• 2017,  Lisboa,  PORTOGALLO,  PRODUTTORI,  Vale de Capucha,  Vinho Regional

    2017 Fossil Branco, Vale de Capucha

    Il Fossil Branco è prima di tutto un vino di luogo. Al gusto ci riconsegna sensazioni gustative, in particolar modo tattili, che trascrivono la trama del luogo (clima, suolo, tradizioni) in cui è nato. Come un insetto intrappolato nell’ambra o come un fossile, se si potessero gustare. Siamo in Portogallo a 10 km dalla Costa Atlantica, dove le alte temperature sono mitigate dalla brezza marina. I paesi nei dintorni dell’azienda Vale de Capucha, hanno nomi poetici ed evocativi come Ventosa, Runa, Turcifal e la conchiglia sull’etichetta fa intuire che si tratta di un terroir estremamente vocato, intessuto di argille e calcari del kimmeridge e di quegli amabili resti marini che…

  • 2011,  DÃO,  PORTOGALLO,  Quinta Vale das Escadinhas,  ROSSI

    2011 Touriga National Dão Quinta da Falorca, Quinta Vale das Escadinhas 

    Il vantaggio di avere qualche anno in più, per esempio, è che ci si può divertire a fare le pulci a un vino di oggi usando i criteri di 25 anni fa, o viceversa. Esercizio quanto mai appagante perché ci consente, storicizzando, di perdonare i nostri peccati di gioventù: “come ho fatto a dare 94 a questa polenta nel 1991 ?”, “perché annotavo “pozzanghera” nel primo assaggio di Poggio di Sotto, e non piuttosto “vaghi toni fluviali” ?” Questo Touriga National, che nel 1994 avrebbe raggiunto in scioltezza le finali del Gambero (e io gli avrei assegnato un bel 91 senza soverchi problemi), oggi verrebbe sbertucciato sulla pubblica via dai…