• 2016,  Deltetto,  DOCG,  PIEMONTE,  Roero,  ROSSI

    2016 Roero Riserva Braja, Deltetto

    Il Roero ha fama di essere solo il cugino povero delle Langhe. Se ne sta fermo alla sinistra del Tanaro, dopo che questi decise centinaia di migliaia di anni fa di traslocare più a sud, portando con sé i suoi affluenti, che lasciarono traccia della migrazione nelle celebri Rocche. Sta lì con il suo terreno caratterizzato da grande presenza di sabbia e assenza di acqua, dove i roerini coltivano un gran nebbiolo.Il nebbiolo del Roero Riserva di Deltetto proviene dallo storico vigneto Braja in Santo Stefano Roero. La vinificazione prevede un contatto di 30 giorni tra bucce e vino a cappello sommerso, quindi maturazione in botti e barriques di rovere…

  • 2015,  DOCG,  PIEMONTE,  Poderi Moretti,  Roero,  ROSSI

    2015 Roero Riserva Benedet, Poderi Moretti

    Già presenti in Monteu Roero dal 1630, ciò che oggi è Poderi Moretti non è nient’altro che l’unione di due storiche famiglie del territorio: Occhetti e appunto Moretti. Oggi al timone troviamo Francesco, coadiuvato dai figli Alessandra e Riccardo.Circa 19 ettari di vigneti distribuiti in alcuni tra i comuni più vocati del territorio: Monteu Roero, Montaldo Roero, Santo Stefano Roero, Vezza d’Alba e Govone. La nota zona vitivinicola piemontese che risiede alla sinistra del Tanaro, sta attraversando a mio avviso una fase felice: interesse mediatico e curiosità dei mercati internazionali, d’altronde il potenziale c’è, eccome. Le famose sabbie del Roero prevalgono nettamente a livello morfologico, qua e là contornate da…

  • 2015,  DOCG,  Ghemme,  Mirù,  PIEMONTE,  ROSSI

    2015 Ghemme Riserva Vigna Cavenago, Mirù

    Marco Arlunno, vignaiolo in quel di Ghemme, ama enormemente il suo territorio; attraverso il sorriso ed il modo di comunicare fa trasparire una passione viscerale per l’Alto Piemonte. L’amore si dimostra con i fatti non con le parole: filosofia dedita al minimo impatto tanto in cantina quanto in vigna, si interviene il meno possibile e solo in estremi casi allo scopo di garantire alla pianta il supporto necessario per la sussistenza. Possiede 10 ettari di proprietà che gestisce in prima persona dal 2009, anche se l’azienda collabora con l’università di Milano, facoltà di Agraria, Viticoltura ed Enologia, dal 1986. Il suo non è campanilismo è solo consapevolezza di svolgere un…

  • 2016,  Barolo,  Diego Morra,  DOCG,  PIEMONTE,  ROSSI

    2016 Barolo Monvigliero, Diego Morra

    Azienda piccola ma non piccolissima trovandosi in Langa, quella di Diego e Francesca: 30 ettari di cui 16 a Nebbiolo da Barolo dislocati tra Verduno, La Morra e Roddi. Marchio abbastanza recente, ma storia generazionale lunga, come accade spesso da queste parti. Una menzione geografica aggiuntiva già mitica, il Monvigliero, che negli ultimi anni ha fatto incetta di super premi. Questa è anche il cuore dell’azienda, infatti di Monvigliero l’azienda Diego Morra ne coltiva 25 ettari anche a Dolcetto, Barbera, Chardonnay e Pelaverga. Mi soffermo sul Barolo: colore didattico perché non troppo scarico ma con bella trasparenza; naso elegante di frutti piccoli e di rosa; in bocca emerge la sua…

  • 2015,  Barolo,  DOCG,  Marrone,  PIEMONTE,  ROSSI

    2015 Barolo Pichemej Docg, Marrone

     “Nonno Pietro diceva che tutti i vini sono buoni, ma solo alcuni Baroli sono “Pichemej” in dialetto piemontese significa “più che meglio”. Uno tra i vini di punta della famiglia Marrone di La Morra (frazione Annunziata), già nota ai lettori d’Intralcio per la mia recensione dedicata al Langhe Chardonnay “Memundis” 2014, è un nebbiolo 100% da cloni “Lampia” e “Michet”, allevati nel suddetto comune e a Monforte d’Alba, i vigneti risalgono al 1975. Nel primo borgo, situato a nord nel comprensorio con esposizione a sud ovest, il terreno è ricco di calcare e argilla, ci troviamo a 270 metri sul livello del mare; nel secondo, esposizione medesima, ma altitudine pari…

