• 2019,  BIANCHI,  DOCG,  Lison,  Ornella Bellia,  VENETO

    2019 Lison Terre Piane, Ornella Bellia

    Quando non si ha fretta, quando le uve si raccolgono surmature, quando si lasciano per 12 ore in pre-fermentativa a 8 gradi, quando dopo averle pigiate in maniera soffice fermentano per 15 giorni a 15 gradi, quando rimangono per un bel po’ di tempo a maturare a contatto con le fecce nobili con costanti bâtonnage, quando si fa tutto questo è molto probabile che il vino che ne nasce sia un vino di grande equilibrio. Ed è esattamente questo il tratto distintivo di questo Lison DOCG 2019 di Ornella Bellia denominato Terre Piane.Ha una luce particolare con tante pagliuzze dorate che ballano nel bicchiere. Il ragazzo si presenta accattivante con…

  • 2018,  Ai Galli,  BIANCHI,  DOCG,  Lison,  VENETO

    2018 Lison Classico, Ai Galli

    Degustare questo Lison Classico in mezzo alla laguna veneziana, in un cason perfettamente conservato e abitato regolarmente, abbinandolo a una frittura di pesce che, da quanto è buona, sarebbe da considerare illegale, beh è un privilegio per pochi. Proviene dai terreni  argillosi/calcarei di Pramaggiore. Il tai è stato raccolto a metà settembre, perfettamente maturo. Ha la buccia sottile, ma ricca di pectina, pertanto gli fanno una macerazione di sole ventiquattro ore però poi, dopo la fermentazione, rimane sulle fecce a maturare per parecchi mesi. Eccolo questo Tai in purezza. Lo so non si dovrebbe dire ma io la mineralità la sento subito, come gli idrocarburi e l’incenso. Come sempre questi…

  • 2018,  BIANCHI,  DOCG,  La Frassina,  Lison,  VENETO

    2018 Lison, La Frassina

    Eccomi a Caorle,nella zona delle bonifiche, costellate da canali che portano al mare. Regno dei casoni, le tipiche abitazioni in canna palustre, dove vivevano i pescatori. Regno anche delle “botti”, isolette artificiali, dove i cacciatori si appostano. In queste botti ha passato molto tempo anche Hemingway e ci ritornava con gran gioia appena poteva. Dicevo, sono a Caorle  dove i terreni sono alluvionali (calcareo-argillosi), a medio impasto con aggregazioni di carbonato di calcio. Su dei terreni del genere mai avrei pensato di trovare un Lison DOCG così particolare. Sicuramente un outsider della denominazione. Una espressione territoriale netta, dove la traccia sapida del sorso è la nota prevalente. È un 2018…

  • 2019,  BIANCHI,  DOCG,  La Frassinella,  Lison,  VENETO

    2019 Lison Classico, La Frassinella

    Ecco il vino che ti sorprende, che ti manda in tilt. Ma è Lison Classico, da uve tai, o è sauvignon? La risposta è che su delle vecchie viti hanno innestato del sauvignonasse e in certe annate la parte pirazinica di questo vitigno prevale. Eccolo allora lui. Il Lison Classico DOCG 2019 de La Frassinella. Molto “scicchettoso” alla vista con quel bel giallo paglierino con riflessi dorati che ti riscalda l’anima. Il naso poi è decisamente complesso, ma con eleganza. Niente di impattante. Tanti piccoli sentori a formare un bouquet da sposa. Bosso, salvia, timo, rosmarino, muschio, resinoso, pesca bianca, nespola, papaia, mango, passion fruit, peonia. Chi più ne ha più…

  • 2018,  BIANCHI,  Borgo Stajnbech,  DOCG,  Lison,  VENETO

    2018 Lison Classico 150, Borgo Stajnbech

    Sono solo 200.000 le bottiglie di Lison Classico DOCG annualmente prodotte da una piccola, ma agguerrita, schiera  di 25 produttori. Il Lison Classico può essere considerato la massima espressione del tocai friulano che nel comprensorio Veneto Orientale è coltivato da moltissimi anni, tanto da poterlo a ragione considerare il capostipite delle fortune enologiche di quest’area. Lungo il corso dei secoli, infatti, con la Repubblica Serenissima di Venezia prima e con la dominazione asburgica poi, si espande in modo sensibile la coltivazione del vitigno tocai a bacca bianca che trova in quest’area il suo habitat ideale. Giuliano Valent, con moglie e figlie, crede profondamente nel suo Lison Classico tanto da battezzare…

  • 2019,  BIANCHI,  DOCG,  Lison,  VENETO,  Vi.V.O. Cantine

    2019 Lison Terre Marciane, VI.V.O.

    2.000 soci e 5.000 ettari di vigneti sia autoctoni che internazionali. Questi i numeri della cantina sociale agricola cooperativa VI.V.O. nata nel 2012. Il loro Lison 2019 è da considerarsi il sorso introduttivo ad una degustazione comparativa. Niente di eclatante, ma grande bevibilità. Si presenta con un bel giallo paglierino con riflessi verdolini. Sentori floreali di fiori bianchi freschi che ricordano il biancospino e il glicine, ma anche fruttati di mela verde e golden. Arriva poi l’agrumato e il fieno fresco. Per essere un prodotto basico ne ha di storie da raccontare. Grande freschezza al palato unita a una sapidita’ di buon livello. Scorrevole e croccante. Puntuale, allegro, con leggera piccantezza da…

  • 2018,  BIANCHI,  DOCG,  Lison,  Tenuta Mulin di Mezzo,  VENETO

    OK 2018 Lison Classico DOCG, Tenuta Mulin diMezzo

    Il Lison Classico per i veneziani  rappresenta le radici, la famiglia. Questo Tai nasce nel caranto che Wikipedia dice provenire dal tardo latino caris (sasso) ed è il nome locale di un paleosuolo pleistocenico costituito da un’argilla limosa, limoso-sabbiosa estremamente compatta, particolarmente presente, come orizzonte stratigrafico, nella laguna di Venezia, ma riscontrabile anche in sedimenti alluvionali della bassa pianura veneto-friulana di cui rappresenta il sedimento pleistocenico più recente. Paleo di qua e paleo di là insomma è un terreno dove non nasce nulla. Solo la povera vite riesce a sopravvivere. Le uve, tocai con parecchi cloni da sauvignonasse, provengono, da un appassimento in vigna per poi macerare per 48 ore. Dopo…