• 2013,  AOC,  BOURGOGNE,  Bruno Clavelier,  FRANCIA,  GEVREY-CHAMBERTIN,  ROSSI

    2013 Gevrey-Chambertin 1er Cru Les Corbeaux, Domaine Bruno Clavelier

    Sulle prime è severo, quasi spento, ma dopo una decina di minuti si apre sulle classiche note di fragole selvatiche, lampone e spezie orientali, sottese da toni più scuri di bacche di sambuco, di te nero e radice di liquirizia. Al palato è tessuto magnificamente, compatto e croccante, sapido e pepato, quasi piccante; è potente non nel significato comunemente usato di peso estrattivo, quanto nella capacità di liberare energia durante il passaggio nel cavo orale. È proprio lì, nel passaggio in bocca, che si distingue: incede deciso, ma con grazia, ha portamento regale, infiltra e riempie di sapore. Domaine Bruno Clavelier21700 Vosne-RomanéeTél. 33 (3) 80 61 10 81domaine-clavelier@orange.fr

  • 2012,  AOC,  Domaine Derain,  FRANCIA,  GEVREY-CHAMBERTIN,  ROSSI

    2012 Gevrey Chambertin En Vosne, Domaine Derain

    Il Domaine Derain nasce a Saint Aubin nel 1988 per mano di Dominique Derain, un nome già celebre per le sue collaborazioni nelle cantine di diversi, prestigiosi, Domaine della Cote de Beaune.In tempi recenti Dominique ha ceduto il Domaine ma questo vino è nato quando esso era ancora saldamente nelle mani di Catherine Derain, in vigna, e Dominique in cantina e ne riflette la cifra stilistica, fatta di un accurato bilanciamento fra eleganza e rusticità..Il vino nasce da una vigna di 90 anni di età, che naturalmente fornisce pochi e concentrati grappoli, inoltre l’annata 2012 è stata caratterizzata da difficoltà vegetative nella prima metà della stagione, producendo ancora meno grappoli…

  • 2005,  AOC,  BOURGOGNE,  Domaine Trapet Père & Fils,  FRANCIA,  GEVREY-CHAMBERTIN,  ROSSI

    2005 Gevrey Chambertin Ostrea, Jean & Jean Louis Trapet

    “Ostrea” è una cuvée di quattro parcelle sparse in uno dei comuni simbolo della Cote d’Or. Nella sua edizione 2005 ha dimostrato di poter essere vino collezionabile alla pari di altre illustri etichette borgognotte di pari millesimo. Oggi apre fresco e incantevole su ciliegia e rose poi allarga su verbena, marasca e fumè, tocca il dattero e vi aggiunge una nota verde intrigante tra humus e spezie scure, graffiante ancora, ma con alcune meraviglie di una maturità già quasi completa.

  • 2015,  AOC,  BOURGOGNE,  FRANCIA,  GEVREY-CHAMBERTIN,  ROSSI,  Thierry Mortet

    2015 Gevrey-Chambertin Vignes Belles, Thierry Mortet

    Thierry Mortet è patron di un Domaine giovane (nato negli anni 90 dalle ceneri di quello paterno) e produce vini dal piglio new classic attingendo principalmente dal parco vigne dei comuni di Gevrey-Chambertin e Chambolle-Musigny. Thierry abbina un atteggiamento consapevole sul campo (da qualche anno la coltivazione delle sue parcelle segue i dettami dell’agricoltura biologica) ad un modus operandi in cantina che palesa grande carattere e mano ferma; i vini sanno essere, di norma, generosi e limpidi: come questo “Belles Vignes” da Gevrey (20 parcelle a comporre il mosaico) che non colpirà per concentrazione, e questo lo rende quasi un alieno – vista l’annata, ma a cui non mancano dinamismo…

  • 2006,  AOC,  BOURGOGNE,  FRANCIA,  GEVREY-CHAMBERTIN,  ROSSI

    2006 Gevrey-Chambertin 1 er Cru Les Coulots Vielle Vigne, Domaine Fourrier

    Era da un po’ che questa bottiglia mi chiamava dalla cantina, questa volta ha alzato la voce ed ho risposto. Non pensavo fosse passato così tanto tempo dall’acquisto ma ecco il momento giusto per aprirla. Spesso capita di bere vini interessanti ingabbiati nella freddezza delle sessioni d’assaggio. Vini che vengono sottoposti ad interrogatorio con il faro negli occhi. Degustati a secco, con le papille gustative avide, pronte a scansionare ogni elemento. Questo non è uno di quei momenti; la bottiglia giace al centro del tavolo, con la mia famiglia, tra chiacchiere, qualche risata e una tagliata a disposizione. Una condizione normale. Il vino sa prendersi la sua parte, non da…