  • 2018,  Barbera d'Asti,  DOCG,  Paolo Fasolo,  PIEMONTE,  ROSSI

    2018 Barbera d’Asti Dominante, Paolo Fasolo

    Sono trascorsi ormai quasi due anni da quel bel pomeriggio spensierato a Vigliano Biellese. Durante la manifestazione ”In Vigna Veritas” conobbi Paolo Fasolo di Castagneto PO (TO), un giovane vignaiolo talentuoso che presto farà parlare di sé, ne sono convinto. Tanta è la passione che riserva alle proprie vigne di barbera, e non solo, ubicate nella cosiddetta area collinare delle “Terre Bianche” del Monferrato, ricche di calcare e suoli marnosi; ci troviamo tanto per cambiare in Piemonte, a Pino d’Asti (AT) ad una altitudine di 400 metri sul livello del mare. Un impegno totale che va dalla vigna alla cantina, Paolo ama il suo territorio e lo rispetta in tutto…

  • 2016,  Barolo,  DOCG,  PIEMONTE,  ROSSI,  Sandrone Luciano

    2016 Barolo Le Vigne Docg, Sandrone

    Nel 2016 il Barolo porta a casa davvero dei vini di grande ricchezza. Le Vigne di Sandrone è penetrante fin dal primo colpo di naso, grazie ad un frutto ricco e potente. Fragola fresca e in confettura, ciliegia e frutta secca di nocciola e noce. Note floreali marcate di lavanda, spezie dolci, menta e liquirizia. Sul finale spicca un importante nota di caffè e tostatura, che ne sottolinea la profondità. Tannino marcato e graffiante. Un vino profondo e già molto pronto alla beva. Si prospetta sontuoso con qualche anno in bottiglia. Un gran vino, soddisfacente, austero.

  • 2016,  Amalia Cascina in Langa,  Barolo,  DOCG,  PIEMONTE,  ROSSI

    2016 Barolo Le Coste di Monforte, Amalia Cascina in Langa

    La MGA Le Coste di Monforte è localizzata immediatamente ad est del centro abitato di Monforte d’Alba, affacciata sul confine meridionale della denominazione Barolo. Il suolo è marnoso, marne di Sant’Agata fossili-sabbiose se vogliamo fare i secchioncelli. Giova ricordare che Monforte d’Alba poggia le fondamenta su suolo Elveziano, dunque di origine più antica rispetto al versante opposto Tortoniano (quello di Barolo e La Morra), che dà vita a dei Barolo più potenti e longevi.Il Barolo Le Coste di Monforte 2016 di Amalia Cascina in Langa è stato prodotto a partire da uve vendemmiate il 18/10/2016, 20 giorni di contatto con le bucce, 12 mesi di barriques non nuove, successivi 15…

  • 2016,  Amalia Cascina in Langa,  Barolo,  DOCG,  PIEMONTE,  ROSSI

    2016 Barolo Bussia, Amalia Cascina in Langa

    La Bussia è una delle MGA del Barolo più estese, compresa nel territorio di Monforte d’Alba salvo per una porzione appartenente al comune di Barolo. Il suolo della Bussia è in linea di massima composto da arenarie di Diano e, per quanto formalmente in territorio Elveziano, si trova a cavallo del confine Tortoniano-Elveziano. E in effetti i vini della Bussia sono noti per l’esuberante carattere fruttato oltre che per il corpo e l’alcolicità pronunciata.Il vigneto Fantini, 0,63 ettari sulla sommità della collina Bussia, è la vigna dove il nebbiolo di Amalia Cascina in Langa comincia il suo percorso che lo porterà ad essere un Barolo. La vendemmia di questa 2016…

  • 2013,  Barolo,  DOCG,  Elio Sandri,  PIEMONTE,  ROSSI

    2013 Barolo Perno Riserva Vigna Disa, Elio Sandri

    Sarà lo spirito un po’ latouchiano (da pronunciare latusciano, da Serge Latouche), sarà l’allergia per i riflettori le riviste patinate le paillettes, sarà che essere molto mainstream, pur non essendo un delitto, è una cosa che mi suona particolarmente detestabile, ancor più nel 2021. Fatto sta che ho sempre avuto un debole per gli invisibili e i re dell’understatement, ed Elio Sandri può rientrare nella categoria di quelli che in fondo un po’ si mimetizzano, non appaiono, non stanno sulla bocca di tutti: il vignaiolo di Perno è in sella da tempo, all’incirca dal 1981, ma pur essendo uno dei più bravi barolisti-tradizionalisti in circolazione non ha cavalcato le onde…