• 2018,  Antonio Camillo,  IGT,  ROSSI,  TOSCANA,  Toscana

    2018 Ciliegiolo Vallerana Alta, Antonio Camillo

    La Vallerana Alta sta lì, a metà strada tra Manciano e Capalbio, nel grossetano. Il Ciliegiolo di Antonio Camillo arriva dal singolo cru con vigne di oltre 60 anni età. Già questo basterebbe a far venire voglia di assaggiarlo. L’uso limitato di solforosa aggiunta ed i lieviti indigeni utilizzati non lo classificano completamente tra i “vini naturali” (perché controlla la temperatura in fermentazione) ma lo rendono comunque un grande vino. Trasparente nel calice, intensità ricca di profumi sinceri (spicca tanta ciliegia matura – sembra scontato da un vitigno con questo nome, ma tant’è!). Si aggiunge la susina ai richiami di viola e rosa rossa che ne arricchiscono il corredo olfattivo. L’assaggio…

  • 2019,  Antonio Camillo,  IGT,  PRODUTTORI,  ROSSI,  TOSCANA,  Toscana

    2019 Rosso Toscana, Antonio Camillo

    Problema: sia data un’orda di degustatori poveri e assetati. Si consideri il fatto che le cantine non abbiano più spazio per imbottigliare. Tenuto conto delle coraggiose to do list su come comprare il vino al supermercato uscite a inizio lockdown. Considerato che al supermercato vicino casa trovo solo vino di merda. Come si può continuare a mantenere costanti i consumi, se l’ammontare sul vostro conto corrente, tende sempre più allo zero? La mia soluzione è il bag in box (senza trattini perché sono pigra). Certo, rievocare la parola sfuso in Italia significa richiamare alla memoria periodi tristi. Dove il sud era serbatoio di vini da taglio, dove alcuni Amarone erano…

  • 2014,  Antonio Camillo,  IGT,  Maremma Toscana,  ROSSI,  TOSCANA

    2014 Ciliegiolo Vigna Vallerana Alta, Antonio Camillo

    Curioso che uno dei vini più buoni abbia mai assaggiato di Antonio Camillo sia quello prodotto nel 2014, di gran lunga l’annata più fredda del decennio. Eppure il suo Vallerana Alta – il suo Ciliegiolo prodotto a partire dal suo appezzamento più importante – in questa vendemmia altrove così sfortunata è squisito, di una compiutezza a tratti disarmante. Ha quel succo, quella croccantezza che caratterizza la tipologia ma al tempo stesso è capace di lavorare su diversi livelli: è fresco e appuntito, è saporito e goloso. Nota di sorpresa: a distanza di 6 anni spicca per integrità ed equilibrio. Non è vino solare come ci si aspetterebbe da un maremmano,…