un bouquet in teoria impegnativo per i cenni di terra e animali (selvaggina, sangue, pellame) ricorrenti in varie annate, oppone nei fatti l’unitarietà dell’espressione olfattiva compendiata da un frutto schietto e scuro (marasca, mora,…