• 2018,  ANJOU,  AOC,  BIANCHI,  Thomas Batardiere

    2018 Esprit Libre, Thomas Batardiere

    François Morel, scrivendo della Loira nel bellissimo opuscolo edito da Possibilia Editore, afferma che bisognerebbe parlare di “Le Loire”, al plurale, tanti sono i terroirs che si succedono nella vallata di questo fiume, “diversi quanto è cangiante il suo corso”. Dal bianco di Nantes al gamay dell’Alvernia, dallo chenin secco di Anjou fino al sauvignon blanc del Berry, dai passiti dolci al franc di Amur o di Tours ecc. Anjou, denominazione in cui si trovano le vigne di Thomas Batardiere, è terra di vini dolci o moelleux a base chenin, chiamato localmente Pineau de la Loire. Piuttosto che ottenere uve naturalmente botritizzate, a causa di devastanti leggi di mercato si…

  • 2017,  ANJOU,  AOC,  BIANCHI,  Domaine Ogereau,  FRANCIA,  LOIRE

    2017 Vent de Spilite, Domaine Ogereau

    Le cose poco chiare sono il retro delle cose efficaci e lampanti, M.Haruki.  Ci sono delle epifanie che senza spiegazioni hanno cambiato all’improvviso la mia visione delle cose: il mio primo sorso di chenin blanc è una di queste. Nel corso di ripetuti assaggi negli ultimi quindici anni, ho capito che non c’è niente da capire sull’andamento ondivago degli chenin di Anjou. Acidità sferzanti che si intrecciano con sapori di frutta macerata, pennellate burrose riequilibrate da manciate di sale.   Catherine e Vincent Ogereau gestiscono oggi la cantina fondata negli anni novanta del 1800. Dal 1989 conducono l’azienda in un crescendo qualitativo continuo condividendo la passione per il vino e…

  • 2017,  ANJOU,  AOC,  FRANCIA,  LOIRE,  ROSSI

    2017 Anjou Le Roc, Domaine Delesvaux

    Loira: un tempo la associavo ai castelli, oggi al vino. Credo sia il segno di un’evoluzione, anzi di un innegabile ed evidente invecchiamento. Insomma, si passa da quello che dicono i libri di scuola alle bevute di amici che danno consigli e con cui si finisce per discorrere di terroir e macerazioni. Poi se con questi amici affronti il tema Loira ti stai infilando in un ginepraio: regione articolata e ricca se ce n’è una. Ma d’altronde anche i castelli erano un bel po’. Detto questo, qui abbiamo un Cabernet Franc che affina solo in acciaio, da produttore noto soprattutto per i suoi Chenin dolci e/o da uve botritizzate (lo…

  • 2018,  ANJOU,  AOC,  Chateau La Franchaie,  FRANCIA,  LOIRE,  ROSSI

    2018 Anjou Cab’haut, Chateau La Franchaie

    Eric Dubois, dopo aver riportato in auge Clos Cristal, avvia la sua nuova avventura a La Possoniere, con circa 5 ettari tra cabernet – franc e sauvignon – e chenin blanc. Questo rosso giovanissimo gioca sulla potenza del frutto; il cabernet franc è ancora nascosto, con la nota erbacea che esce dopo un po’ dall’apertura. Grandissimo equilibrio comunque, tra acidità e tannicità appena disegnata. Quello che impressiona è soprattutto la bevibilità, vino semplice, ma di gran classe. Chapeau!