• 2019,  Alto Adige,  Armin Kobler,  BIANCHI,  DOC,  TRENTINO-ALTO ADIGE

    2019 Gewürztraminer Feld Alto Adige, Kobler

    Il Traminer di Kobler è una delle mie etichette di riferimento, e all’assaggio probabilmente mi condiziona il fatto di essere un fan da lungo tempo. Però questo bianco aromatico da sempre per me si stacca dalle declinazioni tipiche del vitigno, spesso giocate sull’eccesso e la ridondanza – inevitabili, forse, date le caratteristiche dell’uva. Qui il tono asfaltante di certi Gewürz è per fortuna messo a bada dalla freschezza, dall’acidità vivida, che tiene in bolla il risultato finale. E tutto questo nonostante il grado alcolico non esattamente lieve. Il 2019 si annuncia bello già al colore, oro brillante. Il corredo aromatico ha il suadente petalo di rosa in primo piano, accompagnato…

  • 2019,  Alto Adige,  Armin Kobler,  ROSATI,  TRENTINO-ALTO ADIGE

    2019 Kotzner Sudtiroler Merlot Kretzer, Armin Kobler

    Questo è un rosato che necessita di un disclaimer. Se l’idea è quella di bere un rosé leggero, aereo e poco impegnativo, bisogna avvertire che Kotzner è molto distante da questi parametri. Forse si fa prima a dire: questo non è un rosato. Ma siccome il colore è quello, si deve dribblare con “non è un rosato come gli altri”. Insomma non è facile da annunciare. Tutte ‘ste premesse servono a prevenire lo spiazzamento che provoca l’assaggio. Il colore è vivido e carico, per quanto possa essere carico un vino rosa – ma è al naso che sorprende: profondo di frutti rossi e floreale di rosa, esagera in maniera incontrollata…

  • 2015,  Alto Adige,  Armin Kobler,  DOC,  ROSSI,  TRENTINO-ALTO ADIGE

    2015 Alto Adige Puit, Weinhof Kobler

    Due giorni di gita in Alto Adige mi hanno messo voglia di approfondire. Per motivi di tempo non siamo passati dai Kobler. Ho cercato di rimediare con questo cabernet franc che avevo in cantina. Sicuramente non è vitigno tipico della zona ma il franc è sempre il franc. Svito il tappo, ché Armin Kobler aborre il sughero, e via nel calice.Naso di peperone, carnoso e al forno, con note di ciliegia candita, mora di gelso nero, una spezia che potrebbe essere pepe rosa. Il legno dell’invecchiamento si è bene integrato e il sorso che risulta è robusto, sostenuto anche dall’alcol, eppure scorrevole. È buona la freschezza, buona la persistenza ma…